Domenica 16 Dicembre 2018 - 11:54

Nasce il Presidio Slow Food del Pisello Centogiorni del Vesuvio

Venerdiì 12 ottobre nasce ufficialmente il presidio Slow Food del Pisello Centogiorni del Vesuvio e la celebrazione avverrà presso la sede del Comune di Trecase alle ore 17 – sede legale del presidio. Come dice lo stesso nome, dura centogiorni la sua raccolta, messa nel tempo in grande difficoltà perché scomparso quasi del tutto dai campi vesuviani. La memoria di questo legume straordinario per il suo sapore delicato, fresco e dolce allo stesso tempo, si era pericolosamente persa del tutto. Ecco perché la condotta Vesuvio ha fortemente voluto prendersene cura e farne presidio, preservandolo dall’estinzione. Qualche contadino di Trecase ancora lo coltiva per uso familiare, storicamente si colloca soprattutto tra gli orti dal suolo grigio lapillo di questo comune. Per tale motivo Raffaele De Luca, sindaco di Trecase, ha voluto collaborare al progetto del presidio Pisello Centogiorni, essendo già sostenitore di un programma di recupero e valorizzazione dell’agricoltura in questo comune di antica memoria contadina. Nell’anno in corso la condotta Slow Food Vesuvio ha organizzato diverse iniziative per promuovere l’unico legume fresco divenuto presidio, riscontrando un interesse dei consumatori e del mercato immediato e sorprendente. Questo ci fa auspicare un futuro felice per i centogiorni del pisello che la condotta Slow Food Vesuvio, presieduta dalla fiduciaria Maria Lionelli, vuole estendere a tempi più lunghi mediante l’essicazione che lo renderebbe disponibile in dispensa tutto l’anno. Il presidio rientra nel progetto IPark presidio e cittadinanza, che ha già sostenuto la nascita del presidio dell’Albicocca del Vesuvio, al quale partecipano numerosi enti, associazioni e comuni, tra i quali l’Ente Parco Nazionale del Vesuvio, Slow Food Italia, Slow Food Campania e Vesuvio. Ci ha fatto ben sperare in future raccolte felici il grande contributo offerto dai piccoli agricoltori del territorio che con entusiasmo hanno voluto ricevere i semi e coltivarlo nei vari comuni vesuviani – attualmente sono 28 le aziende aderenti con grande partecipazione dei giovani. Così come la generosità di cuochi e pizzaioli dell’Alleanza Slow Food Campania che lo hanno inserito da subito nei loro menù diventando importanti suoi ambasciatori. Il pisello centogiorni si raccoglie in primavera, ne annuncia l’arrivo ed insieme celebrano il risveglio della madre terra. Gli auguriamo una rinascita altrettanto gioiosa e perché questo auspicio si avveri, è indispensabile la collaborazione ed il sostegno di tutti. Fare la spesa in modo consapevole è una presa di coscienza indispensabile ormai per salvaguardare la biodiversità agricola e l’identità dei singoli territori, sostenute unicamente dai piccoli agricoltori che ne sono i preziosi custodi.

16:53 11/10

di Redazione

Commenta


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli