Sabato 25 Marzo 2017 - 14:34

Il californiano Laddie John Dill a Villa di Donato

Marzo 2015: un mese intero di Residenza di artista per Laddie John Dill a Napoli da Art1307, per “catturare” la luce e fonderla con sabbia, alluminio e altri elementi della natura. L'artista californiano, esponente di spicco del movimento americano “Light and Space”, arriva  per la sua personale che inaugura oggi ed è vsibile fino al 27 aprile a Villa di Donato a Capodimonte.
Dopo il successo della collettiva al MACRO di Roma nel 2012 e la mostra “Venice in Venice” collaterale della Biennale di Venezia del 2011, l'artista torna dunque in Italia, grazie ad Art1307,  per rendere omaggio, questa volta, a Napoli e a Caravaggio e presentare opere espressamente concepite e dedicate alla città e ispirate dal grande Maestro della Luce. I lavori di Dill, che lui definisce “light sentences”, sono misteriose combinazioni di sabbia, pannelli di vetro e luci fluorescenti, pensate nel suo studio di Venice in California e ricreate in ogni angolo del mondo. Da domani, giovedì  26 marzo, nelle splendide sale settecentesche di Villa di Donato (antico casino di caccia dei Borbone), l’artista presenterà al pubblico napoletano questo nuovo corpo di opere a cui se ne aggiungerà una spettacolare creata per l’occasione italiana, “sorella” dell’installazione in mostra alla Fondazione Yves Saint Laurent di Parigi.
Dopo il successo della collettiva al MACRO di Roma nel 2012 e la mostra “Venice in Venice” collaterale della Biennale di Venezia del 2011, l'artista torna dunque in Italia, grazie ad Art1307,  per rendere omaggio, questa volta, a Napoli e a Caravaggio e presentare opere espressamente concepite e dedicate alla città e ispirate dal grande Maestro della Luce. I lavori di Dill, che lui definisce “light sentences”, sono misteriose combinazioni di sabbia, pannelli di vetro e luci fluorescenti, pensate nel suo studio di Venice in California e ricreate in ogni angolo del mondo. Dal 26 Marzo nelle splendide sale settecentesche di Villa di Donato (antico casino di caccia dei Borbone), l’artista presenterà al pubblico napoletano questo nuovo corpo di opere a cui se ne aggiungerà una spettacolare creata per l’occasione italiana, “sorella” dell’installazione in mostra alla Fondazione Yves Saint Laurent di Parigi.
“Le sculture di luce di Dill emozionano e fanno riflettere - spiega la direttrice artistica della mostra Cynthia Penna – Riuscire a ricreare quel gioco di colori e luce con materiali reperiti nei luoghi storici della nostra città, con la terra lavica, le sabbie e il tufo di Napoli ed inoltre presentare queste opere in un luogo storico e appartenente alla miglior storia di Napoli, è per noi una grande scommessa che sorprenderà di sicuro i visitatori e gli appassionati di arte contemporanea”.

 

 

Autore
Armida Parisi

Commenta

Rubriche

SEX AND NAPLES
di Mariagrazia Poggiagliolmi
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI DEL "ROMA"
di Mimmo Sica
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
DIRITTI&LAVORO
di Carlo Pareto
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)