Per tutte le persone che sono interessate a lavorare nel settore del vino la frequentazione di un corso per sommelier è un punto di partenza da cui non si può prescindere, destinato a garantire risultati ottimali nel giro di breve tempo. Va detto, comunque, che le tipologie di corsi che si possono trovare al giorno d'oggi sono numerose ed eterogenee, tali - dunque - da assecondare qualsiasi tipo di esigenza, sia in termini di costi che in termini di durata. Di conseguenza, chiunque può avvicinarsi a questo mondo, in funzione della propria disponibilità di denaro e di tempo.

Come iniziare

Un corso sommelier a Roma parte da un corso di primo livello, che è differente da un corso di avvicinamento al vino: quest'ultimo, infatti, è consigliato a coloro che sono intenzionati a conoscere il campo vinicolo, senza che ciò implichi il farne un lavoro. Con un corso sommelier primo livello, invece, si riceve una prima formazione specifica che permette di diventare esperti sommelier, e quindi si acquisiscono le competenze necessarie per proporre bottiglie e suggerire abbinamenti, nel settore della ricezione turistica e in quello della ristorazione, ma anche in occasione di eventi di intrattenimento e in vari locali.

I tre livelli di approfondimento

Volendo è possibile seguire anche corsi immersivi e che occupano lo spazio di pochi giorni: si tratta di una soluzione messa a punto per chi, per esempio, lavoro, o comunque per tutti coloro che non hanno la possibilità di investire troppo tempo sul lungo termine. Ciò non vuol dire, comunque, che corsi di questo genere non garantiscano una formazione di qualità. Se è vero che l'approfondimento richiesto per il mondo vitivinicolo si articola su tre livelli, ecco che una formazione di un paio di giorni deve tenere conto di tutti e tre, inseriti all'interno di una formula compatta. Le basi sono rappresentate dalla comprensione enologica e dall'arte dell'assaggio, che rientrano nel primo livello, mentre il secondo livello è costituito da approfondimenti ad hoc finalizzati alle produzioni vinicole; con il terzo livello, infine, si giunge agli abbinamenti tra il vino e gli alimenti, che in ultima analisi consistono nella base del lavoro di qualsiasi sommelier.

Perché scegliere la formazione rapida

Grazie a una formazione rapida, si ha la possibilità di trovare lavoro in tempi rapidi in qualità di sommelier. I corsi, in genere, prevedono una durata di due o al massimo tre giorni per ciascun livello, il che vuol dire che in tutto non si deve investire più di una settimana. Si può scegliere se optare per moduli continui, con i corsi che si svolgono in sette giorni di seguito, o se puntare sulla separazione dei livelli, distribuiti in settimane diverse. In questo secondo caso, il primo livello sarà frequentato in un fine settimana, il secondo livello in quello successivo e il terzo livello in quello che segue, secondo una modalità progressiva. I corsi sono ciclici: quindi, se ci sono dei problemi nel seguire i corsi di tutti e tre i livelli nel giro dello stesso mese, si può attendere quello successivo per frequentare i livelli mancanti, in un'ottica di continuità che è resa possibile dai moduli standard.

Tante formule per una formazione completa

Come si vede, sono tante le formule messe a disposizione di tutti gli appassionati, fermo restando che accanto ai corsi di un paio di settimane o addirittura di meno giorni esistono altre soluzioni più lunghe, fino a un paio di anni. La massima libertà di scelta che viene garantita offre a chiunque l'occasione di individuare la proposta più in linea con i propri bisogni.