Giovedì 19 Luglio 2018 - 2:05

L’Esercito Italiano affianca il Corecom contro il bullismo

“Abbiamo aderito con piacere all’iniziativa promossa dal Corecom Campania @scuolasenzabulli, prevenzione per combattere bullismo e cyberbullismo perché l’Esercito Italiano oltre all’impegno della difesa per la sicurezza nazionale e internazionale, realizza iniziative territoriali per contrastare il fenomeno  della delinquenza”. Lo ha detto il generale di brigata Rosario Castellano, comandante delle Forze Operative Sud dell’Esercito Italiano intervenendo oggi all’incontro organizzato  a Napoli dal Corecom Campania presso il “campo scuola estivo” del “Dopo Lavoro Ferroviario” di Napoli presso l’impianto sportivo “Taddeo Da Sessa” al “binario della solidarietà”.

“Ci muoviamo soprattutto in favore dei giovani mettendo in campo diverse manifestazioni finalizzate al recupero  degli studenti delle nostre scuole per invogliarli alle pratiche sportive. Solo nel 2017 hanno aderito ben 750 giovani”, ha aggiunto il comandante Castellano -. “Altri progetti sono in cantiere per dedicare la nostra attenzione agli adolescenti che oggi rappresentano la parte critica della nostra società, specie quando soffrono condizioni familiari disagiate”.

“Insieme all’Esercito Italiano diciamo ancora una volta NO al bullismo”, ha sottolineato Domenico Falco, presidente del Comitato Regionale per le Comunicazioni della Campania. Siamo lieti della disponibilità dimostrata dal generale Castellano che ha spiegato ai piccoli studenti l’importanza di non subire i soprusi e di reagire immediatamente agli atti di violenza denunciando prima ai genitori e poi alle forze dell’ordine per impedire che accadono spiacevoli episodi”.

“Il bullismo va combattuto fin dalla primissima età”, ha evidenziato  la psicologa e criminologa Rosaria Cataletto. “Le campagne di prevenzione hanno un ruolo fondamentale e devono partire dalle scuole fino ad arrivare alle famiglie”.

Giudizio positivo anche da Arturo Mercogliano, presidente del Dopolavoro Ferroviario di Napoli che  ha sostenuto l’importanza di attivare sempre nuove sinergie sul territorio con le associazioni che dedicano parte della loro attività in progetti sociali a favore dei giovani.

“Il bullismo è problema serio all’interno della nostra società” ha rimarcato Enrico Sparavigna, presidente dell’associazione “Camminare Insieme”. Utilizzando modelli di violenza, di prevaricazione, di forza cercano di seguire i peggiori esempi che offre la nostra comunità. Per frenare questi fenomeni occorre la repressione ma, soprattutto, tanta prevenzione”.

“Il progetto @scuolasenzabulli, promosso dal Corecom della Campania, ha consentito di incontrare i militari dell’Esercito Italiano impegnati nell’Operazione “Strade Sicure” che si sono resi disponibili a rispondere alle tante domande dei giovanissimi”, ha detto Stefania Zinno, presidente dell’associazione sportiva Kantera. “Siamo riusciti in pochi mesi a rendere efficiente una struttura sportiva che era stata abbandonata - ha aggiunto - consentendo ai ragazzi di dedicarsi alle attività ludiche all’insegna dello sport e della cultura, condannando tutti i fenomeni di bullismo”.

12:43 2/07

di Redazione

Commenta

“Le Eccellenze dei Sensi”, appuntamento dedicato all'udito tra cibo e musica

Fantastica serata a Villa Signorini per l’evento della rassegna “Le Eccellenze dei Sensi“ dell’Associazione Terronian. Ad accogliere gli ospiti e fare gli onori di casa: Corrado Sorbo, il suo professionale staff e gli ideatori ed organizzatori dell’evento Sarah Ancarola, in arte Shara, ed il Maestro Pizzaiolo Salvatore Di Matteo. A condurre la serata e presentare gli interventi Lorenza Licenziati, l’eclettica e poliedrica giornalista e presentatrice di numerosi eventi in tutta Italia.

Quello tenuto lo scorso 29 Giugno a Villa Signorini è il secondo appuntamento della rassegna “Le Eccellenze dei Sensi” che mette in risalto le eccellenze del territorio proprio attraverso i sensi. Protagonista di questa serata l’udito che ha ovviamente ispirato il titolo dell’evento stesso che, anche in quest’occasione, è stato un hashtag: #INSTASUONO. Certo, non si è spento l’eco del successo della prima serata “INSTAGUSTO “ che si è riconfermato anche in questo nuovo appuntamento legato al senso dell’udito.

L’iniziativa è dovuta al coraggio ed alla passione della cantautrice Shara e di Salvatore Di Matteo che, con la loro Associazione Terronian, coinvolgono vari settori del sociale per la valorizzazione delle eccellenze del territorio.

Parlando dei sensi, ed in questo caso di udito, non poteva mancare una interessante dimostrazione della “Audio Medical“ di Angelo Matrone & Figli, che ha portato a conoscenza dei numerosi astanti le ultime e meravigliose protesi per audiolesi. Con loro Chiara Trematerra, la giovane testimonial del progetto “RITORNA a sentire la vita: la storia di Chiara” ideato dal Dott. Giovanni Matrone, che ha raccontato la sua esperienza nel percorso di cura contro l’ipoacusia. Al Dott. Giovanni Matrone è andato un riconoscimento per l’impegno profuso nella sensibilizzazione alla cura contro l’ipoacusia.

Durante la cena, dove la maestria del giovane Chef Resident Vincenzo Borriello si è notata eccome, si sono avvicendati sul palco famosi artisti annunciati dalle leggiadre Shara e Lorenza Licenziati.

Deliziosa ed inimitabile la voce di Shara, chiara e dai toni squillanti, che ha aperto la serata con un brano tratto dal suo primo album Pranava Rainbow ed un omaggio al noto cantautore scomparso 3 anni fa, Pino Daniele.

Il secondo intermezzo musicale è stato rappresentato dai Flamenco Tango Neapolis con il loro progetto artistico che unisce il flamenco, il tango argentino e la tradizione musicale napoletana ai quali è stata conferita una targa di riconoscimento per il talento e la creatività.

Altro ospite d’eccezione il noto Maestro delle Tammorre, interprete di musica popolare campana, Romeo Barbaro, il quale ha deliziato i presenti con il “battito” delle sue tammorre e l’esecuzione di una inimitabile tammorriata tratta dal suo ricco repertorio. Al Maestro Barbaro è stata conferita una targa per il talento e l’impegno mostrato nel portare avanti la tradizione legata alle antiche sonorità campane.

Un intermezzo interessante quello di Marco Tramutola, inventore di un dispositivo rivelatosi di supporto per gli audiolesi. A questo giovane imprenditore è stato conferito un riconoscimento per l’ingegnosità mostrata in campo tecnologico.

 

Come nel precedente appuntamento anche in quest’ultimo c’è stato il momento social dedicato al premio #Instasuono per il quale è stata messa in palio una mini cassa per cellulare con collegamento bluetooth della Sony che è stata aggiudicata a Francesco Russo, autore della foto che ha ricevuto più like durante la serata.

L’aspetto gastronomico dell’evento, curato ancora una volta in maniera eccellente da Salvatore Di Matteo, ha visto il coinvolgimento del Resident Chef della Villa Vincenzo Borriello. La serata si è aperta con un entrée, come sempre gustoso ed accattivante, di pizze firmate Salvatore Di Matteo, la Marinara e la Margherita, andate letteralmente a ruba.

Squisita la cena elaborata coi prodotti messi a disposizione dagli sponsor ed aperta a bordo piscina con un aperitivo di benvenuto realizzato con finger di ricotta e granella di nocciole di Avella.
Al tavolo è stato servito un ricco antipasto a base di nodini di mozzarella di bufala “Tenuta del Lago”, sfincione palermitano, tortino di spinaci e arrotolato con rucola, prosciutto Conte di Laceno e pomodorini.
A seguire un primo realizzato con Casarecce De Cecco, pomodorini gialli e pomodorini rossi de La Fiammante e cacioricotta del Cilento.

Ad accompagnare i piatti è stata la nuovissima Birra Nastro Azzurro Prime non filtrata mentre il Parfait all’arancia con spiedini di frutta ed i Cuori di sfogliatelle firmati Antonio Ferrieri sono stati serviti in abbinamento al Prosecco Casa di Sant’Orsola.

Presenti i giornalisti Silvana De Dominicis, Carmine Bonanni, Mario Carillo, Harry Di Prisco, Eduardo Cagnazzo, Elio Guerriero, l’editore Francesco Russo ed il blogger, Gennaro D’Aria.

La voce di Shara, accompagnata dal pianista Tony Guido, dal chitarrista Gianluigi Capasso e dal batterista e percussionista Francesco Varchetta, ha concluso la bella serata con l’annuncio della settima edizione del “PREMIO ECCELLENZE DEL SUD“ che si terrà il prossimo 20 luglio sempre nella cornice fantastica di Villa Signorini.

Si ringraziano La Fiammante, Nastro Azzurro, Azienda vinicola Vigna Villae, Caseificio Tenuta del Lago,  Caffè Izzo, Cargomar, Pastificio De Cecco, Ferrarelle, Cuori di Sfogliatella, Salumificio Reggiano, The Story Parrucchieri, MV Forni, La Gazzetta dello Spettacolo, Vesuviolive ed EATammece per il supporto fornito all’iniziativa.

12:37 2/07

di Redazione

Commenta

Storia e tecnologia esplorando San Domenico Maggiore e Cappella Pontano

Per la prima volta in assoluto, le associazioni di professionisti "Timeline Napoli" e "IVI Itinerari Video Interattivi", in collaborazione con Astrea Tour, presentano una nuova esperienza di visita alla scoperta del Complesso San Domenico Maggiore di Napoli e Cappella Pontano. 

 
Sabato 7 luglio, alle ore 17:30, sarà possibile esplorare la storia, gli aneddoti, i segreti e l’architettura del complesso monumentale partenopeo, con un salto nel tempo, dalle sue origini ai giorni nostri. Si avrà modo di apprezzare non solo il valore artistico, ma anche l’importanza storica che il sito ha avuto durante il periodo angioino e aragonese per la città di Napoli. 

Fondato nella seconda metà del X secolo, divenne nel tempo un luogo di culto di importanza tale da essere denominato "Provincia Regni". Sede degli studi di teologia del Regno, qui San Tommaso avrà una cattedra come rettore per due anni. Con l’arrivo degli aragonesi, verrà modificato e ampliato ancora una volta, con la costruzione della omonima piazza e dello scalone monumentale. 

All’interno del Cortile delle Statue, la visita permetterà di conoscere un aspetto affascinante dell’arte erborista, sviluppatasi come componente medica proprio grazie allo studio delle piante da parte dei frati. Molte piante e ortaggi di uso quotidiano, sveleranno il loro lato terapeutico, sorprendendo per il loro uso e anche per i miti ad essi collegati, riscoprendo così come in passato alcuni preparati sotto forma di decotti, impacchi e infusi fossero considerati cura e rimedio per quasi tutti i mali, compresi quelli matrimoniali legati a fertilità, contraccezione ed eros. 

Il percorso proseguirà con la visita alle arche aragonesi, in collaborazione con DOMA: circa 40 feretri altamente decorati che raccolgono quasi l’intera casata di Aragona. Qui fu inizialmente sepolto re Alfonso V, prima di essere riportato in Spagna. Si continuerà poi all’interno della Sala degli Arredi Sacri, o del Tesoro, dove sono esposti paramenti e oggetti sacri di raro valore storico, artistico e culturale, nonché i preziosi abiti dei sovrani e dei nobili napoletani rinvenuti nelle tombe.

Entrati all’interno di San Domenico Maggiore, sempre in compagnia di esperti in materie storico\filosofiche si offriranno ulteriori suggestioni: si ammirerà la Cappella della famiglia Rota dove, su alcune statue sono scolpiti inequivocabili simboli massonici e la Cappella Carafa di Santaseverina, i cui fregi racchiudono un indizio che potrebbe documentare, in epoca rinascimentale, l’esistenza di culti segreti di origine egizia a Napoli. La Cappella è collegata alla figura di Giordano Bruno in quanto avrebbe ispirato la sua opera “Spaccio della bestia trionfante”. Proprio a Domenico Maggiore, infatti, il filosofo nolano studiò in gioventù.

Il percorso si allungherà in via Tribunali dove per l’occasione sarà aperta la Cappella Pontano, un piccolo e misterioso scrigno poco conosciuto del Rinascimento napoletano. Nella Cappella Pontano, i ricercatori IVI hanno scoperto e documentato nel percorso della video visita, un fenomeno riguardante il sole che al solstizio d’estate tocca un particolare elemento architettonico della cappella. Inoltre, verranno evidenziati per la prima volta significati alchemico-esoterici nella sua struttura e nelle lapidi. 

Con l’ausilio della tecnologia di occhiali Lcd, attraverso filmati inseriti nelle lenti, lo spettatore vivrà l’esperienza di un mondo parallelo oscillante tra passato e presente, scoprendo avvenimenti e situazioni che sembreranno provenire da un’altra dimensione. 

Contributo 15 euro adulti (comprende la visita a San Domenico e Cappella Pontano + sconto del 50% sul costo del biglietto cumulativo dei percorsi al Maschio Angioino effettuati da TIMELINE NAPOLI e IVI, quindi 10 euro per entrambi i percorsi, anziché 20 euro. Tale offerta è valida solo dal venerdì alla domenica presso il Maschio Angioino negli orari di visita previsti). Riduzioni per bambini sotto i 10 anni (Gratis la visita al Maschio Angioino)
 
PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA
Contatti Timeline Napoli: 3317451461 | info@timelinenapoli.it 
Contatti IVI: 3273239843 | info@projectivi.it

12:21 2/07

di Redazione

Commenta

All’ospedale Umberto I di Nocera 15 ragazzi regalano sorrisi ai bambini ricoverati

Il sorriso dei bambini è capace di illuminare qualsiasi ambiente, anche quello triste degli ospedali! Ne hanno dato la dimostrazione un gruppo di 15 ragazzi, 15 colleghi - tutti facente capo alle agenzie “Professionecasa” di Nocera (Inferiore e Superiore) e Castel San Giorgio - che nei giorni scorsi hanno fatto visita ai bambini ricoverati nel reparto “Pediatria” dell’Ospedale Umberto I di Nocera in compagnia di animatori e carichi di regali destinati ai piccoli pazienti.

L’ospedale per il bambino rappresenta il distacco dalla propria casa, dalle proprie abitudini, dai propri punti di riferimento, oltre che il contatto – forse per la prima volta – con la malattia, con la sofferenza personale e con il dolore degli altri. L’obiettivo dei 15 ragazzi è far sentire i piccoli ammalati “come a casa”, perciò hanno deciso con questo piccolo gesto di inaugurare una serie di iniziative finalizzate a minimizzare i disagi di natura psichica cui sono soggetti i bambini ricoverati in ospedale rendendo gli ambienti dei nosocomi accoglienti e colorati, in grado di rispondere alle esigenze di gioco e di espressione dei piccoli. Ecco i nomi dei 15 “colleghi di lavoro”: Alessandro Palmieri, Alfonso Villani, Annalisa Landucci, Antonella Ruggiero, Antonella Senatore, Debora Carlucci, Marco Romano , Mario Blasio, Mario Mazo, Matteo Vicidomini, Raffaele Coppola, Raffaele Tafuri, Ryzhanovich Aliaksandryna, Salvatore Fausto e Sara Iannone.
I bambini sono i nostri maestri di vita – afferma uno di loro, ovvero Mario Mazo - . E’ grazie ai piccoli, al momento magico della loro nascita, alla semplicità dei loro gesti, alla sincerità delle loro parole che ci rendiamo conto dell'importanza di ogni vita umana. Qualsiasi posto è più luminoso se al suo interno c’è un bambino che sorride!”. “Il nostro obiettivo – concludono i 15 ragazzi – è illuminare le stanze di tanti altri ospedali attraverso il sorriso dei bambini che vi sono ricoverati. Rinnoveremo periodicamente questa nostra iniziativa e speriamo che questo nostro gesto funga da sprono per tantissime altre persone che hanno la possibilità di fare altrettanto in altre zone d’Italia”.

12:19 2/07

di Redazione

Commenta

"Nonna Nannina", a Cava de' Tirreni la cucina è contadina

A Cava de' Tirreni una pizzeria contadina che promuove il territorio e tutte le sue eccellenze. "Nonna Nannina Pizzeria Contadina e Cucenella" oggi a partire dalle 18:30 inaugura la sua seconda sede. Stavolta però non solo pizze da asporto, ma un locale più grande, proprio accanto al primo, in pieno stile familiare, accogliente, con una quarantina di posti a sedere. La politica del brand è sempre la stessa ed è una garanzia per i suoi clienti che, sin dalla prima volta, si avvicinano e restano attratti dalla filosofia dei due proprietari: Nausica Ronca e Pasquale Bisogno. Moglie e marito con la passione per la cucina e con un grande entusiasmo nel promuovere le eccellenze del territorio campano. Ma cosa vi aspetta andando in questo locale? Tra le tante novità troverete il "tagliere à la carte", un tagliere che il cliente stesso può comporre, con salumi, formaggi, confetture, tutte rigorosamente selezionate e scelte accuratamente dai proprietari che prediligono prodotti veraci, realizzati in maniera semplice secondo le tradizioni, di alta qualità, e che soprattutto promuovano le tradizioni campane. Altra novità, le pizze di stagione. Oltre alle pizze tradizionali come margherita, marinara, non troverete sempre le stesse pizze, perché varieranno in base alla stagionalità dei prodotti, delle verdure e degli ingredienti. Il cliente sceglie il suo menù. "Noi non amiamo dire che prendiamo i prodotti migliori, il prodotto migliore non è sempre quello bello, ma quello buono, quello che le nostre nonne utilizzano per fare i piatti tipici che noi tutti amiamo. Noi non siamo per i prodotti industriali su larga scala e non è vero che la qualità è sempre sinonimo di prezzi alti, bisogna solo sapersi organizzare. Siamo un po’ i ribelli del sistema", dichiara Pasquale Bisogno. Ma la filosofia del brand non è solo quella improntata ai prodotti tipici della tradizione campana, ma anche ai prodotti che fanno bene alla salute: “Abbiamo creato un sito internet che si chiama "Pizza e Salute", dove ci sono studi ed interviste fatte a medici sulle proprietà organolettiche di determinati alimenti. Ad esempio la margherita con il pomodoro non è indicata per pazienti cardiopatici, oppure la pizza coi carciofi è assolutamente consigliata a donne in gravidanza", spiega Nausica Ronca. L'avventura di "Nonna Nannina" nasce un po' per caso ed un po’ per esigenze lavorative, come spiegano i proprietari, che non provengono da famiglie di pizzaioli, ma sono stati ispirati dalle tradizioni di Nonna Nannina (nella foto), la nonna di Pasquale, che cucina sapientemente da anni piatti tipici della tradizione campana. Quegli stessi piatti che anche loro cucineranno nel loro locale. Perché oltre alle pizze troverete dei piatti tipici come il rinomato “scarpariello”. In cucina insieme a loro troverete lo chef Gerardo, fratello di Pasquale, ma oltre alla famiglia il locale è l’occasione per dare lavoro a chi davvero ama questo mestiere, come spiega Nausica:” Se vediamo che un ragazzo vuole imparare, noi gli insegniamo tutto e siamo ben contenti che lui cresca, anche se magari un giorno vorrà andar via”. Da “Nonna Nannina Pizzeria Contadina e Cucinella” troverete, inoltre, un’accurata selezione di birre artigianali e vini campani. Per l’inaugurazione ci sarà anche padre Giggino, un frate francescano,  conosciutissimo a Cava de Tirreni, che benedirà il locale.

11:13 2/07

di Roberta De Maddi

Commenta

Infezioni ospedaliere, in Italia 7mila morti l'anno

NAPOLI - “Infezioni nelle strutture sanitarie, la necessaria decontaminazione. Qual è la situazione in Italia?” è il tema del forum nazionale che si terrà a Napoli lunedì 2 luglio alle ore 17 presso lo “Star Hotels Terminus” Napoli (piazza Garibaldi, 91) promosso dal Centro Studi Mediterranea Europa.

L’argomento affrontato è di grande attualità: le infezioni ospedaliere, stima l’Istituto Superiore di Sanità, mietono tra le 4500 e le 7000 vittime l’anno, contro le 3500 della strada. E sono oltre mezzo milione i pazienti che ogni anno si ricoverano per curare una cosa e si trovano a dover fronteggiare un’altra malattia presa proprio in ospedale. In pratica tra il 5 e l’8 per cento degli assistiti è vittima di un’infezione ospedaliera.

Introdurranno i lavori Michela Rostan, neo-vicepresidente della Commissione Sanità e Affari Sociali della Camera dei Deputati, Raffaele Del Giudice vice sindaco di Napoli e Gaspare Saturno, presidente del Centro Studi Mediterranea Europa.

Massimo Clementi, prorettore dell’Università San Raffaele di Milano e preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia Vita Salute, terrà una Lectio Magistralis su “Infezioni in ospedale, lo scenario in Italia e in ambito internazionale. Microorganismi emergenti e riemergenti, il ruolo della microbiologia e la disinfezione”. Alessandro Perrella, infettivologo dell’Ospedale Cardarelli di Napoli illustrerà “Quale il profilo attuale della antibioticoterapia: antimicrobial stewardship”. Roberto Lombardi, del dipartimento Innovazioni Tecnologiche dell’I.N.A.I.L. nel suo intervento analizzerà “L’importanza della disinfezione, la legislazione di riferimento. Quali le acquisizioni della comunità scientifica e l’innovazione tecnologica”.

All'incontro parteciperanno anche Domenico Falco (presidente del Corecom Campania), Maria Galdo (Società Italiana Farmacisti Ospedalieri), Stefania D’Auria (Hcrm - Hospital & Clinical Risk Managers), Oreste Caporale (dirigente medico del dipartimento igiene e medicina del lavoro e prevenzione, Azienda Universitaria “Federico II” di Napoli), Maria Rosaria Esposito (Anipio, Società Scientifica Nazionale Infermieri Specialisti nel Rischio Infettivo) Nicola Ammaccapane e Gennaro Carrino (vicepresidente e segretario generale del Centro Studi Mediterranea Europa).

Le conclusioni saranno affidate a Michele Schiano di Visconti, medico chirurgo e consigliere Regionale della Campania.

19:15 30/06

di Redazione

Commenta

Premio Italia a colori, via alla seconda edizione

NAPOLI. Si terrà lunedì 2 luglio a partire dalle ore 19,30 al Maschio Angioino di Napoli la seconda edizione del "Premio Nazionale Italia a Colori", la serata-evento promossa da Mattina 9, il morning show di Canale 9 - 7 Gold.  La manifestazione intende essere un riconoscimento per tutte le eccellenze che si sono distinte nei rispettivi ambiti di competenza, dal sociale all'imprenditoria, dalla politica alla cultura allo sport. 
La serata, condotta da Claudio Dominech e Mariù Adamo, sarà introdotta dagli indirizzi di saluto delle autorità presenti, dal sindaco di Napoli Luigi de Magistris a Sua Eminenza il Cardinale Crescenzio Sepe.
Riceveranno il Premio Nazionale Italia a Colori 2018 il ministro dell'Ambiente Sergio CostaAmaurys Perez per lo sport ed il sociale; il direttore del Museo Archeologico di Napoli Paolo Giulierini; il cavalier Patrizio Podini, numero uno di Md Spa; il presidente dell'Università Telematica Pegaso Danilo Iervolino; il presidente di Carpisa Raffaele Carlino; il direttore del Corpo di Ballo del Teatro San Carlo Giuseppe Picone; personaggi dello spettacolo come gli Arteteca, i Foja e il duo Ivan e Cristiano; la ricercatrice Annamaria Colao; il giornalista Ernesto Mazzetti; il broker Angelo Coviello e Roberto Caserta, titolare del Laboratorio Ortopedico Enrico Caserta.

16:58 30/06

di Elena Picchi

Commenta

“Mastunicola”, a Pianura il nuovo locale di cucina tipicamente napoletana

NAPOLI. Inaugura mercoledì 4 luglio 2018, in via Pallucci 160 a Pianura, “Mastunicola”, un nuovo ed accogliente locale dedicato alla ristorazione. "Mastunicola" è un nome che viene da molto lontano e che oggi intende deliziare il palato di tutti coloro che vorranno trascorrere una serata all'insegna del buon cibo partenopeo, come quello di una volta. Una cucina tipicamente napoletana che affonda le sue radici nel lontano 500 quando la pizza, quella vera si chiamava proprio così, “Mastunicola”: alcune fonti raccontano che questo nome deriva dalla famossisima e profumatissima “vasnicola”, ossia il basilico, presente e indispensabile anche oggi nella Margherita. Dunque, prima che la margherita prendesse il posto e si aggiudicasse come pizza con il miglior connubio di ingredienti, la pizza mastunicola era lì che deliziava e sfamava tutti i napoletani. Strutto, formaggio, e basilico. Semplice e inequivocabile la pizza era proprio così, solo successivamente Raffaele Esposito capì che la combinazione con il pomodoro nuovo frutto proveniente dall’America del sud, assieme alla mozzarella e alla “vasnicola” avrebbe goduto della piena approvazione della regina Margherita e successivamente di tutti napoletani. La cucina partenopea povera, ma ricca di sapore, è così famosa nel panorama culinario Italiano  e non solo, perchè non solo nei piatti vi si trova il sapore, che ahimè tutti conosciamo, ma si trova anche un importantissimo pezzo di storia fatto di una cultura popolare ricca di tradizione, una tradizione che è un vero mix di culture e sapori lontanissimi che ancora oggi abbiamo la fortuna di conoscere e tramandarci. “Mastunicola” si impegna a mantenere vive tutte quelle tradizioni per regalare agli ospiti la sensazione di esplorare i  sapori di una volta in una chiave tutta moderna, offrendo una cucina tipica, regolare in ogni suo aspetto ma ricca di quei sapori lontanissimi ancora oggi presenti sulle nostre tavole. Quei sapori che oggi caratterizzano le nostre domeniche e che tengono felicemente unite le nostre famiglie. https://www.facebook.com/pg/Mastunicola.official

15:44 30/06

di Redazione

Commenta

La squadra di Napoli conquista il terzo posto

La squadra dei medici di Napoli si è classificata al terzo posto ai campionati d'Italia che si sono svolti in Sardegna. Nella piccola finale che si è giocata a Santa Teresa di Gallura i partenopei hanno battuto il Cosenza per 2-1 con i gol di Auletta e Barbuto che si è anche aggiudicato il titolo di cannoniere con 4 reti. Il tricolore 2018 per la cronaca se lo è aggiudicato Reggio Calabria che in finale ha piegato Trinacria Palermo per 1-0 con una rete di Parlongo.

20:17 29/06

di Redazione

Commenta

Scampia, al via il Simposio d'Arte internazionale

Si svolge dal 29 giugno al 6 luglio 2018 la 10. edizione del Simposio d’Arte Contemporanea Internazionale di Scampia promosso da Occhi Aperti società cooperativa sociale ONLUS: sette giorni di incontro, contaminazione e scambio tra artisti provenienti da diversi Paesi del mondo e il quartiere. Nato nel 2009, il Simposio d’Arte Contemporanea Internazionale di Scampia, a partire dalla concezione Dostoevskijana che la bellezza salverà il mondo, negli anni ha fatto di Scampia un ponte artistico tra Napoli, l’Europa e il mondo. Da Scampia sono passati, e a volte tornati, artisti e artiste provenienti da paesi europei (Austria, Croazia, Finlandia, Francia, Germania, Gran Bretagna, Romania, Spagna), dall’Oriente (Cina, India, Iran), dall’Africa (Iraq e Senegal), dall’America (Brasile).

La 10. edizione, curata da Fabio Cito con il gruppo di ragazzi Nophoto, dal titolo Lo Specchio, affronta i temi dell’individualità a contatto con l’immagine di sé. L’obiettivo di questa edizione è la restituzione di un’immagine autentica dell’abitante di Scampia, resa artificiale e costruita dal racconto dei mass media. In altre parole, quest’edizione ha come meta ambiziosa la ricostruzione di uno spazio soggettivo e intersoggettivo sincero, in un rispecchiamento fedele e reale dell’individuo.

Per una settimana, dal 29 giugno al 6 luglio, pittori, scultori, fotografi, poeti, trasformeranno Scampia in un laboratorio d'arte offrendo ai cittadini la possibilità di assistere e partecipare alla realizzazione dei loro lavori in itinere. Accanto al programma pubblico di incontri e grazie alla collaborazione di alcune organizzazioni da anni impegnate per la riqualificazione del quartiere, gli artisti coinvolgeranno oltre 100 persone tra bambini, adolescenti e donne del quartiere in laboratori creativi in cui la danza, la pittura e la fotografia diventano relazione.

Gli artisti che animano la 10. edizione del Simposio d’Arte Contemporanea Internazionale di Scampia sono: la pittrice francese Delphine Manet; il pittore turco Evrim Ozeskici; la performer e pittrice finlandese Katja Jhuola; lo scultore e pittore senegalese Mor Talla Seck; la performer e pittrice iraniana Sanya Torkmorad-Jozavi; la pittrice rumena Smaranda Moldovan; il performer e pittore inglese Tony White; e gli artisti italiani Franco Umbertini, Grazia Simeone e Vittorio Tonon.

Il programma degli incontri aperti alla cittadinanza, a ingresso libero, comincia venerdì 29 giugno 2018, alle ore 18,30, presso CasArcobaleno, via Ghisleri Lotto R, con l’Inaugurazione del Simposio d’Arte Contemporanea Internazionale di  Scampia e la presentazione degli artisti internazionali che animano la 10. edizione e del tema dell’anno.

Si prosegue lunedì 2 luglio e martedì 3 luglio, con una serie di laboratori artistici a ingresso libero su tutto il territorio del quartiere.

Mercoledì 4 luglio 2018, alle ore 10.30, presso la Villa Comunale di Scampia, Viale della Resistenza, l’appuntamento è con i Laboratori partecipativi: la pittura e l’arte visuale, insieme al gioco, diventano spazio di incontro, scambio e contaminazione per creare bellezza e scoprire il piacere di farlo insieme.

La 10. edizione del Simposio d’Arte Contemporanea Internazionale di Scampia si chiude venerdì 6 luglio 2018, alle ore 17,30, all’Auditorium Fabrizio D’Andrè, viale della Resistenza 31 con una festa. I lavori realizzati dai bambini, dagli adolescenti e dalle donne coinvolte dai laboratori diventano una mostra a cielo aperto e fanno da cornice alla consegna al quartiere delle opere realizzate dagli artisti.

La 10. edizione del Simposio d’Arte Contemporanea Internazionale di Scampia è realizzata da Occhi Aperti società cooperativa sociale ONLUS, in collaborazione con Centro Educativo Luigi Scrosoppi - C.E.Lu.S., Centro Insieme onlus Le Vele, Centro Hurtado, Associazione AQuaS, Associazione donne in rete Dream team, GRIDAS, Associazione Arrevutammoce, Consorzio di cooperative Proodos, rete C.G.M, Rete Lasalliana ConSidera, Associazione Vox Alterna.

Tutti gli appuntamenti sono a ingresso libero.

Info: occhiaperti.onlus@gmail.com | tel. + 39 328 189 27 70 – + 39 347 3364487

18:22 29/06

di Redazione

Commenta

Pagine


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis