Domenica 16 Dicembre 2018 - 16:43

“Sogni Sotto L’Albero”, charity gala a Villa Domi

Arginare l’abbandono dei neonati e la loro sofferenza attraverso la “Culla della vita”: questo il leitmotiv della XI edizione di “Sogni Sotto L’Albero” il Charity Gala ideato e promosso da Maridì Communication in partnership con l’Associazione Soccorso Rosa-Azzurro Onlus che andrà in scena il prossimo 11 dicembre sera nella prestigiosa Villa Domi, dimora patrizia del “700, situata sulla zona collinare di Napoli. Protagonisti della serata, condotta da Maridì Vicedomini, il Prof Francesco Raimondi, Direttore Unità Operativa di Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II di Napoli, Presidente  dell’Associazione Soccorso Rosa-Azzurro Onlus e la sua eccellente equipe che opera puntualmente nel reparto di Pronto Soccorso Neonatale per salvare le vite di neonati che arrivano in condizioni di salute drammatiche, spesso abbandonati in contenitori di rifiuti. Già set di molte riprese della serie Tv Rai di grande successo, “I Bastardi di Pizzofalcone 2” con la regia di Alessandro D’Alatri, la struttura dispone di “una culla per la vita” che ha sostituito la storica “ruota degli esposti” dell’“Annunziata” oltre ad una sala parto pluriattrezzata dove le partorienti possono dare alla luce il proprio bambino in assoluto anonimato, disconoscendo la maternità. Ad aprire la kermesse, un defilè di brand di alto profilo, quali  “Mimmo Donisi Creation” che proporrà un’anteprima della preziosa Wedding Collection 2019 oltre ad una capsule di abiti da gran sera ideali per le Christmas Holidays, “Gisella Gallotta gioielli come arte” di Gisella Gallotta, discendente da un’antica famiglia napoletana di gioiellieri che opera nel settore dal 1922 che presenterà la “Prince Collection”, una serie di monili preziosi  di argento con  pietre preziose e perle naturali  che si ispira a Napoli ed alle sue tradizioni, in un’originale mixage tra “sacro e profano”; ed ancora, in passerella le avvolgenti e pregiate pellicce di Umberto Antonelli, maestro pellicciaio di antica tradizione che sfilerà modelli esclusivi, perfetti nei tagli , eccentrici nei colori , frutto di una confezione artigianale e di una selezione accurata nei pellami utilizzati. A chiudere il discorso “Fashion”” Tersige Cerrone, con il suo brand “Cerrone”, più volte tra le grandi protagoniste di Altaromamoda, che presenterà 12 outfit, tra capi in pelle trasformati in abiti molto eleganti e pellicce trattate come stoffe con preziosi lavori d’intarsio e tecniche di lavorazione che le rendono leggere ed attualissime.  Da segnalare, tra gli autorevoli  partner della manifestazione, la BCC NAPOLI, “Banca etica per eccellenza”, sempre attiva, grazie al suo brillante Presidente Amedeo Manzo, a sostenere mission sociali, lo Studio Legale Ferrara Dentice De Dominicis, operativo da oltre 30 anni a Napoli e a Milano, in materia di responsabilità medica, diritto assicurativo e diritto di famiglia, puntualmente sensibile al discorso di solidarietà verso le fasce più deboli e disagiate,  T&D Trasporti Cinematografici,  azienda leader nel segmento dei trasporti cinematografici in grado di fornire service per la realizzazione sul campo di un prodotto audiovisivo. Ampio spazio anche al campo medico-scientifico con Otofarma Spa, costruttore per eccellenza impegnato nella realizzazione, made in Italy, di protesi acustiche miniaturizzate digitali che nella persona del suo AD Giovanna Incarnato Bartolomucci illustrerà gli strumenti più innovativi, idonei ad arginare l’handicap della sordità. Di grande interesse, in vista delle prossime white holidays, il discorso Beauty & Health interpretato da Giorgia Bertone d’Aniello, titolare di Claia, rinomato beauty center del Vomero, che presenterà il 4Shape, l’ultimo sensazionale apparecchio non invasivo alternativo al lifting ed alla  liposuzione, oltre ad offrire “Pacchetti natalizi” volti al benessere , al dimagrimento ed all’estetica di base, quale originale alternativa all’usuale  cadeau sotto l’albero. Infine, di scena il Food & Beverage, con Caffè Kamo  che, presso la sua Coffee Station, offrirà una degustazione delle nuove ed inebrianti miscele della linea cialde per un’esperienza sensoriale unica e le “dolcezze natalizie” della pasticceria Colotti. Non mancheranno performance di artisti by “Zebby Animation”, mentre l’attore Angelo Iannelli, omaggerà gli ospiti con un’interpretazione superba di “Pulcinella” la maschera simbolo della nostra cultura partenopea. Dulcis in fundo, dinner buffet di ispirazione mediterranea con la supervisione di Maria Rossi e Marcello Messuri. Attesi centinaia di ospiti, esponenti dello spettacolo e del mondo delle Istituzioni, dell’impresa e delle professioni.

12:36 6/12

di Redazione

Commenta

Oronero sostiene Ospitalia ne "Le nuove forme dell’ospitalità"

NAPOLI. L’associazione culturale Oronero – dalle scritture del fuoco  è al fianco del suo importante partner Ospitalia  un format ideato da Federico Samaden che da tempo si pone come punto di incontro tra scuola, istituzioni e imprese e promotore del convegno ‘Le nuove forme dell’ospitalità in programma oggi e domani 7 dicembre nel teatro di Roncegno Terme (Trento).  Il  Convegno organizzato in collaborazione con l’Istituto di Formazione Professionale Alberghiero provinciale e dalla Apt Valsugana vedrà ad un tavolo confrontarsi esperti del settore, dirigenti scolastici provenienti da ogni regione italiana e autorevoli figure istituzionali. Oronero e Ospitalia condividono i valori, il rispetto per l’ambiente e la volontà di promozione del territorio. ‘’Le strade di Oronero e Ospitalia si incrociano su un tema di grande importanza per l’Italia’’ afferma Carmine Maione (nella foto) presidente dell’associazione Oronero dalle scritture del fuoco. ‘’Promuovere la cultura dell'ospitalità e' la strada da intraprendere se davvero vogliamo puntare ad un turismo di qualità’’.  Si comincia oggi con Etica ed identità dell'ospitalità un incontro a più voci dove associazioni, manager e istituzioni si incontrano per tracciare il futuro dell'ospitalità. Domani si discute di ‘Etica del lavoro ben fatto: fare e imparare’ dove si parlerà di imprese e qualità nel settore del turismo,  di etica dell’ospitalità, servizi di sala e modelli di eccellenza. Oronero dalle scritture del fuoco è un’associazione di promozione culturale e sociale, che partendo dal Vesuvio si pone l’intento di favorire l’incontro con gli altri popoli, coinvolgendo le possibili relazioni, le forme di simbiosi oltre che le buone prassi nel senso della difesa dell’ambiente, dei beni culturali, della biodiversità e dell’enogastronomia. 

08:07 6/12

di Redazione

Commenta

I Tre Tenori al Museo Filangieri, via alla rassegna promossa da Opera e Lirica

NAPOLI. È una festa dell'Immacolata all'insegna della grande musica, quella in programma nel Museo Filangieri di Napoli: sabato 8 il Palazzo dell'arte di via Duomo ospiterà il primo dei quattro concerti della rassegna «I Tre Tenori: arie d’opera, Napoli e canzoni di Natale», promossa dalla società Opera e Lirica srls. A esibirsi, a partire dalle 20,30, saranno Francesco Fortes, Alessandro Fortunato e Stefano Sorrentino (nella foto): protagonisti di una straordinaria stagione che li ha visti trionfare prima a Sorrento e poi a Ischia, gli interpreti eseguiranno non solo brani tratti da opere liriche, ma anche canti natalizi e grandi classici della tradizione musicale partenopea.

Sono quattro gli appuntamenti in programma nella sala Filangieri dell’omonimo museo napoletano, tutti con inizio alle 20,30. Dopo il concerto dell'Immacolata si replicherà il 15 e il 22 dicembre, prima del gran finale fissato per il 29. I concerti si articoleranno in due parti: nella prima, i tre tenori interpreteranno arie d’opera frutto del genio di compositori del calibro di Giuseppe Verde, Pietro Mascagni e Giacomo Puccini, solo per citarne alcuni; nella seconda, invece, ci sarà spazio per brani come “Jingle Bells” e “Adeste Fideles”, ma anche “Torna a Surriento” e “Funiculì Funiculà”. I biglietti possono ancora essere acquistati online sul sito www:opera-licirca.com oppure telefonando al numero 3470500108.

Dopo lo straordinario successo riscosso nel Museo Correale di Sorrento e nel Palazzo Reale di Ischia, Opera e Lirica srls porta i suoi tenori in un altro tempio della cultura campana: «La partnership col Museo Filangieri – sottolineaGiuseppina Cuccaro, fondatrice e ceo della società - ci onora e qualifica ulteriormente la nostra proposta musicale che senz’altro riscuoterà l’apprezzamento dei napoletani e degli ospiti presenti in città». Entusiasta Paolo Jorio, direttore del Filangieri: «Sin dal mio insediamento ho immaginato la struttura non come semplice museo, ma come palazzo policulturale in grado di ospitare eventi di altissimo livello e di vario genere. La rassegna promossa in collaborazione con Opera e Lirica risponde a questa strategia finalizzata a rendere la proposta culturale del Filangieri sempre più dinamica e attrattiva».

07:59 6/12

di Redazione

Commenta

Francesca Rondinella, "Di voce in voce"

NAPOLI. È una Francesca esplosiva che non si arresta davanti a nessun numero immenso di ragazzi, che la circondano inondandola di un’euforia che arriva alle stelle.  Francesca Rondinella ritorna ad occupare un meraviglioso spazio nei teatri napoletani o negli auditorium delle scuole con il concerto lezione: ‘Di voce in voce’. La memoria di Napoli al cuore dei giovani. Un concerto lezione che fa viaggiare nella storia della città attraverso la canzone, la musica, la poesia, le immagini, la fantasia. Il suo è uno straordinario viaggio storico musicale che inizia dal 1550 con ‘Sto core mio’ di Orlando di Lasso per continuare con Michelemma del 1600, Cicerenella del 1700, entrambi di autori ignoti, come Lo Guarracino del 1700. Continua con ‘Te voglio bene assai’ di Raffaele Sacco del 1835. Tocca le vibranti parole di ‘Pianoforte e notte’ anno 1890, ‘E Spingule Frangese’ 1888 e ‘Marechiare’ del 1885 tutte di Salvatore Di Giacomo. Arriviamo nel 1914 con ‘Tammurriata Palazzola’ di Ferdinando Russo e R. Falvo a ‘Tammurriata all’antica’ di Ernesto Murolo e E.A.Mario del 1914. ‘Tamburriata Nuvella’ di Giuseppe Capaldo e R. Falvo del 1917. ‘Tammuriata Americana’ di Libero Bovio e E. Tagliaferri del 1934. ‘Guaglione’ di Raffaele Viviani 1931. ‘Tammuriata Nera’ di E.A.Mario e E. Nicolardi, 1944. ‘Caravan Petrol’, ‘O’Sarracino’ e ‘Tu vuo fa ll’americano’ tutte di Nisa e Carosone 1958. Per chiudere, quasi come una magia con ‘Napule e’’’ di Pino Daniele 1977. Insomma un viaggio storico musicale che sarebbe da consigliare a tutte le scuole del territorio, in cui la fa da padrona la nostra stupenda città Napoli, con il suo dialetto, che colora e rallegra tutto ciò che accarezza, per far esplodere di gioia, melanconia o poesia la musica napoletana, che non teme nessun genere al mondo, ma che a testa alta ancora oggi abbaglia ed incanta anche giovanissimi ragazzi delle scuole. Ad accompagnare Francesca in questo viaggio storico musicale il pianista ed artista Giosi Cincotti.Il fascino indimenticabile di una Napoli che fa scintillare ancora di più attraverso la musica e le parole la storia che ci ha regalato un prezioso arco di vissuto, che ritorna quasi come un monito, per ricordarci che la nostra città può risplendere ancora di più.

15:27 5/12

di Filomena Carrella

Commenta

"Cielo", viaggio nell'universo dominato da donne al Bellini

Donna è trasformazione, contraddizione, nascita e distruzione. Lo spettacolo “Cielo” al Teatro Bellini fino al 5 dicembre, è la rappresentazione di come l’arte della danza possa rappresentare in pieno tutte queste azioni. Donne, tante donne, bellissime che raccontano attraverso i loro corpi un viaggio nell’universo delle energie che si contrappongo. Un universo dominato da donne, donne giovani, donne violente, donne Dio, donne comuni.

Un lungo racconto di vita scandito dal suono dei bassi che battono forte in petto, da un’atmosfera a tratti mistica creata da un bellissimo gioco di luci chiaro e scuro, da interazioni digitali e dai corpi che si muovono quasi in moviola con una forza unica. “Cielo”, metafora divina che ci rende vulnerabili di fronte agli eventi della vita, diventa la forza motrice di queste donne che danzano, si abbracciano, si respingono senza mani fermarsi. “Cielo” è vita e con loro queste donne.  

Con (in ordine di apparizione) Valentina Schisa, Sara Lupoli, Maria Anzivino, Olimpia Graziosi, Marianna Moccia, Ilaria Punzo, Giulia Iurza, Rossella Iavarone, Roberta Zavino, Monica Cristiano, Luisa Clemente, Marcella Martusciello, Claudia Crispino, Ginevra Cecere, coreografia e regia Emma Cianchi.

15:02 5/12

di Roberta Madonna

Commenta

"La serenità": croce e delizia di un visionario

Amore, passione, colore, trasudano emozioni positive i lavori di Francesco Cuomo, il vulcanico artista ebolitano presenterà il prossimo 7 dicembre il suo ultimo progetto artistico dal tema “la serenità”. Continua a sperimentare Cuomo e a ritenere che l'arte “vada vissuta, indossata, raccontata” ed è proprio partendo dai versi di una sua poesia (come accade per gran parte dei suoi lavori) che una nuova idea prende forma espressa dalla pittura ad acquerello. Nei volti di donna impressi su carta un'esplosione di colori, in ogni “ritratto” dettagli che rimandano alla territorialità, Francesco Cuomo riassume così in ventiquattro acquerelli la sua caleidoscopica visione del mondo.

Ad Eboli presso lo show room l'artista presenterà anche quattro tele dipinte in acrilico e un elegante cofanetto contenente dodici acquerelli riprodotti su carta pregiata, accompagnati dalla poesia ispiratrice del lavoro (in edizione limitata). Nell'ambito dell'evento saranno in mostra anche le sue ultime sculture in ceramica, “gli steli della follia” che hanno contribuito a diffondere la sua fama di colorista nel panorama internazionale. Partner ufficiale del progetto la società di comunicazione e marketing “Zonalab” di Davide Balzano che ha collaborato alla realizzazione dell'evento.

La mostra è un'anteprima di quella che sarà la presentazione ufficiale prevista in primavera in occasione della terza edizione del “Sorrento loves Art”, organizzato da Rossella Savarese, curatrice della galleria SyART, presso villa Fiorentino, sede della Fondazione Sorrento. Confermato per l’evento lo spettacolo “Contemporay art in motion“, un mapping in 3D a cura del regista Enrico Agresta, in cui le opere dell'artista si animano e prendono forma. L' appuntamento ad Eboli è per venerdì 7 dicembre alle ore 18 presso lo show room su Corso Garibaldi. Sabato 8 e domenica 9 dicembre sono previsti “open days” per offrire la possibilità di visitare la mostra ad una vasta platea. L’esposizione rimarrà aperta al pubblico fino a lunedì 7 gennaio 2019.

00:05 5/12

di Redazione

Commenta

Markett: Pop Star in vetrina

Markett questa settimana sarà Pop Sstar, grazie alla migliore selezione musicale pop, dance e hip hop di sempre che farà ballare divertite il pubblico del Club Partenopeo Sabato 08 dicembre ore 23:00.

Le vetrine di Markett si riaccendono al Club di Coroglio attraverso una colonna sonora che celebra personaggi così popolari da far ballare generazioni intere.

Una musica che ha fatto sognare per anni il pubblico, star così popolari da essere nelle camere di tanti ragazzi, grazie agli storici “poster”, riviste che raccontavano gli idoli della musica mondiale.

Questo e altro ancora, raccontato dai personaggi nelle vetrine di Markett.

La migliore selezione Pop, Dance e Hip Hop di sempre grazie ai djs: Caiano

Mya, Joseph Romano e alla voce di Christian Key.

Le fasi del Format innovativo della night life partenopea

L'evento prende vita in 4 momenti salienti, fulcro dell’evento che a Napoli ha registrato un numero significativo di pubblico che ogni sabato ha preso parte allo show che celebra miti della cultura pop internazionale.

Le fasi del sano divertimento di Markett sono:

L' Accoglienza, in cui le persone attraversano un percorso costruito da scenografie e performer.

Lo show, il momento clou con cui viene presentato il tema della serata con effetti performer e colpi di scena unici.

Il contest, dove tutti i partecipanti del concorso on line possono essere i protagonisti per una notte nelle nostre vetrine!

The voice Markett, il momento di chiusura dove la musica fa il suo corso in modo super coinvolgente e canterino passando I microfoni alla platea, rendendola protagonista.

19:40 4/12

di Redazione

Commenta

"Industria 4.0", arriva in Campania il prototipo del primo punto impresa digitale

Cos’hanno in comune Bosch, Bmw, General Motors, Cisco, Caterpillar, Google e Velp Scientifica? All'apparenza nulla, ma in realtà sono esempi concreti di una ripresa economica, scaccia-crisi targata Industria 4.0. Con questo nome si identifica un insieme di novità tecnologiche e organizzative che determinano valore aggiunto, riducendo i costi e aumentando i profitti. L'impatto sull’economia delle aziende che hanno già effettuato il passaggio al 4.0 è stato significativo, così come quello sul PIL nazionale: aumentato, ad esempio, in Germania di oltre l’1% annuo, pari a 30 miliardi di euro; qui infatti, più della metà delle oltre 6mila imprese manifatturiere si è convertita all'Industry 4.0, ricavandone giovamento anche in termini di occupazione.
Ed è proprio alla Germania che l'Italia si è ispirata col Piano Nazionale Impresa 4.0, all'interno del quale sono previste strutture di servizio, i Pid (Punti Impresa Digitale), attivati sui territori mediante le Camere di Commercio e dedicati alla diffusione della cultura e della pratica digitale delle MPMI (Micro Piccole e Medie Imprese) di tutti i settori economici. Ma ogni nazione ha la sua identità e spesso per proporzioni, storia e cultura è impossibile calzare gli stessi indumenti. Così Alex Giordano, fondatore di Ninjamarketing e direttore scientifico di Societing 4.0 dell'Università Federico II di Napoli, grazie al supporto di UnionCamere e con le Camere di Commercio di Salerno e Caserta ha promosso il «PIDMed», prototipo di un Punto Impresa Digitale a vocazione mediterranea. Il prototipo si propone di approcciarsi al modello di impresa 4.0 con una visione “mediterranea”, ovvero una visione capace di adattarsi e quindi di valorizzare il tessuto imprenditoriale italiano nel quale si inserisce. Avvicinandosi al contesto delle MPMI, creando un modello innovativo in grado di rispondere in maniera mirata alle diverse esigenze degli imprenditori grazie alle nuove tecnologie e capace di abbracciare la diversità e la bellezza anche delle tante piccole realtà del nostro Paese.
«Non andiamo a promuovere le tecnologie - spiega Giordano - ma a valutare le esigenze degli imprenditori per trovare le giuste soluzioni. Le piccole e medie imprese che hanno fatto grande l'Italia non possono snaturarsi sotto il peso della propaganda tecnologica. Ma è il tempo di addomesticare le tecnologie per rilanciare e fare grandi le nostre imprese nel mondo, producendo impatti positivi sull'economia, l'ambiente e le nostre comunità». Prima di tutto, però, bisogna spiegare agli imprenditori cosa si intende per Industria 4.0 e come sfruttare al massimo le opportunità che derivano dall’applicazione delle sue tecnologie, nelle loro attività grandi o piccole che siano.
Per tale scopo il 10 e l’11 dicembre, alle 10.30, rispettivamente presso l'Hotel Mediterranea di Salerno (via Gen Clark, 54) e presso la Camera di Commercio di Caserta (via Roma, 75) Alex Giordano e Derrick de Kerckhove, una delle menti più brillanti del panorama mondiale dell’innovazione digitale, sociologo e giornalista belga naturalizzato canadese, direttore del McLuhan Program in Culture & Technology dell'Università di Toronto, oltre che direttore scientifico di Media Duemila e TuttiMedia, incontreranno gli imprenditori per offrire loro una consulenza approfondita e costruire insieme un prototipo di Punto Impresa Digitale Mediterraneo.

18:59 4/12

di Redazione

Commenta

Gala pre natalizio con Vittorio Cecchi Gori

Accolti dall’avvocato Luigi Mannucci, Bailli di Roma Urbe, Vittorio Cecchi Gori e Giuseppe Lepore, con la conduttrice Rai Federica Peluffo e Simonetta Ingrosso, hanno partecipato alla cena di gala pre-natalizia della Chaine des Rotisseurs romana che si è svolta come sempre nel segno dell’amicizia e della convivialità quest’anno nella storica sede di Via del Corso del Nuovo Circoli degli Scacchi alla presenza del Bailli Delegue d’Italia Roberto Zanghi e del Consigliere Anna Accalai. A tavola, gustando un curato menù, Giuseppe Lepore con i suoi ospiti hanno colto l’occasione per discutere di cinema e nobiltà con il Prof. Emilio Petrini Mansi ma anche dei progetti in corso, come il docu-film “Cecchi Gori” su e con Vittorio Cecchi Gori per la regia di Simone Isola e Marco Spagnoli, e programmi futuri per il piccolo e grande schermo.

17:13 3/12

di Redazione

Commenta

Biglietti d'oro: "Come un gatto in tangenziale" è il film italiano più visto

Avengers: Infinity WarAssassinio sull'Orient Express e Star Wars: gli ultimi Jedi vincono il Biglietto d'Oro come film più visti in Italia. Come un gatto in tangenziale di Riccardo Milani, A casa tutti bene di Gabriele Muccino eBenedetta follia di Carlo Verdone sono i tre Biglietti d'Oro tra i film italiani. I Biglietti d'Oro vengono assegnati dall'ANECai film che secondo il campione Cinetel hanno venduto più biglietti da dicembre 2017 a novembre 2018. I premi saranno consegnati mercoledì 5 dicembre all'Hilton di Sorrento, sotto la conduzione di Gioia Marzocchi. Ai registi, sceneggiatori e interpreti principali dei primi tre film italiani assegnate le Chiavi d'oro del successo: sul palco attesiRiccardo MilaniPaola CortellesiAntonio Albanese e Sonia Bergamasco per Come un gatto in tangenziale;Gabriele Muccino e Claudia Gerini per A casa tutti beneCarlo VerdoneIlenia PastorelliLucrezia Lante della RovereNicola GuaglianoneMaria Pia CalzonePaola Minaccioni per Benedetta follia. Le prime tre distribuzioni in assoluto sono Warner Bros ItaliaWalt Disney Company Italia e Universal Pictures.

Le targhe ANEC "Claudio Zanchi" ai talenti emergenti vanno a Michela AndreozziMatilda De Angelis e Nicola Nocella; i premi speciali: premio Agiscuola Wonder (01), premio Fun Food Italia all'esercente Andrea Malucelli,premio Kineo Diamanti al Cinema a Daria Cacciapuoti della Multisala Rio di Terracina. Nella stessa serata saranno consegnati i Biglietti d'Oro all'esercizio cinematografico: tra i multiplex con 15 o più schermi vince The Space Cinema Parco De' Medici di Roma, per i multiplex da 8 a 14 schermi Uci Cinemas Porta di Roma di Roma mentre il cinemaVictoria Multiplex di Modena si aggiudica il premio come complesso, con almeno 8 schermi, con la media schermo più alta. Per gli altri complessi, i premi vengono attribuiti alla monosala, alla multisala da 2 a 4 schermi e alla multisala da 5 a 7 schermi, secondo le diverse fasce di popolazione delle località in cui sono ubicati. Per le monosale vengono premiati: Cinema Giuseppe Verdi di Breganze (località fino a 50 mila abitanti), Odeon di Vicenza (da 50 a 200 mila),Alcione di Verona (da 200 a 500 mila), Ariosto SpazioCinema di Milano (oltre 500 mila). Per le multisale da 2 a 4 schermi ricevono il premio: Cristallo di San Bonifacio (fino a 50 mila abitanti), Moderno di Sassari (da 50 a 200 mila),Odeon di Bologna (da 200 a 500 mila), Lux di Torino (oltre 500 mila). A vincere il premio per le strutture da 5 a 7 schermi sono: Metropolis di Bassano del Grappa (fino a 50 mila abitanti), The Space di Grosseto (da 50 a 200 mila),Galleria di Bari (da 200 a 500 mila), Uci Cinemas Palermo di Palermo (oltre 500 mila).

Alle Giornate Professionali di Cinema, organizzate dall'ANEC, in collaborazione con ANEM e ANICA, e con il supporto del MIBAC, del Comune di Sorrento e della Regione Campania, vengono presentati, ad una platea di operatori del settore, i film che usciranno nei prossimi mesi attraverso convention, trailer, anteprime e incontri con gli artisti. Anche quest'anno sono moltissimi gli appuntamenti aperti al pubblico che coinvolgeranno la città di Sorrento fino all'8 dicembre, nell'ambito del progetto "Sorrento Incontra - M'illumino d'inverno" promosso dal Comune di Sorrento.

Il programma completo ed aggiornato è disponibile sul sito www.giornatedicinema.it.

15:05 3/12

di Redazione

Commenta

Pagine


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)