Sabato 22 Luglio 2017 - 21:03

Remo Anzovino, è standing ovation al Sant'Elmo

È finito con un’interminabile standing ovation il concerto di Remo Anzovino (foto di Fiorella Passante) al Castel Sant'Elmo di Napoli. Le Montagne del Friuli hanno abbracciato il mare del Golfo partenopeo. Il castello è trasformato per l'occasione in un grande teatro sotto le stelle.  Pubblico arrivato anche da Bologna per ascoltare il pianista friulano, ma dal sangue nobile napoletano.  In una fresca serata estiva napoletana Remo Anzovino, impegnato nel tour, si è proposto nell'intima cornice del castello medievale con Marco Zurzolo al sax, Tony Esposito alle percussioni, Enzo Gragnaniello voce e chitarra, Aniello Misto al basso elettrico. I musicisti erano i superospiti del suo concerto. Né venuta fuori un tipo di musica dove sta all'ascoltatore impegnarsi per lasciar espandere la fantasia, l'invito, l’evento, è a un viaggio caleidoscopico, colorato, surreale, dove ognuno sceglie il percorso e la meta, fa poca differenza che siano le dune di un deserto africano o le onde di un mare in tempesta. Tra la scaletta alcuni brani che usciranno a settembre nel suo prossimo album con la Sony music, come “Nocturne in Tokyo”, “Istanbul”, "Galilei", "Estasi" e altri suoi brani contenuti nei suoi cavalli di battaglia dal titolo "Igloo”, “Amante”, “No smile” (Buster Keaton) e 9 ottobre 1963 (suite for Vajont).  Il pubblico, ci si lascia trasportare e prendere volentieri dalle emozioni e s’intraprende il viaggio che Anzovino ci invita a fare, l'ascolto è rilassante e piacevole, soft e follia, la sua musica offre un sapiente e variegato ventaglio di esperienze musicali diverse. Anzovino ha Il suo modo di suonare il pianoforte, di percuoterlo, di accenderlo e pilotarlo verso mete sognanti senza tempo cercando per l’occasione verso orizzonti lontano. La dimensione cameristica giova a questo giovane pianista e compositore, talento puro, che insieme ai suoi compagni di viaggio riesce a trasportare l'ascoltatore in percorsi trasversali dove sono state abbattute le ultime barriere tra i vari generi. Le percussioni di Tony Esposito accarezzano la voce porosa di Gragnaniello, mentre il soffio del sax di Zurzolo abbraccia l’anima pianistica di Anzovino e il basso di Aniello Misto arricchisce un'atmosfera di luna piena. Dipingere e riarrangiare grandi successi come “Rosso Napoletano” degli anni settanta di Tony Esposito, ritmare con le percussioni  “Transoceano”, vocalizzare in lingua mantra “Natural Mind”, rielaborare, denudare e riarrangiare “Senza voce”, “Alberi”, “Cu mme” di Enzo Gragnaniello tutto riescito perfettamente.  La voce,  del poeta napoletano, impregnata di tufo colpisce le pareti dell’anima, portando emozione celebrale. Un momento intimo particolare, sentito nel cuore è l’omaggio a Rino Zurzolo, composto dal fratello Marco, dal titolo “Rino”, che Anzovino e il sassofonista partenopeo presentano in anteprima per onorare e omaggiare il Farinelli del contrabbasso italiano. L’omaggio al grande Rino continua con “Falero”, per poi chiudere la serata con “Metropolitan” e il “Cammino nella notte”, la sua sempre sognata notte napoletana, a sorseggiare un caffè con gli amici, girovagare con i suoi compagni di viaggio per i vicoli dei Quartieri Spagnoli, respirare essenza ed energia millenaria.  Il concerto è un continuo salire, scalare, emozionare.  Il pathos raggiunge emisferi emozionali da brividi.   Una musica viscerale, senza filtro, surreale, un gioco leggero di melodie, ora malinconicamente sussurrate ora ripetute con passionale insistenza. Magico!

 

15:13 21/07

di Carlo Ferrajuolo

Commenta

Arriva l'App per tornare a casa sicuro

arte oggi la campagna di prevenzione “O BEVI O GUIDI” promossa da mytaxi in collaborazione con Birra Peroni e connessa ai rischi dell’alcool alla guida. Fino al 30 settembre 2017, nelle città di Roma e Milano - per tutti i nuovi utenti che si serviranno della App e del metodo di pagamento online - sarà possibile riscuotere un “buono prima corsa” del valore di 20 euro offerto da mytaxi.

 

“Se devi guidare non bere. E se hai bevuto lasciati accompagnare a casa” - è questo il messaggio che entrambe le aziende, da sempre impegnate nella promozione di tematiche legate alla sicurezza stradale, vogliono trasmettere in modo concreto e proattivo. “Zero alcol alla guida ma senza rinunciare al piacere di una birra con gli amici. Il taxi quindi te lo offriamo noi”.

 

L’informazione legata “al bere consapevole” è una delle priorità dell’azienda birraria che, oltre a dotarsi di un codice di autoregolamentazione (Codice di Comunicazione Commerciale), partecipa attivamente a iniziative sul consumo responsabile e sullo sviluppo sostenibile attraverso molteplici campagne su scala locale e nazionale. Con questa partnership, anche l’innovativa App per la chiamata taxi continua ad affermare il suo impegno a supporto di tematiche importanti come quelle della guida sicura e della sicurezza stradale.

 

Per riscattare il proprio buono*, basterà scaricare la App di mytaxi, registrarsi aggiungendo un metodo di pagamento e inserire il codice promozionale presente sulle locandine all’interno degli oltre 30 punti vendita selezionati da Birra Peroni tra Roma e Milano. Per conoscere i locali che aderiscono all’iniziativa: www.mytaxi.com/localiperoni.

 

15:08 21/07

di Redazione

Commenta

“Fusion Touch” a Castel dell’Ovo

Inaugura a Napoli, a Castel dell’Ovo, il 21 luglio dalle ore 17.00 “Fusion Touch”, la personale della scenografa pittrice Antonella Giordano a cura di Marina De Feo.

Nella suggestiva Sala delle Terrazze saranno in mostra fino al 31 luglio quaranta lavori, pannelli tattili senza barriere, creati appositamente dall’artista per un pubblico di non vedenti, ipovedenti e non solo per un approccio trasversale e multisensoriale all’arte e alla realtà.

“Fusion Touch” è un progetto espositivo inclusivo che intende promuovere l'accessibilità e la fruizione dell'arte in un'ottica partecipata e condivisa. Con “Fusion Touch” l’arte diventa da toccare, le opere infatti saranno fruibili all’interno delle sale di Castel dell’Ovo per tutto il periodo espositivo anche ad un pubblico di non vedenti, di ipovedenti e per tutti coloro che vorranno avvalersi dell’arte-terapia per il proprio benessere psicofisico.

La mostra è dedicata ai Maestri Antonio e Tamara Tammaro, artisti affermati, che hanno insegnato alla Giordano ad amare e a convivere con e per l’arte.

“Fusion Touch” è patrocinata dalla Presidenza del Consiglio Regionale della Campania e realizzata in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli.

“Fusion Touch” è in collaborazione con ed è sostenuta da: Associazione Artistica Culturale Antonio e Tamara Tammaro “T.A.T.”; “MDF COMMUNICATION”; Dentalcoop (Unità di Napoli); Antica Distilleria Petrone; Antica Forneria Molettieri; Psicologia Integrale (Benessere, Psicoterapia e Coaching); Associazione “TUtela i tuoi diritti”; Itinerari di Napoli e della Campania; VG Photography; Non Solo Graficadimiele

19:52 20/07

di Redazione

Commenta

Cultura e gusto, alla scoperta dello champagne al Monello Longue Cafè

SANTA MARIA CAPUA VETERE. È fissato per domani, venerdì 21 luglio, al “Monello Lounge Cafè” di Santa Maria Capua Vetere, con inizio alle ore 19.30, il secondo appuntamento con la cultura ed il gusto, dopo il successo della prima serata dedicata al Gin . L’incontro, questa volta, è con lo “Champagne”, con  il suo vortice di bollicine che risalgono fin su all’orlo della flute ed il mistero della sua conservazione in grotte di affinamento risalenti al  periodo romano, alla presenza di un noto produttore tra i marchi più rinomati a livello mondiale, che fornirà dettagli e curiosità sulla sua “creatura”. In perfetto stile “Monello” e seguendo le tappe di un particolare e variegato percorso culturale tracciato, nasce quest’evento raffinato ed elegante;  un’occasione utile per conoscere la sua origine, curiosità ed aneddoti sul suo inventore. Un modo anche per trasformare calde serate d’estate in appuntamenti didattici, con l’obiettivo di presentare e far conoscere in maniera più approfondita pietanze o anche bevande… Questa volta il viaggio porterà alla scoperta  dell’affascinante mondo dello champagne.

 

 

10:22 20/07

di Redazione

Commenta

"10 luoghi da brivido a Napoli", il nuovo audiolibro sulla città

Anna Pernice, dopo il successo del “Manuale per aspiranti blogger” edito dalla Dario Flaccovio Editore, presenta un nuovo libro in versione audiobook con protagonista Napoli, la sua città Natale: "10 luoghi da brivido a Napoli" edito da Audible e raccontato in voce dalla doppiatrice Laura Righi. 

Un racconto attraverso il quale, immaginando di portare in giro per la città un suo amico giunto a Napoli per la prima volta, la scrittrice porta il lettore alla scoperta di 10 luoghi insoliti e meno turistici attraverso miti, leggende e misteri della città partenopea.

Un progetto edito da Audible in collaborazione con TBnet per la collana “Ti Porto in Viaggio”, che ha visto coinvolti travel blogger, guide turistiche, giornalisti tutta Italia che hanno raccontato 11 città diverse attraverso la voce narrante di un doppiatore professionista. 

Napoli è una di quelle città che, seppure la vivi giorno per giorno, non puoi mai dire di conoscerla davvero. Una città che cambia e cresce nel tempo, con le storie delle persone che la vivono. Accanto alla città del sole e a quella verticale raccontata da Eduardo Bennato ecco venire fuori anche una Napoli "nera", diabolica, esoterica che in pochi realmente conoscono. 

Qual è il segreto di Castel dell'Ovo? Di chi sono tutti quei teschi al cimitero delle Fontanelle? Quale bellissima regina, trucidata da tre sicari, abita il Monastero di Santa Chiara in forma di spettro? E la Gaiola, sapevate che è avvolta da una maledizione che colpisce chiunque la abiti?

Sono queste solo alcune delle storie da brivido che animano il cuore della città e che vengono affrontate nell’audiolibro di Anna Pernice.

L’audiolibro può essere scaricato registrandosi sulla piattaforma Audible di Amazon, la cui registrazione è gratuita per i primi 30 giorni.

 

20:46 19/07

di Redazione

Commenta

Edilizia antisismica, svolta nella sicurezza da Napoli il dispositivo salva impianti

Non occorre che un edificio crolli o subisca crepe visibili per risultare inagibile. I danni di una scossa sismica su una struttura possono essere invisibili eppure altrettanto gravi di un cedimento. Una significativa rivoluzione nel campo della sicurezza degli edifici arriva da una società napoletana che ha di recente brevettato un dispositivo in grado di prevenire il danneggiamento degli impianti degli edifici in caso di fenomeni naturali distruttivi. Si tratta della Tecnosistem Spa, azienda specializzata in sistemi di ingegneria avanzata presieduta da Luigi Nicolais. “Negli edifici strategici ed in alcuni processi industriali legati ai beni primari – spiega Nicolais – le cui funzioni non devono subire interruzioni, risulta necessario assicurare la sicurezza dell’edificio ma anche fornire protezione agli impianti, per poterne garantire l’operatività fin dalle immediate fasi successive al fenomeno tellurico. Risulta quindi evidente l’importanza che assume il dispositivo ideato da Tecnosistem nell’assicurare adeguata protezione agli impianti”.

Il brevetto è stato presentato in occasione di un convegno dedicato all’ “Innovazione nei processi partecipativi per lo sviluppo delle grandi opere” tenuto nei giorni scorsi a Napoli presso il Centro Congressi della Federico II per celebrare il 40esimo anniversario dell’azienda partenopea. Al convegno hanno partecipato Ennio Cascetta, presidente della Metropolitana di Napoli, Gaetano Manfredi, rettore dell’Università di Napoli “Federico II” nonché presidente della Crui, Umberto de Gregorio, presidente dell’Ente Autonomo Volturno e, in collegamento video, il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio. “Stiamo investendo moltissimo in innovazione - sottolinea Salvatore Rionero, amministratore delegato di Tecnosistem Spa - sia nella ricerca, come dimostra il dispositivo appena brevettato, sia nelle nuove forme di gestione partecipata delle grandi opere pubbliche. Siamo di fronte a un radicale cambiamento di scenario codificato di recente anche dal Nuovo Codice degli Appalti che ha appunto recepito l’esigenza sempre più diffusa di coinvolgere la più ampia parte dei cittadini nelle trasformazioni della città e del territorio”.

20:34 19/07

di Redazione

Commenta

"Alternanze sonore", Romano e Baglioni al Castel Sant'Elmo

Venerdì 21 luglio, alle ore 21, nella suggestiva Piazza D’Armi di Castel Sant’Elmo, il cantautore Felice Romano e Giovanni Baglioni, virtuoso della chitarra, saranno protagonisti di “Alternanze Sonore”, duello in musica e parole tra due cavalieri. Uno spettacolo site specific, la cui creazione è stata ispirata dalla location che lo ospita, e che sarà presentato per la prima volta al pubblico

La rappresentazione, arricchita da originali elementi teatrali e scenografici, narrerà la sfida tra la musica strumentale, solo “suonata”, e quella che fa uso delle parole per esprimere e veicolare i propri concetti; arbitro e ospite di prestigio della serata sarà il maestro Erasmo Petringa, compositore, polistrumentista e direttore d’orchestra.

Ricchi e differenti i repertori dei due artisti. Felice Romano porterà sul palco alcuni dei suoi brani pop, con arrangiamenti particolari realizzati anche grazie all’impiego di strumenti musicali medievali, presenti in scena, che contribuiranno a rendere più forte la suggestione di un viaggio musicale attraverso il tempo e lo spazio. Giovanni Baglioni proporrà brani tratti dal suo album “Anima Meccanica” così come inediti che avranno presto spazio nel suo nuovo lavoro discografico; non mancherà inoltre di omaggiare anche grandi esponenti della chitarra acustica solista che hanno ispirato il suo percorso.

Da un confronto con Giovanni Baglioni su cosa sia la musica e se sia meglio quella strumentale o quella che si avvale anche della parola è nata l'idea di "Alternanze Sonore" - racconta Felice Romano - un vero e proprio show quasi teatrale. Immaginando un ideale scontro tra le due tesi si è arrivati a pensare ad un reale combattimento tra due cavalieri: così hanno preso vita "Cavaliere Suono" (Giovanni Baglioni) e Cavaliere Parola (Felice Romano). Il vento, che è il respiro del mondo, ma anche il primo suono, farà da arbitro e alla fine porterà i due contendenti a capire che l'armonia viene solo dall'incontro di suoni, e non dallo scontro. Quale location poteva essere migliore se non lo splendido Castello che sovrasta la città più bella del mondo?” 

Nello spettacolo, prodotto da E20 2020 e inserito nel cartellone della rassegna “Sant’Elmo Estate 2017”, presente anche un omaggio a Napoli, e in particolare al genio di Eduardo De Filippo.

Prevendite disponibili su www.go2.it

13:57 18/07

di Redazione

Commenta

Samsung boom nel secondo trimestre 2017

Il colosso coreano si consolida leader della telefonia malgrado flop e scandali

La multinazionale coreana Samsung si conferma leader del settore telefonico, anche se come noto produce molto altro, con un secondo trimestre 2017 da numeri eccellenti. L'azienda asiatica ha fatto registrare utili operativi in aumento annuo del 72%, pari a 14 mila miliardi di won, vale a dire 12,1 miliardi di dollari. Il risultato migliore da quando esiste l’azienda. Le vendite hanno raggiunto i 60 mila miliardi di won, con un incremento record di +17,8%.

Il successo dei prodotti dell’azienda sul mercato, come vedremo soprattutto i microchip e l’innovativo smartphone Galaxy S8, hanno immunizzato il colosso asiatico anche da problemi molto pesanti come il clamoroso flop del device Galaxy Note 7 (come noto, ritirato dal mercato dopo l’esplosione di diversi modelli, anche quelli rilanciati la seconda volta, a causa di un problema hardware legato al caricamento) e lo scandalo del vice presidente Lee Jae-yong, in carcere per corruzione.

Due eventi che avrebbero potuto far perdere credibilità alla compagnia. E invece. Ma vediamo meglio di seguito le ragioni di questo successo di Samsung grazie all’analisi dagli esperti finanziari del portale Webeconomia.

Il successo dei microchip Samsung

Secondo gli analisti, il fenomeno Samsung è ascrivibile all’ottimo successo commerciale dei microchip DRAM e NAND, le cui vendite hanno fatto registrare utili operativi pari a 7 mila miliardi di won. Superando così il precedente record di 6.300 miliardi del primo trimestre 2017. Ciò conferma quanto Samsung sia leader anche nelle vesti di fornitrice.

 

Galaxy S8, che telefono!

 

Ma una parte del merito va anche al Galaxy S8, lanciato la scorsa primavera (fine aprile). Le cui vendite sono ipotizzate a quota 20 milioni. Il colosso coreano, dopo il flop del Galaxy Note 7, si è preso tutto il tempo per lanciare questo device. Sottoponendolo a prove e controprove. Infatti, inizialmente veniva dato sul mercato a febbraio. E invece, non è stato neppure presentato come invece di consueto è avvenuto per i suoi predecessori, al Mobile World Congress di Barcellona. Così si è parlato di fine marzo, ma il lancio è stato spostato ulteriormente. Comunque, l’attesa è valsa la pena: il Galaxy S8 presenta molti aspetti innovativi.

 

Il primo aspetto che si nota subito è il display da 5.8 pollici e cornici quasi inesistenti (non a caso definito Infinity display), con entrambe le versioni Edge (appunto senza cornice laterale, mentre prima ciò era destinata solo ad una versione. Quella Edge appunto). Il display è il nuovo Gorilla Glass 5, difficilissimo da infrangere. Sottolissimo, solo 8 mm di spessore, ha comunque ancora integrata la porta USB Type-C e il jack audio da 3.5mm. Sebbene i rumor per mesi abbiano parlato di una loro rimozione. Oltre alla presenza di uno speaker singolo. Il telefono vanta anche il certificato IP68, che lo rende impermeabile. Quindi potete anche immergerlo nell’acqua per più tempo (anche se non lo farei mai) e non dovrete stare con l’ansia di usarlo pure in mare o in piscina.

 

Ben definito anche lo schermo Super Amoled, con colori nitidi e il miglior Always-on sulla piazza. Il sistema operativo è il nuovo Android 7.0 Nougat,

memoria nterna da 64GB (espandibile fino a 256GB), fotocamera anteriore da 8 Mpx con autofocus e posteriore da 12 Mpx, batteria da 3000 mah (anche se ci si aspettava una da 3500, ma forse Samsung si è tutelata dopo i succitati accadimenti legati al Note 7), RAM da 4 Gb. Gli appassionati di gaming ne parlano un gran bene, anche grazie allo schermo Quad Hd.

 

Infine, grande attenzione è stata rivolta alla sicurezza, con un sensore biometrico per il riconoscimento delle impronte, il riconoscimento dell'iride e quello del volto. Anche se questi ultimi non funzionano granché se c’è scarsa luce. Il tasto Home fisico è stato rimosso, con la presenza di uno virtuale da 0,5 mm alla fine del display e non facilmente pigiabile anche per il doppio tap di avvio dello schermo. Il processore è il nuovo Exynos 8895. Mentre in casa coreana e negli Usa si è sempre optato per lo Snapdragon. Il Galaxy S8 vanta anche la versione implementata Galaxy S8+, con schermo da 6.3 e pare un’autonomia della batteria migliore. Galaxy S8 presenta anche l’assistente virtuale Bixby, frutto dell’acquisto da parte della multinazionale coreana del colosso nel campo dell’assistenza virtuale Viv Labs.

 

Infine, i colori per entrambi, almeno in questa prima fase sono Nero, Violetto, Blu e Grigio. Ma non si esclude che, come per il precedente S7, arrivino in itinere altri colori. Rispetto a quest’ultimo, il prezzo è stato maggiorato di circa 100 euro su entrambe le versioni. Dal sito Samsung, il Galaxy S8 costa 829 euro, mentre la versione Plus 929.

 

Samsung, il futuro è roseo

 

Nonostante il fatto che il colore scelto da Samsung sia blu, il futuro è alquanto roseo. Gli analisti prevedono ottimi risultati per tutto il 2017, con utili operativi superiori ai 13 mila miliardi di won anche nella seconda metà dell'anno. Infatti, nel terzo trimestre dovrebbero attestarsi a quasi 14 mila miliardi (su vendite che superano i 60 mila miliardi). Per un risultato finale annuo di 50 mila miliardi. E pensare che il record è di oltre 36.700 miliardi a fine 2013. Stiamo parlando di un utile cresciuto del 50% in 4 anni.

 

Viv Labs e Harman: ultimi colpi Samsung

 

Alla fine dello scorso anno, Samsung ha messo a segno due importanti acquisti che l’hanno portata a consolidare la propria posizione in due settori: quello dell’intelligenza artificiale e dell’audio.

 

Il primo importante colpo Samsung lo ha messo assegno nell’ottobre dello scorso anno, il colosso dell’Intelligenza artificiale Viv Labs. Quest’ultima ha sviluppato una piattaforma open source, che offre agli sviluppatori di terze parti il potere di usare e costruire assistenti di conversazione e integrare una interfaccia nella propria madre lingua per le proprie applicazioni e servizi più utilizzati. Quindi adattabile per ogni destinazione. Il frutto di questa operazione è già tangibile nel nuovo Galaxy S8, visto che è integrato con l’assistente virtuale Bixby. Viv Labs è stata fondata da Dag Kittlaus, Adam Cheyer e Chris Brigham. Il team lavorerà a stretto contatto con le imprese Mobile Communications di Samsung, ma preservando una propria indipendenza.

 

L’altro importante colpo riguarda l’acquisizione del colosso americano Harman, leader nel settore audio per automobili, rifornendo diversi colossi tra cui la giapponese Toyota. In questo modo, Samsung entra nel mondo delle “auto intelligenti” (dove la rivale connazionale LG è già molto presente, fornendo sistemi a Renault Nissan, GM e Opel), mentre Harman in quello dei device mobili. Infatti, le casse Harman dovrebbero essere previste nei prossimi device Samsung. In realtà, sebbene l’annuncio è arrivato nel novembre 2016, l’acquisizione si è perfezionata solo lo scorso marzo. Poiché diversi azionisti di Harman ritenevano che la cifra spesa dalla multinazionale coreana, 8 miliardi di dollari, fosse troppo bassa. Promuovendo addirittura lo scorso gennaio una Class action contro il CEO Dinesh Paliwal e il consiglio di amministrazione dell’azienda presso il tribunale del Delaware. L’acquisizione è stata perfezionata lo scorso marzo, con gli azionisti che hanno incassato 112 dollari per azione posseduta.

 

Arresto del vice-presidente Jay Y. Lee

 

Oltre al flop del Galaxy Note 7 e alle condanne per i presunti brevetti copiati ad Apple, negli ultimi tempi Samsung ha dovuto anche affrontare un pesante scandalo ai vertici. L’arresto lo scorso febbraio del vice Presidente Jay Y. Lee (interrogato un mese prima per 23 ore dalle autorità coreane). Quest’ultimo, 48enne, di fatto capo del gruppo Samsung, è accusata di aver materialmente versato 36 milioni di dollari di tangenti in favore di una stretta collaboratrice del presidente sudcoreano Park Geun-hye. Presidente poi dimessosi. Una certa Choi Soon-sil, ribattezzata la ‘sciamana’ o la ‘nuova Rasputin’, arrestata per abuso di potere e altri capi d’accusa per il ruolo influente svolto negli affari di Stato, anche a fini personali. Tangenti versate al fine di ottenere in cambio il sostegno del governo per l'attuazione dei piani di successione all'interno della dirigenza della multinazionale. Dopo un primo naturale crollo dei titoli in borsa, Samsung si è ripresa poco dopo. E i risultati di oggi sono totto gli occhi di tutti.

19:33 17/07

di Redazione

Commenta

“Scenari Casamarciano” torna ad incantare con il meglio del teatro e della musica italiani

CASAMARCIANO. Paola Pitagora, Massimo Dapporto, Monica Guerritore, Raphael Gualazzi e Raffaele Cantone. Sono alcuni degli ospiti della VII edizione del festival nazionale “Scenari Casamarciano”, la kermesse dedicata al teatro ed alla musica che si svolge nella suggestiva location di Santa Maria del Plesco. La manifestazione è stata presentata ufficialmente nel corso della conferenza stampa  nella chiesa del Complesso Badiale di Santa Maria del Plesco, riaperta al pubblico dopo decenni di abbandono. L’edificio di culto oggi sconsacrato, per anni bersaglio di spoliazioni e danneggiamenti, è stato riaperto e illuminato dall’architetto delle luci Filippo Cannata ed è stato restituito alla città ed agli amanti dell’arte e del bello. E proprio in questo luogo che è diventato l’effigie del festival nazionale del teatro il sindaco Andrea Manzi ha illustrato il programma della VII edizione di “Scenari Casamarciano” che si svolgerà dal 1 al 10 settembre presso la location del Complesso Badiale di Santa Maria del Plesco e che ospiterà nomi di spicco come Mariangela D’Abbraccio, madrina dell’evento;  Massimo Dapporto e Paola Pitagora, che saranno insigniti del Premio alla carriera;  il presidente dell’Authority anti-corruzione Raffaele Cantone, Monica Guerritore,  Veronica Mazza, Veronica Maya e Raphael Gualazzi con l’unica tappa campana del suo Love Life Peace tour.  Nella prima parte di “Scenari” terrà banco invece la competizione tra compagnie teatrali amatoriali quest’anno affidate alla direzione artistica di Pasquale Manfredi.

«Ripartiamo dalla nostra identità- ha dichiarato il sindaco di Casamarciano Andrea Manzi- Abbiamo riaperto la chiesa di Santa Maria, per decenni rimasta nell’oblio, per trasformarla in una maison culturale per tutta l’area nolana. Vogliamo riscoprire e restituire concretamente al paese altri luoghi anche sfruttando la promozione del festival “Scenari Casamarciano” che in sette anni ha raggiunto mete importanti e che propone un cartellone che, grazie anche ai nostri sponsor da sempre attenti e partecipi, rispecchia la nostra volontà di offrire il meglio agli estimatori del teatro. Quest’anno il nostro unico imperativo è ripartire dalla nostra identità, rappresentata da questa chiesa, dalla Commedia dell’Arte e dall’impegno di ogni singolo cittadino per la riuscita di un evento che ha da tempo superato i confini della nostra terra e rappresenta  l’immagine più preziosa che diffondiamo di noi.

«Sono onorato di far parte di questa manifestazione, nata e cresciuta subito nel prestigio della sua missione- afferma il neo direttore artistico Pasquale Manfredi- e adesso affidata a me, del cui incarico è mio intento onorare la fiducia riposta dal sindaco. Il mio obiettivo è riuscire ad emozionare».

IL PROGRAMMA. Dal 1 al 3 settembre il festival prenderà il via con la gara tra compagnie teatrali amatoriali che quest’anno vede sulle scene artisti provenienti dal Veneto e dalla Sicilia. La tre giorni sarà chiusa, il 4 settembre, dall’esibizione de “I filarmonici di Napoli” con il Coro polifonico “Jubilate Deo”. Martedì 5 settembre torna sulle scene di Santa Maria del Plesco l’attrice partenopea Veronica Mazza con “27 verticali bis” mentre mercoledì 6 settembre il palco di Santa Maria del Plesco ospiterà l’intensa Monica Guerritore in “Dall’inferno all’infinito”. Spazio alla riflessione ed all’impegno giovedì 7 settembre quando il giornalista di “La Repubblica” Antonio Corbo intervisterà Raffaele Cantone, presidente Anac nel corso della presentazione del libro scritto con Francesco Caringella “La corruzione spuzza”. All’intervista seguirà lo spettacolo “Sonata Napoletana per topi e bambini” del “Nuovo Teatro Sanità”. Musica sul palco venerdì 8 settembre con il concerto del cantautore e pianista marchigiano, già vincitore di Sanremo Giovani, Raphael Gualazzi con il suo “Love Life Peace Tour”. Sabato 9 settembre sarà la Pro Loco Hyria Casamarciano del regista Giovanni Cavaccini a divertire il pubblico con “Le bugie con le gambe lunghe” di Eduardo De Filippo. Gran gala di chiusura, domenica 10 settembre, con la madrina Mariangela D’Abbraccio. Nel corso della serata presentata da Veronica Maya e Pietro Pignatelli  saranno premiati Paola Pitagora e Massimo Dapporto.

SCENARI SOCIAL Quest’anno il festival nazionale del teatro è raggiungibile su tutte le piattaforme social

Facebook: Scenari Casamarciano Festival nazionale del Teatro

Twitter: @ScenariCasamar

Instagram: scenari_casamarciano

13:56 17/07

di Redazione

Commenta

Un francobollo per Totò a cinquant'anni dalla scomparsa

Un francobollo per Totò a cinquant'anni dalla scomparsa. Lo annuncia il ministero dello Sviluppo Economico, autorità delle carte valori postali dello Stato, che nell'anno in corso -probabilmente già in ottobre- emetterà il francobollo commemorativo dedicato ad Antonio de Curtis. Nato a Napoli il 15 febbraio del 1898, Totò si è spento infatti a Roma il 15 aprile 1967.

Dà notizia dell'emissione il sottosegretario Antonello Giacomelli ad Alberto De Marco, presidente dell'Associazione onlus "Amici di Totò... a prescindere!", che al grande artista partenopeo ha dedicato un volume collettaneo "Antonio de Curtis, Totò il Grande Artista dalla straordinaria umanità" (edizioni Movimento Salvemini), curato dallo stesso De Marco e da Duilio Paoluzzi.

Il volume verrà presentato il prossimo 23 luglio (alle 21) a Montoro in provincia di Avellino, presso l'ex Convento al Villaggio della Salute, con il sostegno dell'Associazione Borgosalus. E, successivamente, il 28 luglio (alle 18.30) nel Comune di Gioi nel Cilento, con il contributo dell'amministrazione comunale.

«Totò -spiega De Marco all'Adnkronos- ha fatto diverse ricerche sulle origini nobiliare dei suoi antenati, che avevano soggiornato a Ravello prima di trasferirsi a Napoli e venire accettati dalla nobiltà dell'epoca. Queste indagini si sono svolte soprattutto presso l'Archivio di Stato di Salerno, al quale -il 2 agosto 1951- l'attore donava una pergamena risalente al 1512, che contiene informazioni sui suoi avi grazie ad un atto del notaio Luigi Ferraioli di Ravello».

Nella stessa Ravello Totò soggiornò presso l'albergo Caruso, dove ha scritto di suo pugno nel registro degli ospiti “... vorrei, se potessi, restarci tutta la mia vita". Una frase che testimonia il grande amore di Totò per la bella località della costiera amalfitana.

In occasione del cinquantesimo anniversario della sua scomparsa, perciò, Ravello ha deciso «di rendergli omaggio con uno spettacolo all'Auditorium Palazzo della Musica il prossimo 12 settembre -conclude De Marco- E di collocare una scultura in bronzo raffigurante Totò in una delle principali piazze della cittadina, al termine di una settimana di manifestazioni in suo onore».

21:29 14/07

di Redazione

Commenta

Pagine

Rubriche

REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI DEL "ROMA"
di Mimmo Sica
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI DEL "ROMA"
di Mimmo Sica
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale