Giovedì 13 Dicembre 2018 - 19:39

"120 battiti al minuto", proiezione speciale all'Institut français alla presenza del regista Campillo

Appuntamento speciale mercoledì 18 aprile all’Intitut français Napoli (ore 19) con il regista ROBIN CAMPILLO, che presenta il suo ultimo film 120 BATTEMENTS PAR MINUTE  (“120 battiti al minuto) nell’ambito della rassegna CINESCOPERTA. Dopo la proiezione il regista francese, vincitore di ben sei statuette al Premio César 2018, incontrerà il pubblico napoletano insieme ad Antonella Di Nocera.

Il “Focus Robin Campillo” proseguirà giovedì 19 aprile (alle ore 20.00) con la proiezione del film precedente del regista francese, EASTERN BOYS,  sempre presso la Salle Dumas dell’Intitut français Napoli (via Crispi 86).

120 BATTEMENTS PAR MINUTE ha trionfato al Festival di Cannes 2017 - dove ha conquistato il Grand Prix, il Premio Fipresci della critica internazionale e la Queer Palm - e, dopo lo straordinario successo ottenuto nelle sale francesi (650mila spettatori in meno di 4 settimane di programmazione), ha trionfato anche ai 43° Premi César, lo scorso 2 marzo, raccogliendo 13 nomination e aggiudicandosi i premi per il miglior film, per il miglior attore non protagonista, la migliore promessa maschile, la migliore sceneggiatura originale, il miglior montaggio e la migliore musica.

Un film forte e crudo, pieno di vita, di morte, di dolore e di amore “120 battiti al minuto” racconta la storia di Nathan (Arnaud Valois) e Sean (Nahuel Perez Biscayart)nella Parigi dei primi anni Novanta. Mentre l'AIDS miete vittime da quasi dieci anni, gli attivisti di Act Up-Paris, organizzazione internazionale di azione diretta che promuove la lotta contro l’AIDS,moltiplicano le azioni contro l'indifferenza generale. Un gruppo di attivisti irrompe in una conferenza sull'AIDS, lancia sangue finto sui partecipanti e ammanetta il relatore.

Il giorno dopo, durante la riunione del gruppo, il nuovo membro Nathan, uno dei pochi che ha evitato il contagio, viene colpito dalla vitalità di Sean, un ragazzo che sta impegnando le sue ultime energie per le battaglie dell'associazione. Tra i due si instaurerà una relazione sempre più appassionata, nonostante i caratteri e le esperienze differenti.

Un film esemplare sulla gestione della lotta politica. Campillo con sintesi elegante e competente sa far convivere l'anima ricreativa e quella politica, tra joie de vivre, senso e pratica della militanza, responsabilità individuali e collettive. Il regista, nato nel 1962, che ha militato a lungo in Act Up, ricostruisce i dibattiti interni e le spettacolari azioni di protesta dell’Associazione nata nel 1989 sull'esempio delle gemelle statunitensi con lo scopo di chiedere un intervento tempestivo contro l'Aids alla politica nazionale e alle case farmaceutiche e di informare la cittadinanza. 

Grande successo anche per la colonna sonora “suggerita” sin dal titolo che riprende l'espressione inglese “120 beats per minute” con cui si indicano non soltanto i battiti del cuore ma anche un tempo musicale, soprattutto nella house music. Un genere che aiuta ad inquadrare bene quel periodo, grazie al suo carattere festoso e sinistro insieme con un tocco di malinconia che si è rivelato perfettamente adatto come colonna sonora di quella stagione. A comporla, il dj Arnaud Rebotini, grande conoscitore della musica degli anni Novanta. Tra gli altri brani musicali che appartengono a quell’epoca ricordiamo What About This Love di Mr. Fingers, oltre a Smalltown Boy dei Bronski Beat.

Candidato ai Premi Oscar come miglior film straniero, “120 battiti al minuto” è stato proiettato anche al Festival du film de Cabourg, al Festival cinematografico internazionale di Mosca, al New Zealand International Film Festival, al Toronto International Film Festival e al Festival internazionale del cinema di San Sebastián.

 

13:25 16/04

di Redazione

Commenta


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno