Martedì 11 Dicembre 2018 - 3:02

"Luxurious", il calendario 2019 fashion & food di Salvio Parisi

Si chiama «Luxurious» il sesto capitolo del Calendario F&F, perché celebra a tinte forti l’eleganza austera, la voluttà degli orpelli e l’opulenza tout court.

Tra lusso e lussuria: esattamente in quel mezzo si colloca il concetto sottile e volatile del gusto e del bello, più che il bon ton o l’estetica ufficiale.

La moda e il cibo, la couture e il gourmet passano di fatto attraverso la sensualità e la percezione epicurea del bon vivre.

E’ proprio in omaggio a questo senso visivo del fasto che nascono le dodici immagini del 2019. Ed ecco perchè il lunario è interamente girato al Palazzo San Teodoro di Napoli, una tra le più regali dimore gentilizie partenopee dell’VIII secolo, situata davanti alla Villa Comunale sulla Riviera di Chiaia a ridosso del lungomare.

Sei, come sempre, gli eccellenti cucinieri campani testimoni del loro “mestiere” negli abiti dei grandi sarti nostrani, mentre la protagonista delle immagini in cui vengono ambientate le loro sei rispettive pietanze è Cristina Donadio, attrice di razza dal teatro al grande schermo, diretta da nomi come Corsicato, Squitieri, Pasquale Marrazzo, Liliana Cavani, Incerti, Sandro Dionisio o Edoardo De Angelis, approdata e apprezzata in tv con la serie Sky Gomorra nel 2016, interprete inequivocabile di una napoletanità coriacea e trasversale, eclettica e per molti versi inedita.

Sulle pagine di F&F si muove tra una tavola imperiale 3.0 e un letto iper-design.

Sei look di Roberta Bacarelli con scarpe Ernesto Esposito, borse Tramonatano, gioielli Alessandra Libonati e Bronx Colorscosmetics.

Mise en place ultra moderne griffate Schoenhuber Franchi coi decori verdi frutta&verdura di Massimo Iodice per Flover o con trionfi di pesci, ostriche e astici da Itticheria e Mare di Lucullo oppure di carni fresche in bella vista da Luca Pastore.

Complementi da interior contemporaneo di Riccio CapreseChristofleKosta BodaYalos Marioluca Giusti (per Interni d’Elite) convivono sulla tavola con le pietanze dedicate e gli svariati ingredienti d’eccellenza territoriale: pasta Gerardo di Nola, pomodori Così Com’è, oli Torretta, caseari La Perla del Mediterraneo, farine Caputo, i san marzano di Italiana Vera, le nocciole e creme Sodano o le delizie di Leopoldo.

E naturalmente vini, birre, liquori e caffè d’alto rango: Strione di Cantine Astroni, Alta Fila e Intrico della vinicola Diana, champagne Quenardel, birre artigianali Kymè e Titanium, nucillo E’Curti, elisir Alma De Lux, amaro Nastro d’Oro e il caffè per eccellenza, Kimbo.

Cartelle della tombola di un tempo per la tavola di Natale e carte napoletane sul letto ovale Pebble di Dorelan.

Gennaio apre con la cuoca Imma Ferraro, caprese d’istanza a Torino: indossa un microabito in pelle nera di Marialaura Musollino Lallilab, abbinato a gioielli Libonati e una clutch di Giannotti. Franco Pepe, ambasciatore da Caiazzo della pizza italiana nel mondo, posa sornione in un look Kiton, mentre Salvatore Capparelli, pasticciere del centro storico di Napoli, siede in salotto con un abito sportivo di Isaia e sneaker De Cristofaro. Peppe Guida di Vico Equense annoda allo specchio una galla di Ugo Cilento (di cui sono anche i gemelli rigatone e san marzano), mentre Luciano Villani da Telese è vestito Rubinacci con sciarpone Pulcinella in cachemere e Fabio Pesticcio di Eboli indossa all’ingresso di Palazzo un doppiopetto e paltò in cachemere di Cesare Attolini.

 

 

23:46 10/12

di Redazione

Commenta

Torna il Premio Massimo Troisi: tanti eventi a San Giorgio a Cremano

Torna a San Giorgio a Cremano il Premio Massimo Troisi, prestigioso osservatorio sulla comicità, giunto alla XVIII edizione. Per tutto il mese di dicembre si alterneranno nei luoghi della città che ha dato i natali al grande Massimo, numerosi spettacoli gratuiti e aperti al pubblico. L’evento è stato presentato dal Sindaco Giorgio Zinno e dal Direttore Artistico Paolo Caiazzo, nell’ambito di una conferenza stampa show svoltasi in Villa Bruno alla presenza di oltre 180 persone, tra giornalisti, artisti e cittadini. Alla presentazione hanno partecipato il regista Stefano Veneruso e la scrittrice sceneggiatrice Anna Pavignano, insieme all’artista Lello Esposito e a numerosi personaggi protagonisti di questa edizione. “Quest’anno il Premio è diventato maggiorenne. Alla XVIII edizione vi saranno conferme e novità – ha dichiarato il Sindaco Zinno – Il “raggio Troisi” si è allargato con ospiti nazionali senza mai dimenticare lo spirito originario della kermesse che si basa sulla ricerca e valorizzazione dei talenti comici. Grazie alla Regione Campania che ha dimostrato di credere nel nostro Premio investendo sulla nostra città”. “Spettacoli, mostre, eventi, ospiti, concorsi: un grande evento contenitore culturale nel nome e nel ricordo di Massimo: questo è il Premio Troisi che mi pregio di dirigere per il secondo anno come Direttore Artistico – ha detto Caiazzo al margine della conferenza - accanto a me ho voluto per questa edizione le persone che hanno Massimo nel cuore e che hanno trascorso con lui momenti importanti di vita: è il caso di Enzo Decaro, Stefano Veneruso, Anna Pavignano come anche Gianni Minà. Il cuore quindi è al centro di questa edizione per il campus medico cardiologico, per il nuovo trofeo il “Minollo d’oro” di Lello Esposito e tante attività organizzata da uno staff che, nel nome di Massimo Troisi, ci sta mettendo... il cuore. E poi ci sono i giovani, che saranno i veri protagonisti della kermesse dedicata al talento e alla comicità”. Al centro della manifestazione ci saranno anche quest’anno i concorsi, i cui bandi presenti sul sito e-cremano.it saranno aperti fino al prossimo 14 dicembre. Tre le sezioni in concorso: Attore Comico; Scrittura Comica; Corto Comico. Spazio poi al Cremano Talent, una competizione rivolta a tutti gli artisti del territorio di qualsiasi età e per ogni tipo di categoria, dal canto al ballo alle imitazioni. Per informazioni: premiomassimotroisi2018@gmail.com Tanti, infine, saranno gli ospiti attesi sul palcoscenico del Premio Troisi.

23:41 10/12

di Redazione

Commenta

“I quattro antichi conservatori di Napoli” alla Domus Ars

Al via, dal 14 al 22 dicembre, la 19esima edizione del Festival Internazionale del ‘700 Musicale Napoletano promosso dall’associazione Domenico Scarlatti con la direzione organizzativa del Canto di Virgilio e patrocinato dalla presidenza del Consiglio dei Ministri e dalla Commissione Europea Ufficio per l’Italia, Regione Campania, Comune di Napoli Assessorato alla cultura e turismo.

“I quattro antichi conservatori di Napoli” è il tema di questa edizione che si svolge al Centro di cultura Domus Ars che ospiterà anche esposizioni di aziende di eccellenze Campane: la “Valtrend Editore” – Napoli Valorizzazione e Tutela delle Risorse Endogene, la Liuteria napoletana “Anima e Corde” e “Le terre di Malù” azienda di agricoltura biologica.

Ad inaugurare il festival, il 12 dicembre alla Domus Ars alle 17,30, ci sarà la presentazione della monografia sui quattro conservatori cittadini mentre venerdì 14 dicembre alle 21 si inizia con il concerto di “Leonardo Leo Jazz Project” con Luca Signorini e Bruno Persico. Musiche di Leonardo Leo.

“Le novità di questa diciannovesima edizione sono tante – spiega Enzo Amato, direttore artistico del Festival – Non solo concerti ma anche convegni, workshop, visite guidate ed esposizioni di eccellenze campane per conoscere ed amare la straordinaria musica del ‘700 napoletano. Da segnalare anche la pubblicazione sulla storia dei quattro conservatori napoletani che presenteremo il 12 dicembre a Domus Ars”.  

 

23:40 10/12

di Redazione

Commenta

Notte revival al teatro Mediterraneo: New Trolls, Ribelli e Gianfranco D'Angelo

E’ la notte del revival, a partire dal titolo che evoca le celebri feste scolastiche del quinto anno. Arriva al Teatro Mediterraneo venerdì 15 dicembre il “Mak π 100”, show con sul palco i New Trolls che in occasione dei 50 anni di carriera tornano con una nuova formazione che prevede il suffisso “of” davanti al nome. Una notizia veramente speciale per gli amanti della musica e del gruppo, con due pilastri e fondatori, Nico Di Palo, chitarra e voce, e Gianni Belleno, batteria e voce, per far rivivere le magiche atmosfere degli anni '70 e successivi con canzoni epocali come “Una miniera”, “Vorrei comprare una strada”, “Quella carezza della sera”. I due ritornano insieme, con le loro esperienze, grande energia e volontà di recuperare il passato. Con loro una band di musicisti di alto spessore: Claudio Cinquegrana, Stefano Genti, Umberto Dadà e Nando Corradini. Gli of New Trools assieme ad una altra band storica, I Ribelli, che furono il gruppo di Adriano Celentano ad inizio carriera e che annoverano il leader e fondatore Gianni Dall’Aglio, saranno al centro della serata al teatro Mediterraneo (ingresso ad inviti) per “Medici senza frontiere” voluta dall’Ortopedia Meridionale Zungri. Un happening diretto artisticamente da Mario Fasciano, batterista e compositore napoletano con nel curriculum progetti musicali condivisi con tante star del rock, da Rick Wakeman, a Ian Paice e Steve Morse dei Deep Purple. A fare da maestro di cerimonie e intrattenitore nobile, una star della tv degli anni ’70-’80, Gianfranco D’Angelo, anche navigato attore di teatro. La regia è di Fabio Mazzeo e i balletti sono della Eskhara Ballet Company con coreografie tratte dallo storico show di Mediaset, “Drive in” che vedeva proprio D’Angelo come primattore. 

 

23:37 10/12

di Redazione

Commenta

“Chiaja Christmas Hall”, l’evento natalizio dedicato all’artigianato partenopeo

Torna da venerdì 14 a domenica 16 dicembre all’Hart di Napoli “Chiaja Christmas Hall”, l’evento natalizio dedicato al meglio dell’artigianato partenopeo organizzato da Pas27 di Stefania De Rosa e Agostino Di Franco.

Chiaia, area dello shopping di lusso e del glamour partenopeo, accoglierà artigiani e creativi del “fatto a mano di eccellenza” napoletano in una cornice raccolta, raffinata e suggestiva, nonchè originale, centrale e facilmente raggiungibile quale l’Hart (ex cinema Ambasciatori, via Crispi 33).

La tre giorni, che quest’anno giunge alla sesta edizione, vedrà la grande sala dell’Hart trasformarsi in vetrina d’eccezione per circa venti eccellenze imprenditoriali, rappresentative della tradizione e della cultura napoletana nota e apprezzata in tutto il mondo, dall’arte orafa ai manufatti in carta, dalla pelletteria al cioccolato artigianale, dai tessuti alle foto d’arte, all’arte della tavola e ai manufatti glamour che non rinunciano al pregio del “fatto a mano”.

Musica e dj set, cocktail e performance di vario tipo accompagneranno la tre giorni: ogni sera alle 18,30 è previsto l’aperitivo Martini by Tanya Future , venerdì 14 alle 17,30 ci sarà lo show cooking di “Cucina Amica” e sabato 15 alle 20,30 partirà il dj set a cura di BASILE Apartment con tante bollicine per il Brindisi di tradizione.

Media partner è #3DMagazine, che racconterà i momenti più belli dell’evento.

Il palcoscenico dell’imponente ex Cinema Ambasciatori diventerà il salotto del Natale di Chiaja.

Le foto sotto l’albero e le dediche più belle e spiritose saranno pubblicate sui canali web e social di Chiaja Christmas Hall e di #3Dmagazine.

Una navetta dal brand Chiaja Christmas Hall, messo a disposizione da Motor Village, agevolerà gli spostamenti effettuando un servizio gratuito di trasporto da e per vari punti di Chiaja rendendo magari così più comodo andare via dall’Hart con le borse e i pacchi degli oggetti acquistati.

Nella tre giorni sarà possibile sostenere la causa della Fondazione di comunità San Gennaro , una delle massime espressioni della napoletanità tradizionale, che avrà un proprio spazio per la vendita dell’ultima pubblicazione “Vico Esclamativo“, oltre ai manufatti d’ispirazione al Santo Patrono.

Chiaja Christmas Hall sarà insomma per tre giorni il luogo dove darsi appuntamento e stare insieme in allegria con gli amici, scambiandosi gli auguri di Natale, ascoltando musica e approfittando - fra un drink e un selfie - dell’occasione di provvedere comodamente in una sola volta a tutti i regali di Natale, scegliendo dal meglio della tradizione artigianale partenopea, fra piccoli e grandi brand più o meno noti, ma sempre e comunque pezzi unici nel proprio genere e di pregiata manifattura che non è facile trovare al di fuori dell’evento (e che rappresentano dunque regali ideali).

Ingresso libero, orari: venerdì 14 dicembre, ore 14-21; sabato 15 e domenica 16 dicembre: 10-21

Info: presschiajachristmashall@gmail.com

23:36 10/12

di Redazione

Commenta

Cinquantarte, mostra di Gabriele Marino al Museo di arte contemporanea

CASERTA. Giovedì 13, alle ore 18, sarà inaugurata, presso il Museo d’Arte Contemporanea Città di Caserta (ingresso via G. Mazzini, 16), la mostra personale di Gabriele Marino “Cinquantarte” curata da Viviana Passaretti, con intervento critico di Massimo Sgroi.

Con tale evento l’artista, la cui sperimentazione nel campo dell’arte risale al 1967 ed è considerato, dalla nota rivista Flash Art, tra i cento artisti più importanti degli ultimi 40 anni in Italia, festeggia i cinquant’anni di attività artistica.

La mostra vuole dare lustro alla sua lunga carriera, durante la quale si è sempre adoperato, con orgoglio, per dare lustro al territorio e a tutta la comunità, proponendo una selezione di opere che compongono una antologica, una sezione dedicata alla produzione più recente (Star Stones), nonché i Manifesti e le Locandine delle mostre più significative nel corso del tempo. 

L’evento è patrocinato dal Comune Città di Caserta, Assessorato alla valorizzazione, promozione ed iniziative culturali nei siti storici; Provincia di Caserta; Comune Città di San Prisco; Mac3, Museo d’Arte Contemporanea Città di Caserta; Museo Madre, Matronato della Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee; Sistema Museale Terra di Lavoro; Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli”. Nonché dalle associazioni Ciac M21, TerreBlu, MA Movimento Aperto Napoli, Centro culturale Il Pilastro.

La mostra è, inoltre, organizzata in collaborazione con Antropoli Agricola, Osteria Le Quattro Fontane Casagiove, Fervec srl.

 

“Ospitare nel nostro Museo d’Arte Contemporanea la mostra di Gabriele Marino è per noi motivo d’orgoglio, ma rappresenta anche un doveroso omaggio e ringraziamento della Città di Caserta ad un Maestro profondamente legato al nostro territorio – sostiene il Sindaco di Caserta avv. Carlo Marino - Sono lieto che questo evento avvicinerà ancor di più il pubblico al Maestro Marino, credendo, fortemente, nel potere dell’arte e della cultura, valori che auspico possano essere sempre più accessibili e sempre più fruibili da tutti.”

Segue l’assessore, con delega alla valorizzazione, promozione ed iniziative culturali nei siti storici, ing. Tiziana Petrillo “Abbiamo immediatamente accolto la proposta di organizzare questo importante evento presso il Mac3 poiché il nostro principale obiettivo è proprio la valorizzazione del Museo d’Arte Contemporanea attraverso l'allestimento di mostre ed iniziative di elevato valore artistico e culturale – aggiungendo - in questa circostanza la soddisfazione è doppia, essendo l’artista cresciuto ed avendo operato tutta la vita in questa provincia. Grazie di cuore al Maestro Marino per aver deciso di fare questo regalo ai casertani in occasione dei suoi cinquant’anni di carriera. Auguri!”

La mostra, la cui entrata è libera, sarà visitabile fino al prossimo 8 gennaio.

20:16 10/12

di Redazione

Commenta

Ecco "Distanti", il nuovo brano della casertana Angela Napoletano

Sarà on line da domani il nuovo brano, “Distanti”, della cantautrice casertana Angela Napoletano (nella foto). E’ possibile ascoltare questa canzone su Itunes, GooglePlay, Spotify e tutti i digital stores. La cantautrice ha composto musica e testo. All’inizio dell’anno aveva  pubblicato un altro interessante brano “L'abilità", un reggae incalzante sull'arte di dimenticare. Nata nella provincia di Caserta, Angela Napoletano, è stata finalista  qualche mese fa all’Area Sanremo Tim 2018 al teatro del Casinò di Sanremo. Per un soffio ha sfiorato l’ingresso riservato ai giovani al Festival di Sanremo. Un curriculum di tutto rispetto. Tra i riconoscimenti: seconda classificata a Portici al premio Bellavista, seconda al festival di Napoli due anni fa, voce solista alla Notte Vanvitelliana nella Reggia di Caserta; finalista all'Auditorium Conciliazione in Vaticano; in Rai si esibisce nella trasmissione “Il treno dei desideri”; vocalist in diversi gruppi; primo premio voce al festival jazz di Laurino nel 2012. Da oggi esce “Distanti” ultima sua produzione. “Un brano che parla delle relazioni, in genere quelle familiari, della distanza tra le generazioni, le delusioni e le ferite che spesso si vivono tra le mura di casa – spiega - un richiamo alla semplicità che solo un genitore può veramente conservare, colui che conosce le radici dell'adulto che si è diventati, con le sue scelte, spesso non condivise, e le conseguenze che ne derivano”.Il videoclip è stato girato in parte sulle spiagge di Bagnara di Pescopagano di Castelvolturno,un luogo che nonostante il degrado e l'occupazione abusiva, “lascia spazio a tutta quella nostalgia tipica degli anni dello sviluppo economico e del benessere, nostalgia di chi ha bisogno di un ritorno all'origine forte, autentico” dice. Nel videoclip appare l'immagine di una "Donna Scheletro" che suona i tamburi, chiaro riferimento al racconto di Clarissa Pinkola Estes dal suo "Donne che corrono coi lupi". “Un ritorno alla vita dopo la morte quindi, la rinascita di ogni anima e i cicli che la comportano e per finire un simbolo della creatività, il pappagallo” conclude Angela.

Felice Maiello

20:07 10/12

di Redazione

Commenta

Tour tra "I luoghi dell’amica geniale” al Rione Luzzatti

L'associazione culturale «Noi Professionisti», in collaborazione con la IV Municipalità e grazie alla disponibilità della Biblioteca comunale Andreoli, inaugura a partire da venerdì 14 e sabato 15 dicembre, alle ore 10, una serie di tour tra "I luoghi dell’amica geniale”. Non una semplice visita guidata, ma un dettagliato percorso nei luoghi che hanno reso celebre il Rione Luzzatti in tutto il mondo grazie alla tetralogia di Elena Ferrante e che, per la prima volta, sarà a cura di Maurizio Pagano e Francesco Russo, autori del libro «I luoghi dell’amica geniale», nati e cresciuti nel quartiere. Info e prenotazioni 3662568690.
Fondamentale nell’iniziativa il sostegno della IV Municipalità, come spiega il presidente Giampiero Perrella: «L’idea di un tour guidato per le strade del Rione Luzzatti, luogo da cui prende le mosse la serie televisiva L’amica geniale, rappresenta un’eccellente iniziativa per far conoscere posti spesso poco conosciuti della nostra città. Come Municipalità abbiamo subito sposato l’iniziativa attraverso il nostro patrocinio morale, offrendo la più ampia collaborazione agli organizzatori. E il libro di Maurizio Pagano e Francesco Russo, che fa addentrare ancora di più i lettori nei suggestivi luoghi descritti dalla popolarissima fiction e ancor prima dai romanzi della Ferrante, sarà un ottimo strumento per attirare sempre più appassionati e visitatori nel nostro quartiere». «Tutti i progetti che hanno lo scopo di promuovere e valorizzare il nostro territorio - aggiunge Perrella - saranno sempre accolti con entusiasmo da tutti noi. Sono sicuro che questo tour sarà fondamentale per far scoprire e toccare con mano, passeggiando a piedi per le sue strade e le sue piazze, tutti i posti più suggestivi della serie. Considerata l’enorme mole di turisti che specie in questo periodo arrivano a Napoli finalmente - conclude  Perrella - anche il Rione Luzzatti si candida ad essere meta privilegiata da visitare ed affiancare ai luoghi più famosi della città».

16:44 10/12

di Redazione

Commenta

"Musicanti", in 6mila al Palapartenope per il debutto nazionale

Standing ovation per il debutto nazionale di “Musicanti”, il musical con le canzoni di Pino Daniele, che si rivela la nuova favola del teatro italiano. Prodotto da Sergio De Angelis (Ingenius Srl) e curato nella direzione artistica da Fabio Massimo Colasanti, al fianco dell’uomo in blues dal 1997, “Musicanti” ha portato 6.000 persone nella platea del Teatro Palapartenope di via Barbagallo a Napoli, collezionando uno straordinario sold out. A grande richiesta, i Musicanti lasceranno Napoli più tardi del previsto. Alle repliche di sabato 14 e venerdì 15 dicembre (ore 21) e domenica 16 dicembre (ore 18), si aggiungono quelle di venerdì 21 e sabato 22 dicembre (ore 21) e domenica 23 dicembre (ore 18).

Gli autori Alessandra Della Guardia e Urbano Lione hanno fatto muovere nel testo inedito, meravigliosi personaggi, che hanno unito alla drammaturgia, le canzoni di Pino Daniele. Quelle che hanno fatto sognare e innamorare intere generazioni. Un immenso patrimonio da cui sono state scelte, tra le altre, le storiche “Na Tazzulella ’e cafè”, “A me me piace ’o blues”, “I say I sto ’ccà”,” Napule è”, “Viento”, “Yes I know my way”, “Je so pazzo”, “Cammina cammina”, “Lazzari felici”, “Musica musica”, “Tutta n’ata storia”, “Quanno chiove” e alcune canzoni tratte dal repertorio successivo, come “Che soddisfazione” e “Anima”.

In scena un cast di talentuosi artisti, Noemi Smorra (Anna), Alessandro D’Auria (Antonio), Maria Letizia Gorga (Donna Concetta), Simona Capozzi (Rita), Pietro Pignatelli (Dummì), Enzo Casertano (Tatà), Francesco Viglietti (Teresina), Leandro Amato (‘O Scic), Ciro Capano (Nonno), accompagnato sul palco da una “resident band” d’eccezione, composta da celebri musicisti “amici” di Pino, Fabio Massimo Colasanti, chitarra; Roberto d’Aquino, basso; Fabrizio De Melis, viola; Alfredo Golino, batteria; Hossam Ramzy, percussioni; Simone Salza, sax; Elisabetta Serio, pianoforte-tastiere. Un suono sofisticato e fedele alla produzione di Pino Daniele, curato dal sound engineer storico del Lazzaro felice, Fabrizio Facioni.

Insieme agli attori, nella grande scenografia sviluppata su più piani da Carlo De Marino, e animata dal disegno luci del lights engineer Marco Palmieri, si muovo i ballerini sulle coreografie di Cristina Menconi. La regia è di Bruno Oliviero.

La storia è quella del giovane Antonio, che torna nella sua Napoli per un lascito testamentario. Il misterioso benefattore è suo padre, di cui non ha mai saputo niente. Sconvolto dalla notizia, vuole liberarsi dell’immobile ma scopre che si tratta di uno storico locale di musica, il “Ue Man”. Il ragazzo è costretto a restare a Napoli e a gestire la situazione, lo farà grazie all’aiuto umano e psicologico di un artista di strada, Dummì. Conoscerà Anna, la cameriera e cantante del locale, e il suo amico Teresina, rincontrerà Rita, si difenderà dai tranelli di un delinquente, ‘O Scic. Resterà ammaliato dai racconti di Donna Concetta e Tatà e aprirà il suo cuore incontrando il nonno di Anna. La presenza di Antonio in questo luogo tanto odiato troverà un perché.

 

MUSICANTI: IL TOUR NAZIONALE

 Dopo NAPOLI (14, 15 e 16 dicembre – 21, 22 e 23 dicembre, Teatro Palapartenope), lo spettacolo arriverà a BARI, (29 e 30 dicembre, Teatro Team).

Nel 2019 il tour attraverserà l’Italia: ASSISI (15 e 16 gennaio, Teatro Lyrick); FIRENZE (14 e 15 febbraio, Obihall); TORINO (23 e 24 febbraio, Teatro Colosseo); MILANO (dal 7 al 17 marzo, Teatro Arcimboldi) e ROMA (dal 7 al 12 maggio, Teatro Olimpico).

16:42 10/12

di Redazione

Commenta

Le Canarie meta ideale per un inverno al mare: ecco perché

Anche in inverno si può avere voglia di mare e di sole, soprattutto quando le giornate si accorciano e il buio compare già alle cinque del pomeriggio. Una crociera in location baciate dal caldo può essere la soluzione ideale per dire addio allo stress del lavoro e per mettere da parte le preoccupazioni della quotidianità. Se le giornate buie e corte tipiche della stagione invernale hanno un impatto negativo dal punto di vista dell'equilibrio ormonale oltre che sul bioritmo, una crociera è il viaggio ideale per ritrovare serenità e per migliorare l’umore.

In crociera verso le Canarie

Una meta ideale per un viaggio in crociera è rappresentata dalle Isole Canarie, che in qualsiasi periodo dell'anno - inclusa la bassissima stagione - offrono uno spettacolo naturalistico di grande valore, oltre a molteplici opportunità di intrattenimento. Consultando gli itinerari messi a disposizione da Costa Crociere, è possibile verificare le proposte più interessanti per una vacanza improntata sul relax. Tra le destinazioni consigliate c'è, senza dubbio, Isla Graciosa, una delle isole più piccole di tutto l'arcipelago, con una estensione di appena 29 chilometri quadrati. Quel che colpisce di questa location, più di ogni altro aspetto, è - però - l'assenza di strade asfaltate.

Isla Graciosa

Turisti a parte, sono poco più di 700 le persone che abitano su Isla Graciosa, che si trova a una trentina di minuti di distanza dalla più famosa Lanzarote. Chi è in cerca di quiete non può che essere entusiasta di fronte allo scenario offerto dalla riserva marina più grande di tutto il continente europeo, di cui l'isola fa parte: il parco dell'arcipelago di Chinijo si sviluppa su una superficie complessiva di 700 chilometri quadrati, e ha il pregio di essere stato inserito nella lista dei patrimoni mondiali dell'umanità tutelati e promossi dall'Unesco. Un luogo affascinante non solo per i panorami, ma anche per la leggenda che lo riguarda: si narra, infatti, che intorno alla metà del XVIII secolo un equipaggio proveniente dalla Gran Bretagna abbia deciso di seppellire proprio qui un tesoro con l'intento di evitare le conseguenze di un saccheggio da parte dei pirati.

Lo spettacolo delle Canarie

Per un viaggio alle Canarie diverso dal solito, Isla Graciosa è la destinazione più apprezzata, con appena due insediamenti e strutture ricettive di piccolo cabotaggio. Insomma, chi non può fare a meno di hotel a 5 stelle farebbe meglio a rivolgere il proprio sguardo da un'altra parte, poiché su questa isola si può dormire o in pensioni di dimensioni modeste o in appartamenti molto caratteristiche. Il fatto che non vi siano grandi infrastrutture, poi, ben lungi dal rappresentare un difetto costituisce in realtà un grande pregio, in modo particolare per tutti coloro che si dilettano nel praticare gli sport all'aria aperta. Gli itinerari a disposizione per gli appassionati di mountain bike sono numerosi, ma anche gli esperti di surf possono trovare nelle onde dell'Oceano Atlantico pane per i propri denti. Dalle immersioni alle scalate, ci sono opzioni per tutti i gusti e per tutte le necessità. Le abitazioni imbiancate a calce, poi, danno vita a un paesaggio da cartolina che merita di essere immortalato in qualche scatto fotografico da condividere sui social network.

Anche in inverno temperature ideali

Non solo in inverno è possibile concedersi una vacanza alle Canarie, e in particolare all'Isla Graciosa, ma anzi è proprio questa la stagione in cui è consigliabile farlo, dal momento che i mesi in cui piove di meno sono quelli di gennaio e febbraio. Le temperature, invece, in media non scendono mai al di sotto dei 22 gradi, così come a dicembre: insomma, un clima quasi paradisiaco.

13:11 10/12

di Redazione

Commenta

Pagine


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)