Lunedì 18 Giugno 2018 - 9:47

The Sound of Innovation del NAStartUpDay

La community di NaStartUp, la Palestra e il Teck Cocktail di startup e innovatori, si è riunita per il consueto appuntamento gratuito e mensile. La Rel044 si svolto in una location d’eccezione: l’Auditorium Novecento Napoli, lo storico studio di registrazione musicale che sta rinascendo grazie a un collettivo di giovani creativi e imprenditori, tra i tanti il poliedrico Paolo Nappi autore della connessione con la community con Antonio Prigiobbo.

Madrine Speciali dell’evento e guest d’eccezione, Francesca Santoro e Velia Siciliano, le ricercatrici vincitrici del premio della Mit Technology Review che ogni anno seleziona in Italia 11 ricercatori under 35 per l’originalità e la rilevanza del loro impegno scientifico, tecnologico e imprenditoriale.

Sotto la loro guida sono stati presentati nuovi progetti imprenditoriali. Nell’arena delle startup hanno illustrato le loro idee:

Bike Safe, un sistema di soccorso per andare i ciclomatori

PIO (People Interactive Offers), un’app di Proximity Marketing che rende conveniente lo shopping di prossimità con Pio Cancro

TripChic, una piattaforma di Web CrowdSourced per personalizzare la propria esperienza di viaggio con Gianpaolo Masciari

SoulsFace, nuova piattaforma per le arti performatrive, dalla danza agli sport estremi

Per tutti i partecipanti ci sono stati premi e viaggi offerti dagli sponsor e dai partner della community

Tanti sono stati gli ospiti presenti all’evento, introdotti dagli Advisor di NAStartUp Susanna Sanseverino, Bruno Flora, Marina Pepe e Filippo Sessa.

A introdurre la storia dello spazio, non poteva mancare anche uno special guest della nuova wave musicale partenopea accelerato dalla startup napoletana Volumeet

Simone Spirito, cantautore e musicista ha messo la voce, le note accelerando tutti con alcune sue hit a sorpresa

Per l’occasione nello spazio Spazio UpDate, Massimo Morgante ha raccontato le novità della piattaforma che aiuta gli artisti a promuoversi e a fare fan engagement, con nuovi strumenti e progetti.

Nello Spazio Agenda, sono intervenuti Sergio Luciano, di Panorama, che ha presentato la quattro giorni di eventi napoletana alla caccia di nuovi talenti nel mondo impresa organizzata dal mensile. E Vittorio Ciotola Presidente dei Giovani degli Unioni Industriale ha dato un’antepriam del pm di startup che Confindustria sta preparando per 19 giugno con NAStartUp, le università e altri acceleratori

Nello Spazio 3I (Innovation, Immigration, Integration) Henry Ferran, ha presentato Vulturnus salute, Centro di salute digitale comunitario e ambientale.

Bruno Flora ha raccontato il suo i Colori del Rione, un progetto di riqualificazione urbano di Rione Luzzati, una periferia di Napoli  Est, nello Spazio Crowd.

Infine, lo Spazio Community ha visto tre progetti presentarsi al pubblico dell’evento:

Casba [by 3i], progetto che consiste in passeggiate interculturali per scoprire la città con occhi di stranieri.

Agile, una metodologia innovativa sul raggiungimento degli obiettivi a breve termine

Hopificio Sud, un nuovo sportello di Orientamento di Impresa nato a Monte di Procida

Il cocktail finale del NAStartUpDay e del Festival della Crescita è stato chiuso da uno special cocktail grazie a Capri Moonlight che insieme a altri sponsor e partner sostengono il programma l’accelerazione open e gratuita per tutti: Sintesi Sud e IdeaSolutions, iPins, BeGraphic.it, Lenus Media, Santa Chiara Boutique Hotel, HotelBrand,  AD Napoli, Hiltron Lab, Klever e Alilauro

 

17:49 14/06

di Redazione

Commenta

Estate, la stagione che fa bene alla fertilità

La bella stagione fa bene alla fertilità. Il sole, il consumare frutta e verdura di stagione e lo stare all’aria aperta sono elementi che aiutano la capacità fertile nell’uomo come nella donna. «L’estate coniuga una serie di fattori che aiutano a migliorare la propria capacità riproduttiva», spiega Marina Bellavia, specialista in Medicina della riproduzione del centro per la fertilità ProCrea di Lugano. Il motivo? «In estate è più facile reperire la Vitamina D: un elemento importante che influisce positivamente sulla capacità riproduttiva», s’piega la dottoressa. Diversi studi internazionali hanno analizzato la relazione positiva che c’è tra vitamina D e fertilità, sia nelle donne sia negli uomini. «Nelle donne, per esempio, è stata riscontrata una correlazione tra la carenza di questa vitamina e un ampio spettro di disturbi ginecologici. Inoltre, le donne con livelli sufficienti di vitamina D hanno più probabilità di produrre embrioni di alta qualità e, quindi, più probabilità di rimanere incinta rispetto alle donne carenti di vitamina D», aggiunge la specialista di ProCrea. Negli studi condotti sugli  uomini, «la vitamina D viene correlata positivamente con la qualità del seme», sottolinea. Inoltre «una recente pubblicazione sulle rivista internazionale Human Reproduction ha confermato che questa vitamina aumenta il tasso di successi nelle terapie di procreazione assistita».

Ma dove si trova la vitamina D?

Innanzitutto il sole. «Basta anche un’esposizione di pochi minuti ogni giorno per migliorare lo stato di salute riproduttiva. Attraverso i raggi solari il nostro organismo assorbe infatti la vitamina D capace di contrastare i fattori negativi che influiscono sulla fertilità», aggiunge Bellavia.

L’alimentazione. La vitamina D è facilmente reperibile nei cibi. «Tra gli alimenti più utili alla formazione di vitamina D ci sono alcuni tipi di pesce come l’aringa, il tonno, lo sgombro e le sardine, inoltre l’olio di fegato di merluzzo, il burro, i formaggi e le uova». Ma, raccomanda la specialista, «è bene fare attenzione a cosa si mette in tavola. Una dieta corretta, ricca di prodotti stagionali come frutta e verdura aiuta a conservare un buon livello di fertilità. E in questo l’estate è probabilmente la stagione migliore».

Il tutto andrebbe accompagnato da una buona attività fisica. Conclude Bellavia: «L’eccessiva sedentarietà e il sovrappeso sono fattori che influiscono sulla capacità fertile. D’estate però è più facile stare all’aria aperta e fare qualche camminata in più rispetto all’inverno».

 

www.centrofertilitaprocrea.it

11:35 14/06

di Redazione

Commenta

“Tina Pica 1884-1968”, mostra nello spazio Quartieri Airots

Cinquant’anni fa moriva Tina Pica, grande caratterista, attrice di teatro e di cinema, formidabile “spalla” di Eduardo, Vittorio De Sica, Totò. Venerdì 15 giugno, alle ore 18, nell’ambito della “sezione mostre” del Napoli Teatro Festival Italia, si inaugura un’esposizione a lei dedicata, “Tina Pica 1884-1968”, curata da Giulio Baffi e realizzata dallo scenografo Luigi Ferrigno, allestita nello spazio Quartieri Airots (l’antica Chiesa della Congregazione dei 63 Sacerdoti) in via Carlo De Cesare 30 nei Quartieri Spagnoli di Napoli.

In questa occasione sarà inoltre proiettato in anteprima assoluta il docufilm “Fratello ricordati di Tina Pica” di Lucilla Parlato e Federico Hermann, prodotto da Identità Insorgenti. La mostra organizzata da Vesuvioteatro.org, con il coordinamento di Angioletta Delli Paoli, le ricerche di Velia Basso e la collaborazione all’allestimento di Sara Palmieri e Laura Simonet, resterà aperta e visitabile, ad ingresso gratuito, fino a domenica 8 luglio (ore 17 – 20, lunedì e martedì chiuso).

“Tina Pica – sottolinea Giulio Baffi –  ha lasciato il segno della sua forte personalità nella memoria di generazioni di spettatori e di attori. Le rendiamo omaggio ricordandola con una mostra ed un docufilm. Riapriamo per l’occasione l’antica "Chiesa dei 63 sacerdoti”, da tempo in disuso ma che diverrà a breve uno spazio teatrale e culturale. Nella Smorfia napoletana alla chiesa è attribuito il numero 84 e così ho voluto costruire questo percorso dedicato a Tina Pica attraverso 84 testimonianze, tra fotografie “di famiglia”, immagini dai set cinematografici, ritratti, locandine, articoli, copioni, oggetti appartenuti alla grande, popolare ed amata donna-personaggio. Materiali messi a disposizione dai nipoti Franco e Francesco Pica, da Gioconda Marinelli, dalla Libreria del cinema e del teatro di Napoli e da tanti altri collezionisti cui va il mio ringraziamento”.

Esposti, tra gli oggetti appartenuti alla Pica, il Nastro d’argento ricevuto nel 1955 come migliore attrice non protagonista in “Pane, amore e gelosia” diretta da Luigi Comencini, ma anche oggetti da toeletta, alcuni cappellini (“la sua passione”), il portasigarette ed il suo lungo bocchino di bachelite, fino agli occhiali di “Don Anselmo Tartaglia” del padre Giuseppe Pica, noto attore comico degli inizi del secolo scorso e acclamato interprete della maschera napoletana pasticciona e balbuziente.

Nella serata che inaugura la mostra al Napoli Teatro Festival Italia, sarà proiettato anche il docufilm “Fratello ricordati di Tina Pica” che attraverso alcune testimonianze, tra cui quelle di Mario Franco, Ruggero Cappuccio, dei nipoti attori e dello stesso Giulio Baffi, documenta lo straordinario percorso artistico di Tina Pica, capocomica, inventrice di un linguaggio unico, compagna di lavoro di tanti grandi del nostro Teatro, alla ricerca di tracce ed indizi della sua arte ancora evidenti nel teatro e nel cinema dei nostri giorni. “L’eleganza – dice in proposito Mario Franco – di una donna che a 40 anni ne dimostrava 60 e non tentava di fare il contrario, come accade oggi. L’ambiguità e al tempo stesso il fascino intramontabile di Tina Pica, restano vivi nonostante, in tv o altrove, i suoi film si vedano raramente”.

10:56 14/06

di Redazione

Commenta

“Le Note del Chiostro” nel complesso Monumentale di San Lorenzo Maggiore

Sabato 16 giugno alle ore 21, continua la rassegna musicale “Le Note del Chiostro” all’interno del Complesso Monumentale di San Lorenzo Maggiore: l’Associazione “Amici del ‘700 napoletano” interpreta le arie più conosciute dalle opere liriche italiane.

“Opera italiana" è il titolo del concerto ideato da Marco Traverso, che sarà eseguito dall’ensemble Amici del ‘700 Napoletano, con cantante soprano e mezzosoprano. L'opera di Verdi, Rossini, Bellini, Donizetti, ma anche melodie napoletane, concentrate in una sola serata. 

L’Associazione Musicale Amici del 700 Musicale è stata fondata allo scopo di diffondere l’amore per la musica e per l’arte nella sua molteplice forma, promuove corsi di musica, concerti, attività corale, corsi di artigianato. Particolare cura e rilievo vengono riservati all'attività musicale di qualità.

L’Associazione si avvale, nelle varie attività, di esperti collaboratori, tra cui docenti di conservatorio, insegnanti e concertisti.

Il Presidente dell’Associazione, il M° Marco Traverso violista, ha dato sempre molta importanza alla diffusione della musica e alla conoscenza degli strumenti musicali iniziando dai bambini in tenera età. Ricercatore e studioso di liuteria nel 2004 pubblica “IL SEGRETO’’ per il quale l’A.L.I. (Ass. Liutai Italiani) lo nomina Socio onorario ed esperto per gli strumenti ad arco per L’UNIONE EUROPEA esperti D’Arte, nel Dicembre 2012 gli viene consegnato il Premio A.N.L.A.I. per l’impegno e la professionalità nel settore strumenti ad arco.

10:52 14/06

di Redazione

Commenta

Mediterraneo: fotografie tra terre e mare

NAPOLI. Si inaugura giovedì 14 giugno alle ore 18,30 a Napoli, nella Basilica di San Giovanni Maggiore, in Largo San Giovanni Maggiore, la rassegna annuale "Mediterraneo: fotografie tra terre e mare", organizzata da "Lo Cunto" Associazione di Promozione Sociale che si occupa dal 2012 della complessità del Mediterraneo e “racconta” questo mare attraverso la fotografia mettendo in mostra e facendo interagire le relazioni già esistenti, tra attualità, cultura e società.

L'evento – con la Direzione Artistica di Patrizia Varone - è realizzato in partenariato con la Fibart, Fondazione Ingegneri Beni culturali Arte e Tecnologia, che ha ricevuto dalla Curia di Napoli in comodato d'uso la Basilica.

La Fibart, fondazione senza scopo di lucro presieduta dall’Ingegner Luigi Vinci, persegue finalità di solidarietà sociale, di tutela, recupero, valorizzazione e promozione dei beni di interesse artistico, culturale e paesaggistico e intende rafforzare la crescita culturale, il turismo e l’economia del territorio, anche in accordo con Enti e Associazioni che perseguono le stesse finalità.

L'edizione 2018 prova a delineare elementi che rappresentano l'essere cittadini del terzo millennio nelle relazioni con il territorio e con le persone. Come per le precedenti edizioni, anche quest'anno si riconferma l'interesse verso la fotografia al femminile, l'attenzione verso la giovane fotografia e lo sguardo attento alla contemporaneità. In questo modo, grazie ad una giuria composita, sono stati selezionati otto autori suddivisi tra sezione attualità, sezione donne e sezione giovani. Gli autori sono: Valeria Ferraro, Laura Pezzenati, Eros Mauroner, Mara Scampoli e Mattia Alunni Cardinali, per la sezione attualità; Katty Nucera e Francesca De Caro, per la sezione donne; Julia Carbonaro e Federica Lamagra, per la sezione giovani. Cinque invece gli autori del circuito off scelti dalla direzione artistica della rassegna, i cui lavori saranno esposti nello stesso contesto: Roberta Barzaghi; Iole Capasso, Giulio Cirri; Alessandra De Cristofaro; Lorenzo Pesce. La giuria vede impegnati Vasco Ascolini, Giorgio Bonomi, Paola Di Bello, Cesare Di Liborio, Fabio Donato, Marcel Fortini, Fulvio Merlak, Tami Notsani, Marco Perillo, Nicola Saldutti, Marie-Pierre Subtil.

La rassegna "Mediterraneo: fotografie tra terre e mare" – spiegano gli organizzatori - considera la fotografia come comunicatore, un interlocutore che invita a vedere nuovi punti di vista, altre culture. L'appuntamento annuale, infatti, intercetta differenti generi della fotografia ed è particolarmente interessato al dialogo tra generazioni di fotografi.

A questo proposito da qualche anno la rassegna realizza percorsi laboratoriali a sostegno della giovane fotografia. Saranno dunque in mostra, sempre all'interno della Basilica di San Giovanni Maggiore, gli "Sguardi dal Mediterraneo degli allievi dell'Accademia di Belle Arti di Napoli", percorso realizzato in collaborazione con l'Accademia di Belle Arti di Napoli e con il docente di fotografia Fabio Donato. I lavori fotografici sono di Vincenzo Borrelli, Marta Cannavacciuolo, Francesco Ferone, Giovanni Linguiti, Diletta Allegra Mazza, Serena Napoletano, Carla Petrone.

Nella Basilica di San Giovanni Maggiore - sempre giovedì 14 giugno, ma alle ore 14 - si tiene l'incontro con il fotografo Lorenzo Pesce che anticipa l'inaugurazione dell'esposizione. L'autore, dell'agenzia fotografica Contrasto, presenterà il suo stile "anglosassone" di realizzare le immagini dei suoi lavori. A conclusione dell'incontro, Lorenzo Pesce leggerà i portfolio di quanti si prenoteranno scrivendo a: info@mediterraneofotografia.eu.

L'edizione 2018 della rassegna ha i Patrocini della Commissione Europea, della Regione Campania, dell'Ordine Nazionale dei Giornalisti e il partenariato dell'Accademia di Belle Arti di Napoli, della Biblioteca Nazionale di Napoli e della Fibart.

La mostra fotografica sarà visitabile fino al 21 luglio nei seguenti orari: dal lunedì al venerdì dalle ore 9,30 alle ore 15,30 sabato dalle ore 10,30 alle ore 18,30 - domenica chiuso.

 

19:12 13/06

di Redazione

Commenta

Fondazione Premio Napoli, Mario Capanna ha presentato il volume “Noi tutti”

Quando parliamo del ’68 ci riferiamo alla più grande rivoluzione culturale, avvenuta simultaneamente in più parti del mondo. Scomparvero l’‘io’ e il ‘tu’, a prendere piede fu il pronome ‘noi’ per una crescita corale, di cui si continua a parlare tuttoraMario Capanna, ex leader del Movimento Studentesco, poi parlamentare europeo e deputato, scrittore e giornalista, ha commentato così l’attualità feconda di quello storico messaggio di grande speranza che dà il titolo al suo nuovo saggio “Noi tutti” (Garzanti, 2018).

Durante la presentazione del libro, che si è svolta nel pomeriggio di mercoledì 13 giugno nella sede della Fondazione Premio Napoli, all’interno di Palazzo Reale, Capanna ha aggiunto: “Oggi non vedo alcun cambiamento. Abbiamo un governo conservatore con un consenso di massa. Andare oltre, definendolo ‘fascista’, è sbagliato e controproducente: in qualche modo si fa propaganda a questa realtà governativa. Con il Movimento 5 Stelle si sono sparigliati i giochi, ognuno è costretto a trovare nuove categorie d’interpretazione ed è questo l’unico dato positivo. Poi c’è l’equivoco sul Pd inteso come forza politica di sinistra: secondo me non lo è mai stato e come tutti gli equivoci farà la fine di una candela che si consuma”.

All’incontro con Capanna, introdotto da Domenico Ciruzzi, presidente della Fondazione Premio Napoli, hanno partecipato la dirigente scolastica Armida Filippelli e il saggista Vito Nocera. La presentazione del volume è stata impreziosita dalle musiche e dalle letture della corale del Beggar's Theatre, il Teatro dei Mendicanti diretto dal maestro Mariano Bauduin. “Il saggio di Capanna – ha commentato Domenico Ciruzzi – ripone al centro del dibattito una certezza: il movimento del ’68 ha contribuito a porre le basi per un cambiamento fondamentale rispetto a tutti i residui autoritari del passato. Il merito principale è l’acquisizione da parte delle persone dell’idea che la realtà esistente può essere modificata in meglio”.

18:58 13/06

di Redazione

Commenta

A Villa delle Ginestre un’esclusiva mostra con arredi d’epoca originari

Giovedì 14 giugno alle ore 12 nella Villa delle Ginestre (via Villa delle Ginestre, 21 – Torre del Greco, Napoli), la Fondazione Ente Ville Vesuviane inaugura la XIII edizione delle “Celebrazioni leopardiane” con la mostra “Storia di una casa di campagna, tra oralità e scrittura”. Arredi d’epoca originari, provenienti da collezioni private, saranno ricollocati nelle sale d’appartenenza della dimora per un percorso espositivo che ricostruisce quotidianità e identità storica della villa ai tempi di Giacomo Leopardi, della famiglia Ferrigni e dei successivi proprietari.

Nella stanza del poeta (dove già sono custoditi arredi e suppellettili originali), saranno posizionati un candelabro e una lucerna in ottone presenti ai tempi di Leopardi assieme a biancheria d’epoca in canapa e cotone. In altri ambienti saranno esposti un’alzatina da salotto di fine ‘800, uno scrittoio da viaggio del 1851 e un portagioie in legno appartenuti a Eleonora Ferrigni Carafa D’Andria, più vari oggetti in tartaruga (uno specchio, un fermaglio e un pettine) per rimarcare la centralità all’epoca della figura femminile in casa. In cucina si troveranno piatti e ceramiche napoletane di fine ‘800 (in collaborazione con l’Antica Manifattura Stingo), nella sala del sismografo riproduzioni di cartografie, fotografie e cartoline d’epoca. Lungo il percorso saranno allestiti gli abiti che richiamano il Vesuvio e la sua campagna realizzati dall’Istituto Degni. La mostra è in programma fino al 29 giugno ed è realizzata in collaborazione con il Museo del Corallo dell’Ifs Degni di Torre del Greco e con la Proloco di Torre del Greco (dal martedì alla domenica dalle ore 10 alle 13; biglietto d’ingresso al sito: 3 euro).

Nei giorni seguenti, teatro, musica e cultura animeranno come di consueto le “Celebrazioni leopardiane”, che proporranno il 23, 26 e 30 giugno alle ore 19,30 la rassegna corale a cura dell’Associazione Cori Campani, il 28 giugno alle ore 18,30 la presentazione del volume “Infinito Leopardi” di Agostino Ingenito (ed. Media Leader) a cura dell’Associazione culturale “Leopardi e Napoli” con il patrocinio della Fondazione Ente Ville Vesuviane, e il 29 giugno alle ore 19, giorno del 220esimo genetliaco di Leopardi (1798), lo spettacolo teatrale “Dueottobremilleottocentotrentatre, Leopardi a Napoli - Idee per uno spettacolo” del magistrato Lucio Nardi, interprete con Laura Valente (già voce dei Matia Bazar), Gino Monteleone, Luigi Palombi e Shanna Rossi, coreografie di Sabrina Pedrazzini. La rappresentazione ricostruisce la vita del poeta nella residenza vesuviana attraverso le sue liriche, le memorie dell’amico Antonio Ranieri, alcune canzoni napoletane classiche e brani di Beethoven e Lucio Dalla, partendo dalle suggestioni di Nardi, originario di Portici, delle letture del poeta e delle visite da adolescente negli anni ’70 alla Villa delle Ginestre (allora chiusa) durante le quali fantasticava sulle giornate qui trascorse da Giacomo.

Ingresso per gli spettacoli: 5 euro con visita guidata alla villa - Info 0817322134 - villadelleginestre@villevesuviane.net

18:45 13/06

di Redazione

Commenta

La squadra di calcio dei commercialisti conquista la Coppa Italia

Con il punteggio di 4 a 0 in finale la squadra di calcio dell’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Napoli conquista la Coppa Italia nella Final Four di categoria che si è svolta a Capo d’Orlando in Sicilia.

Dopo aver eliminato in semifinale i cugini di Caserta per 2 a 1 gli azzurri,   guidati da mister Alberto Arbitrio,  ha  sconfitto Massa Carrara con due gol per tempo e si aggiudicano con merito  l’ambito titolo che ancora mancava nel loro palmares.

La squadra ha disputato un ottimo torneo mostrando un gruppo coeso e individualità di spicco, conquistando anche il titolo di capocannoniere e miglior portiere del torneo. I prossimi obiettivi sono la Supercoppa Italiana e la Champions delle Professioni.

Nel corso della competizione la compagine è sempre stata supportata dal Consiglio dell’Ordine, presieduto da Vincenzo Moretta e coordinata dal consigliere delegato allo sportArcangelo Sessa.

Ecco la rosa dei calciatori che si sono aggiudicati il trofeo: Anastasio, Artigiano, Bernardo, Cagnacci, Castaniere, Catapano, Ciraolo, D'Angelo, De Franco, De Giorgio, De Mattia, Diana, Esposito, Festa, Gabriele, Maiello, Marrone, Marsella, Pinnelli, Razzano M., Rey, Ruocco, Sansone, Scalzone, Sessa, Sodano, Torre, Vairano, Vernetti.

 

18:40 13/06

di Redazione

Commenta

Una Napoli diversa nel libro di Bianco

Venerdì 15 giugno 2018, alle ore 18.30, presso la Libreria iocisto in via Cimarosa 20, si terrà la presentazione del romanzo “IO DI PIU’ “(Tullio Pironti Editore) di Romolo Bianco. Interverrà con l’autore Federica Flocco. Letture dell’attrice Aurora Cecchi. Musiche di Romolo Bianco. Modera la giornalista Laura Bufano.

Romolo Bianco, giovane attore, cantante e scrittore in questo romanzo fa emergere il lato nascosto della periferia di Napoli e dei suoi abitanti, che non è il lato oscuro legato alla criminalità, ma è uno spiraglio di luce, fatto di persone perbene che sognano una vita diversa. L’autore racconta la vita della periferia napoletana che può essere paragonata alla periferia di qualunque altra città: “C’è poesia, ci sono storie che meritano di essere raccontate anche se sono ricche di malinconia e di disagio, ma sicuramente non di delinquenza” dice l’autore. Il romanzo è stato pubblicato da Pironti nel 2016 ed a marzo di quest’anno in ristampa per la prima volta.

Il 19 ed il 20 giugno il giovane scrittore sarà protagonista della rassegna Napoli Teatro Festival con “Sotto il Vesuvio niente”, l’ultima opera di Peppe Lanzetta che ha scritto la prefazione del suo romanzo.

17:57 13/06

di Redazione

Commenta

Il “Progetto Spesa” di Giacinto Martone: il buono della Campania con un click

NAPOLI. È grazie al “Progetto Spesa” che dopo quattro anni si realizza il sogno di Giacinto Martone (nella foto), il giovane ingegnere civile con la passione per la terra e i suoi prodotti. Così, offrendo la possibilità di acquistare il meglio delle eccellenze campane senza muoversi da casa e senza e-commerce, il lungimirante professionista offre di fatto, collegandosi al sito www.progettospesa.com, la possibilità di accedere ad una vetrina virtuale contenente 250 prodotti tra freschi e secchi, frutto del lavoro di una ventina di produttori locali campani: dal beneventano all’avellinese, dal casertano al salernitano. Tra i formaggi di pezzata rossa e la famosa caciotta stracchinata ed ancora, le carni marchigiane Igp del Sannio che provengono dalla nota azienda Cillo, “Progetto Spesa”, offre anche il meglio di alcune produzioni direttamente “sul campo” come quella dei pomodori, trasformati in conserve con procedimenti rigorosamente naturali. «L’idea - ha dichiarato l'ingegnere Martone - nasce dalla mia passione per la gastronomia che è scoppiata quando ancora frequentavo l'Università. Il progetto esiste da 4 anni e ha funzionato solo sul passaparola. Ora abbiamo deciso di fare il grande salto sul web. Il mio obiettivo è quello di instaurare con il cliente un rapporto vero, esattamente uguale a quello che la massaia ha con il negoziante sotto casa. Un rapporto umano, che  a proposito dell'acquisto online di latticini, passate, succhi, legumi olio, vino, biscotti, marmellate, mieli, pasta, frutta e verdura di stagione e carni è fatto soprattutto di consigli e critiche».

 

16:58 12/06

di Giuseppe Giorgio

Commenta

Pagine


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
SCATTI DI BIRRA
di Alfonso Del Forno
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica