Martedì 19 Febbraio 2019 - 9:47

"Federico II", inaugurato primo centro di efficienza energetica

“La nostra ambizione, oltre quella culturale, è anche quella di promuovere modelli di comportamento, di gestione razionale delle risorse, soprattutto alle nuove generazioni, di cui in questa regione abbiamo assoluto bisogno”. Con queste parole Piero Salatino, preside della Scuola Politecnica dell'Università Federico II di Napoli (ex Facoltà di Ingegneria) ha esordito durante l'inaugurazione dell'Energy Efficency Center, che si è tenuta lunedì mattina nella sede di piazzale Tecchio, alla presenza, oltre che di Salatino, anche di Maurizio Giugni, direttore del Dipartimento di Ingegneria civile edile e ambientale, e della docente Carmela Gargiulo, promotrice dell'iniziativa.

Il centro, aperto a tutti i cittadini, ospita quattro progetti della Scuola che ruotano intorno al tema della Smart City: Smart Energy Master, Aquasystem, Orchestra e Smart Health 2.0. Al suo interno, sarà possibile consultare i risultati scientifici e tecnologici delle ricerche incentrate sui temi del risparmio energetico, della riduzione dei consumi, dell'informatizzazione dei servizi e dell'efficientamento della rete idrica. Linee guida non soltanto per i comportamenti dei singoli cittadini, ma anche istruzioni rivolte agli amministratori pubblici per ottimizzare le risorse della città. Nell'EE Center sarà possibile anche visionare il materiale multimediale e i prodotti tecnologici realizzati per le singole iniziative. Schermi lcd, proiezioni olografiche, touch screen, ricostruzioni 3D e applicazioni hi-tech animano lo spazio, che resterà aperto per i prossimi 30 giorni, durante i quali saranno organizzati incontri e dibattiti. 

Il Center è uno dei prodotti del progetto Smart Energy Master, di cui è responsabile scientifico la prof.sa Carmela Gargiulo: “L'aspetto importante di oggi – spiega – è che siamo riusciti a integrare quattro progetti che si occupano di aspetti diversi della smart city. Unendo le forze sarà possibile trovare più in fretta soluzioni innovative per le sfide che dovrà affrontare la città del futuro in seguito ai cambiamenti sociali e climatici che stanno avvenendo. Per quanto riguarda SEM, abbiamo messo a punto un software che permettà agli amministratori pubblici di individuare gli sprechi energetici sul tessuto urbano e suggerirà anche le possibili soluzioni”.  

11:00 21/10

di Redazione

Commenta

Le Strisce in concerto al Lanificio 25

"In questo disco non ci sono storie d'amore per ragazzini tristi, non ci sono canzoni sugli spinelli, non ci sono storie su quanto la nostra vita sia stata dura in strada o meno, in questo disco non ci sono giudizi facili, ma solo quel grande caos che questo paese ci sta lasciando dentro e che adesso comincia a fare paura". Così Davide Petrella & co. descrivono l'album Hanno paura di guardarci dentro, il terzo al loro attivo, uscito nel settembre del 2014 per l'etichetta indipendente SuoniVisioni. Un disco, quello de Le Strisce, che mal si presta a facili ed affrettate definizioni: atmosfere sonore, tipiche della musica da 'garage' degli Anni Novanta, subiscono qui il fascino della nuova elettronica svedese, mentre testi semplici quanto provocatori hanno l'ambizione di recuperare un discorso autoriale, aperto oltreoceano da songwriters del calibro di Tom Waits. E, dopo un lungo tour che li ha portati a suonare fino in Canada, sabato 24 ottobre tornano finalmente a Napoli, questa volta al Lanificio 25, per regalare al loro affezionato pubblico una performance di certo sopra le righe: ai pezzi dell'ultimo album si alterneranno canzoni virali, come quelle che agli esordi li fecero conoscere al popolo del web, tra cui le fortunate "Marta" e "Revolver". Prima e dopo l'esibizione, inoltre, non mancherà la selezione musicale, funky e rock'n'roll, del dj d'eccezione CARLOS VALDERRAMA QUINTO.

10:57 21/10

di Redazione

Commenta

"Prima corsa", la personale di Mario Ricci

Corrono sul muro bianco, anzi si rincorrono trattenute entro colorati cartelli, macchinine di alluminio sfuggite di mano al gioco di un bimbo come divenuto adulto all’improvviso; escono dalla scatola che le aveva protette negli anni severi che superano l’adolescenza e cercano lo spazio, questa volta in verticale. Un gioco veloce, animato come il sogno che non riconosce i limiti della realtà, spazia e prende forma traducendosi in immagine eclettica tra un colorato onirico e una remarque futurista. È PRIMA CORSA, l’originale mostra con cui Mario Ricci percorre la strade dei nostri ricordi.

Così appare “Attimo”, racconto di uno scontro mancato, disegnato nella fuga ammorbidita dalla curva colorata del percorso di due macchinine che girano in senso opposto; l’immagine diventa scontro caleidoscopico in “Oltre i passi”, una corsa solitaria verso l’infinito che pare, nell’intersecarsi delle rette nel punto di convergenza, scoppiare in mille colori. In mostra solo poche opere ma tante le immagini che riflettono: divertenti eppure passionarie, simulazioni di giochi ingenui eppure meditati come “Tira e molla di attrazioni divergenti” o l’avvio di una corsa in “Skyline”; diventano poi composizioni raffinate in “Innesti visivi” e “No sense”, fino a cedere, perché no, a rendere omaggio a Napoli e alle curve del suo golfo, divenuto pista per la rossa macchinina di “E…”, e al Vesuvio di “Exploit”, un cono eruttivo di colorate macchinine pronte a riniziare la corsa del nostro vivere quotidiano.

Ma quelli dei giochi di Mario non erano gli anni in cui cantavamo: andavo a cento all’ora per veder la bimba mia?  Guardando le sue macchinine, con un po’ di humor, raro ai nostri seriosi tempi, può darsi che si ceda alla tentazione di canticchiarla. La mostra è curata da Mimma Sardella.

 

DOVE: Studio 49 Arte&Dintorni, via Carlo de Cesare 7 Napoli

QUANDO: 23 - 31 ottobre ; lunedì-sabato ore 10.00-19.00

INFO: 334.7515029 – cartarteaquattroruote@gmail.com

10:50 21/10

di Redazione

Commenta

Il ventennale del "Premio Penisola Sorrentina"

Si collega direttamente all’Esposizione Universale di Milano la ventesima edizione del Premio “Penisola Sorrentina ”, che avrà luogo sabato 24 ottobre (ore 20) al Teatro delle Rose di Piano di Sorrento. Fondato nel 1996 dal poeta Arturo Esposito come concorso di poesia, il Premio in questi venti anni di attività è diventato  un contenitore multitematico di eventi, con sezioni itineranti sul territorio nazionale. Dopo l’anteprima del Premio svoltasi ad Expo, nello spazio istituzionale La Piazzetta di Padiglione Italia, è ora proprio il team manageriale dell’Esposizione Universale ad essere insignito del riconoscimento del Ventennale a pochi giorni dalla chiusura dell’evento dell’anno.  A ritirare il premio, su incarico del Commissario unico Giuseppe Sala,  sarà per EXPO  Fabrizio De Pasquale,  direttore della comunicazione e  responsabile dei contenuti dei Padiglioni che in questi mesi hanno catalizzato l’attenzione di circa venti milioni di visitatori.Turismo, cultura, arte saranno gli ingredienti del format ideato e diretto da Mario Esposito che condurrà lo spettacolo insieme all’attrice Francesca Cavallin.                                                                                  

Partiamo dal giornalismo dove il riconoscimento dell’anno verrà consegnato  dal presidente del comitato scientifico, Magdi Cristiano Allam, a Mario Giordano, direttore del Tg 4, scrittore, già direttore de Il Giornale, opinionista televisivo, editorialista di Libero. Il premio per il teatro va ad Antonello Avallone, direttore del Teatro dell’Angelo di Roma e coprotagonista con Milena Vukotic (che interverrà in collegamento da Parigi) dello spettacolo, scritto da Manlio Santanelli, “Regina Madre”. L’edizione del ventennale guarderà anche con interesse ai giovani talenti dello spettacolo e della tv: Manuela Zero, protagonista del talent Rai “Forte Forte Forte”, condotto da Raffaella Carrà, e nel prossimo dicembre tra le principali interpreti del film “Professor  Cenerentolo” di Leonardo Pieraccioni si aggiudica, infatti, la sezione “giovane attrice”; Francesco Cicchella (partito dalla seguitissima trasmissione Made in Sud, distintosi a Sanremo 2015 ed ora tra i big del programma di Carlo Conti del venerdì sera di Rai 1 “Tale e quale show”), riceverà una menzione speciale; il premio come cantante dell’anno andrà invece alla sarda Bianca Atzei, che dopo l’esordio sanremese si è distinta con una serie di singoli di successo e in questi giorni è protagonista dell’album di Gigi D’Alessio “Malaterra” (contro la Terra dei Fuochi) in cui duetta col noto cantante napoletano in “Torna a Surriento”.Il Premio Arturo Esposito segnala anche le filiere dell’agricoltura e delle attività produttive con un riconoscimento ad uno dei più importanti winemakerinternazionali: Roberto Cipresso  che, eletto nel 2008 uomo dell’anno dalla rivista “Men’s healt”, nel 2010 ha ricevuto dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano l’incarico per la produzione del vino speciale per i 150 anni dell’Unità d’Italia.Tre sono i grandi nomi dello spettacolo che suggelleranno l’edizione del ventennale: Peppe Barra (cui andrà il premio assegnato dal Master di drammaturgia e cinema dell’Università di Napoli “Federico II”); Lando Buzzanca (che quest’anno ha compiuto ottant’anni) cui sarà consegnato il premio alla carriera e Pippo Baudo, che invece trionfa nella sezione dedicata a Dino Verde, la penna del varietà che negli anni Sessanta firmò alcuni successi e brani di avanspettacolo  per quello che sarebbe poi diventato il conduttore televisivo per antonomasia.

10:36 21/10

di Redazione

Commenta

“Sinfonia d'Autunno”, successo per il Charity Gala a Villa Domi

Grande successo per la nuova  edizione di “Sinfonia d'Autunno sulle note della solidarietà”, il Charity Gala ideato e promosso da “Maridì Communication” atto a sostenere una delle nobili iniziative della Fondazione Santobono Pausilipon, in particolare il progetto di sostegno psicologico e di consulting per i familiari dei piccoli ricoverati in reparti di terapia intensiva neonatale. Madrina della manifestazione svoltasi il 15 ottobre sera nella superba cornice di Villa Domi a Napoli,  Valeria Altobelli noto volto dello spettacolo, già Miss Mondo, attualmente conduttrice con Barbara Palombelli di “Forum” il programma televisivo  in onda su Mediaset, ed appena reduce dall'esperienza su set come attrice del film “Tiramisù”, prima opera di Fabio De Luigi in veste di regista, in uscita la primavera prossima. Un evento all'insegna del glamour e del bon ton  che si è rivelato fin dall'inizio una  vera e propria gara di solidarietà tra autorevoli esponenti del mondo della moda , dell'impresa , della cultura , a favore del mondo dell'infanzia sofferente. In apertura, “Fashion show” con in passerella in veste di special guest, Carlo Alberto Terranova, in arte New Land Couture. , “delfino” per oltre 25 anni del maestro Fausto Sarli, “architetto della moda italiana nel mondo”. Atteso il successo conquistato nell'edizione estiva di AltaRomaModa  con una straordinaria performance interpretata sotto le stelle  a Villa Torlonia, Terranova presenta a Napoli, patria del mito “Sarli”, una capsule della sua  raffinata collezione, ispirata alle grandi dive del cinema italiano come Silvana Mangano ed Eleonora Rossi Drago. A seguire, le originali mise di  Ester Gatta con le sue esclusive boutique “Eles” del Vomero e di Chiaia”, destinate ad una donna che insegue le tendenze, senza mai tralasciare un tocco di bon ton, ed il grande ritorno dell'artista orafa romana Gaia Caramazza, che si è riproposta al pubblico partenopeo oltre che con una esclusiva collezione di bijoux realizzati totalmente a mano anche una nuova linea di accessori in pelle e metalli preziosi. Ed ancora, ammiratissimi gli eccentrici, pregiati capi di Umberto Antonelli “maestro pellicciaio” dell'Alta Moda, dai tagli sartoriali e vivaci tonalità, spesso multicolor.  A chiudere il discorso “moda”, “Calabrese dal 1924”, nella persona di Annalisa Calabrese che ha presentato una linea di abbigliamento in cashmere destinata sia all'uomo che alla donna. Grande risonanza anche alla cultura con la promozione del quotidiano “Metropolis Napoli” nuovo progetto editoriale by City Press inseguendo l'assioma  “informazione vuol dire libertà”, brillantemente illustrato nel corso della serata dal suo Direttore, il giornalista Raffaele Schettino  mentre Pegaso Università Telematica ha spaziato tra  nuovi orizzonti  culturali  e strategie all'avanguardia  per acquisire una formazione professionale che vada oltre i confini tradizionali. Degni di menzione , gli altri partner della kermesse, quali  “Banca Stabiese”  “Banca Etica per eccellenza” e  “Matachione Group”, il primo raggruppamento Farmaceutico del Centro Sud Italia, da qualche giorno operativo anche a Milano con un prestigioso  punto vendita,  puntualmente sensibile alle istanze del sociale. Dulcis in fundo,  per la delizia del palato, un chicco di caffè Kamo, nuovo brand di antica tradizione familiare, che ha inebriato  tutti gli ospiti con il suo aroma inconfondibile, “addolcendo” le gentili signore con un grazioso e gustoso cadeau finale. Molto curata la scenografia by Zebby di Diego Chiaiese, dal welcome con una suggestiva  performance nel piazzale antico della villa di  eteree “farfalle bianche” ed i decori  floreali autunnali, opera del flower designer  Biagio Morra     .

Gran finale con un dinner buffet dagli antichi sapori partenopei a cura dello Chef della casa e dell'eccellente staff con la supervisione del direttore Marcello Messuri.  Visti, tra tanti, Giovanni Lombardi ed Elena Scarlato, Ennio Giardino e Marizia Rubino , Raffaele Pascale, Walter Di Maggio, Lucio e Maria Teresa Giordano, Anna Barra, Giulio e Natalia Guglielmi, Lucia Cassini, Francesca Frendo, Maria Cristina Vitiello, Fabio e  Celeste Fuschino,  Paolo Cupo,  Carla Librera, Rita Crudo,Sonia Petruzzo e Gerardo Di Lella, Silvia Del Sorbo,  Massimo e Silvana Mauro, Mario Matano, Fiore De Rosa, Peppe Brandi, Rino e Isabella Diana.

19:52 20/10

di Redazione

Commenta

Susanna Moccia: "Valorizzare le nostre produzioni tipiche e sostenere le giovani imprese"

MILANO. “L’Expo rappresenta un appuntamento imperdibile per le nostre produzioni. È una straordinaria vetrina per il made in Italy e per il made in Campania, espressione della migliore tradizione manifatturiera nazionale che sempre più, oggi, sposa l’innovazione, soprattutto nelle imprese under40”.

Così afferma Susanna Moccia, Presidente del Gruppo Giovani Imprenditori dell’Unione degli Industriali di Napoli,  in visita all’Expo di Milano in occasione della presentazione del volume “La dieta mediterranea nel primo anno di vita” di Raffaella de Franchis e della Conferenza Stampa “La Terra Buona” a cura della Regione Campania.  

“L’agroalimentare – continua la Presidente Moccia - per la Campania rappresenta un comparto strategico con più di 7mila imprese attive. Il settore conserviero e quello della trasformazione degli ortaggi regionale non hanno eguali nel mondo, così come l’offerta di produzioni alimentari di pregio (Dop e Igp), come: il fico bianco del Cilento, il pomodoro San Marzano, il limone della costiera amalfitana, un distretto caseario con punte di diamante come la mozzarella di bufala campana, oltre all’eccellenza degli olii e dei vini in Irpinia e nel Beneventano.  

È possibile parlare di una vera e propria "food valley” per la nostra regione, un’area naturalmente favorita da un clima che ha creato le basi per l’affermazione di un modello alimentare preso a riferimento in tutto il mondo: la “dieta mediterranea”, sinonimo di benessere e salute. Le produzioni delle imprese agroalimentari campane sono altamente competitive. Nel mondo, infatti, c'è voglia di Made in Italy, di Made in Campania e lo confermano i dati sull’export.

Allo stesso tempo, però, l’agroalimentare è uno dei settori più colpiti da fenomeni dannosi quali le agromafie e l’italian sounding. Per questo motivo è necessario valorizzare le nostre produzioni tipiche e sostenere le giovani imprese che operano nel settore. Sarebbe opportuno che queste aziende, spesso di piccola dimensione e a conduzione familiare, riuscissero a fare sistema per ottenere risultati di grande valore sia sul mercato nazionale che su quello internazionale.” 

09:54 20/10

di Redazione

Commenta

“Venezia a Napoli. Il cinema esteso”, fino a domenica la rassegna organizzata in collaborazione con La Biennale

NAPOLI. Due proiezioni in esclusiva italiana, firmate da Frederick Wiseman e Laurie Anderson inaugurano domani - mercoledì 21 ottobre - “Venezia a Napoli. Il cinema esteso” in programma fino a domenica. A cura dell’Unione Agis Campania e di Parallelo 41 Produzioni, la manifestazione, ideata e coordinata da Antonella Di Nocera, è realizzata con La Biennale di Venezia – Mostra Internazionale di Arte Cinematografica, con il sostegno del MiBact, in collaborazione con il Coinor - Università degli Studi Federico II. Proiezioni in esclusiva nazionale, incontri – dibattito con i protagonisti, attività di divulgazione dedicata agli studenti, «un importante appuntamento con il cinema di qualità -  sottolinea Luigi Grispello, presidente dell’Agis Campania». Si inizia con “In Jackson Heights” film documentario di Frederick Wiseman (ore 20, Astra) dedicato ad una delle comunità di New York etnicamente e culturalmente più eterogenee degli Stati Uniti e del mondo, e con “Heart of a dog” di Laurie Anderson (ore 20.30, Filangieri), film-saggio, racconto personale della straordinaria artista statunitense che esplora i temi dell’amore, della morte e del linguaggio. A Laurie Anderson, che saluterà il pubblico con un video messaggio prima del film, è assegnato il “Premio Lina Mangiacapre 2015”, alla sua 13ª edizione, ritirato per lei da Davide De Blasio, in una serata che annuncia, nel parterre, anche Deborah Guido O'Grady responsabile Public Affairs del Consolato Generale Usa a Napoli.

18:06 19/10

di Redazione

Commenta

"Back to the future", NAStartUp ritorna con un evento allo Slash

Napoli. Il 21 ottobre NAStartUp ritorna con il suo evento open e free allo Slash, via Vincenzo Bellini 45, una tra le location più apprezzate dalla community. Il 21 ottobre 2015 è una data speciale per gli appassionati di fantascienza e di cinema...infatti mercoledì prossimo una vecchia DeLorean dotata di flusso canalizzatore apparirà da qualche parte, e ne usciranno Doc e Marty. che in R itorno al futuro II puntarono l’indicatore della loro macchina del tempo proprio sul 21 ottobre 2015. La community di NA Startup farà omaggio all’evento con dei pitch speciali! Da settembre NAStartUp ha lanciato la sfida di costruire dal basso un network europeo in grado di collegare le capitali europee più dinamiche sulla scena dell’innovazione. Dopo Barcellona, l’altro ecosistema esplorato è stato quello di Berlino. Ad ottobre infatti il team di MeetUPro web app che p ermette di inviare richiesta di assistenza ai 5 artigiani più vicini ha vinto un viaggio proprio nella capitale tedesca(Il viaggio e il soggiorno sono stati messi in palio dagli sponsor: Metan Tecno srl , Sintesi Sud , Hiltron e Contra .) I ragazzi di MeetuPro racconteranno alla community la loro esperienza resa possibile anche grazie alla community italiana DigItaly a Berlino. Il network europeo costruito da NAStartUp si amplia sempre di più. Una delle sorprese dell’edizione 16 bis sarà proprio una startup di Malta che sarà presente durante l’evento. L’obiettivo non è infatti solo conoscere gli hub europei più innovativi ma anche far conoscere il modello di sviluppo di NAStartUp a player stranieri. Aspettando NAStartup > Minicorso sull Ecommerce Management Quirino Picone , esperto in ecommerce management, a partire dalle 17.30 spiegherà quali sono le opportunità offerte dall’ ecommerce per le imprese

Le startup Protagoniste

ItaliaToday b logger community in cui gli utenti possono interagire tra loro, scambiarsi messaggi ed organizzare e partecipare a forum di discussione interni.

Sfreedo w eb app che consente di scegliere e/o acquistare prodotti alimentari prossimi alla scadenza, evitando sprechi alimentari.

Mio Garage p iattaforma web per condividere il proprio box auto per periodi di tempo più o meno brevi.

Magigoo n uovo rivoluzionario adesivo per la stampa 3D che facilita l a rimozione della stampa dalla superficie di costruzione senza deformarla eccessivamente.

Spazio Social Innovation Centro Hurtado luogo di formazione per i ragazzi di Scampia presenterà il progetto I ragazzi di Scampia ”, finalista del concorso Nati per proteggere promosso da Axa Assicurazioni Stazione di Posta 108 o pen house dove si può studiare e lavorare condividendo gli spazi e pagando solo il tempo che vi si trascorre Spazio Community Alessandro Manna p resenterà l’iniziativa “Premio Siti reali per la #Dietamediterranea” con in contri e itinerari tra cibo, arte, archeologia, scienza ed eventi nei maggiori siti culturali della Campania

Agenda 

17:30 - 18:00 Mini Corso Gratuito Le opportunità offerte dall Ecommerce

18.00 - 18:15 Presentazione Attività e Scenari

18.15 - 18:45 Pitch Startup Selected

18:45 - 18:55 Spazio Social Innovation

18:55 - 19:00 Spazio Community

19.00 - 20.00 FreeTime Networking

Registrati per accedere all'evento Gratuito e saltare la registrazione all'ingresso! http:// www.nastartup.it/biglietti

NAStartUp è un evento periodico che nasce dall’idea di Antonio Prigiobbo, Innovation Designer e Autore di Format e da A ntonio Savarese, giornalista specializzato in innovazione tecnologica, con la collaborazione di Gianluca Manca CEO di Intertwine e Giovanna DUrso, blogger e cofounder di EVA NA StartUp è realizzato in Autoproduzione grazie anche alla partecipazione di partner che partecipano al progetto: B eGraphic.it, C arlsberg Italia, i Pins, ed al supporto e alla sponsorizzazione di Metan Tecno srl , Sintesi Sud , Hiltron e Contra .

Le foto dell’evento sono realizzate da Studio fotografico Primo Piano ed i video da Uncosofactory.

11:50 19/10

di Redazione

Commenta

"Cinema Letteratura e Diritto", Luca Zingaretti ospite del decennale al Suor Orsola Benincasa

Nei giorni in cui all'Università Suor Orsola Benincasa di Napoli nasce la Scuola di Cinema e Televisione (il 30 Ottobre chiudono le iscrizioni) compie dieci anni la rassegna di “Cinema Letteratura e Diritto”, ideata e promossa dalla Facoltà di Giurisprudenza del Suor Orsola in collaborazione con l’Archivio di Iconologia politica del CRIE, il Centro di Ricerca sulle Istituzioni Europee dell’Ateneo napoletano.

“Una formula didattica nata con l’obiettivo di riflettere sul diritto attraverso le suggestioni del cinema o della letteratura – racconta il Preside della Facoltà di Giurisprudenza del Suor Orsola, Aldo Sandulli - che è divenuta negli anni una rassegna culturale aperta all’intera città ed ha anche allargato gli orizzonti e le visioni ad altre forme di espressione artistica: dal teatro alla musica, dalla pittura al fumetto”.

 

Otto appuntamenti fino al 15 Dicembre: tutti i martedì alle 16

La rassegna del decennale, ideata, come di consueto, con il coordinamento scientifico di Gennaro Carillo, professore ordinario di Storia del pensiero politico all’Università Suor Orsola Benincasa e docente proprio di Diritto e Letteratura alla Facoltà di Giurisprudenza, prenderà il via Martedì 20 Ottobre alle ore 16 nel Complesso di Santa Lucia al Monte, si svolgerà con un appuntamento settimanale pomeridiano (sempre di martedì) fino al 15 Dicembre ed avrà come tema conduttore della sezione cinematografica il dramma della crisi del lavoro.

Un tema che in tempo di crisi globale, si presta ad una pluralità di analisi ad iniziare da quella fortemente drammatica dei fratelli Dardenne con il pluripremiato “Due giorni e una notte”, che è valso anche una nomination all’Oscar 2015 come migliore attrice protagonista a Marion Cotillard.

Poi la crisi del lavoro sarà analizzata (martedì 27 Ottobre) con il tragicomico “Smetto quando voglio” che ha segnato il brillante esordio alla regia del giovane salernitano Sydney Sibilia, dal documentario di Agostino Ferrente eGiovanni Piperno “Le cose belle”, che racconta le vicende tormentate di quattro giovani del Sud, e dalla celebre saga dei giovani laureati militarizzati nei call center raccontata da Paolo Virzì in “Tutta la vita davanti”.

Come in ogni edizione ciascuna proiezione sarà introdotta da un prologo affidato a un giurista o a un critico cinematografico. Tra gli altri ci saranno il consigliere della Corte di Cassazione Gaetano Zecca, i giuslavoristi Luca Calcaterra e Mariateresa Salimbeni, il coordinatore di Arcimovie, Antonella Di Nocera, e il critico Valerio Caprara, docente alla neonata Scuola di Cinema dell’Università Suor Orsola Benincasa.

Come di consueto, alle visioni cinematografiche si alterneranno le voci e i discorsi sui rapporti tra diritto e rappresentazioni artistiche. In quest’ambito, è ormai una consuetudine felice la riflessione sul fumetto. L’edizione 2015 della rassegna vedrà, infatti, un suggestivo discorso a due voci - quella dello scrittore Gabriele Frasca, filologo, poeta, traduttore e presidente della Fondazione Premio Napoli e quella del magistrato Alfredo Guardiano, consigliere della quinta sezione penale della Corte di Cassazione - su un graphic novel per molti versi epocale, anche per la sua incidenza sull’immaginario dei movimenti di protesta politica contemporanei, V per Vendetta di Alan Moore.

 

Dalla Fondazione AdAstra all’Associazione Astrea: la rassegna allarga la rete di collaborazioni

La grande novità della decima edizione è l’ampliamento della rete di collaborazioni scientifiche (da anni il ciclo di incontri ha anche il riconoscimento dei crediti formativi dell’Ordine degli Avvocati di Napoli) alla base dell’organizzazione della rassegna a testimonianza della sua sempre maggiore apertura non solo alla comunità cittadina dei giuristi ma all’intera città. E così quest’anno ci saranno due grandi eventi organizzati in collaborazione con laFondazione AdAstra e con l’Associazione “Astrea. Sentimenti di Giustizia”.

 

Luca Zingaretti e Marco Baliani i grandi ospiti della decima edizione

Martedì 24 Novembre alle 16.30, in collaborazione con la Fondazione AdAstra, la proiezione del film “Perez” con la partecipazione del regista Edoardo de Angelis e dell’attore protagonista, Luca Zingaretti, sarà l’occasione per una riflessione su etica e diritto.

Martedì 15 Dicembre alle 18, in collaborazione con l’Associazione “Astrea. Sentimenti di Giustizia”, sulla base del fortunato esperimento dello scorso anno con Fabrizio Gifuni, ritornerà anche quest’anno l’appuntamento con il diritto messo in scena a teatro. Marco Baliani proporrà, per la prima volta in Italia in forma di reading, uno dei suoi assoli più celebri, “Corpo di Stato”, un monologo sulle ferite ancora aperte degli anni di piombo, dove il corpo del titolo è quello di Aldo Moro che, dopo l’esecuzione della sentenza di morte da parte delle Brigate Rosse, fu sottratto dalla famiglia alla liturgia dei funerali di Stato.

 

Gli obiettivi della rassegna: davanti alla legge, immaginare il diritto

La Facoltà di Giurisprudenza del Suor Orsola Benincasa ha voluto fortemente anche nell’anno accademico 2015-2016 il ritorno della rassegna “Cinema Letteratura e Diritto” con un duplice obiettivo: rafforzare i percorsi formativi integrativi all’interno dei corsi di laurea ed avere un momento di incontro sui temi del diritto e della giustizia per la comunità dei giuristi ed in particolare per i giovani studiosi della città di Napoli. Si tratta di un’iniziativa assolutamente originale nel panorama accademico italiano nata nel 2006 proprio all’Università Suor Orsola Benincasa ed ora riproposta anche in altre università italiane, che ,come spiega, il Preside della Facoltà di Giurisprudenza del Suor Orsola, Aldo Sandulli “persegue il fine di integrare la didattica ordinaria con un ampliamento del bagaglio culturale degli studenti, in grado di  aumentarne la sensibilità e il senso critico nello studio del diritto”.

“L’obiettivo della nostra rassegna - spiega Aldo Sandulli - è quello di fornire agli studenti di Giurisprudenza, ma anche alla comunità dei giuristi e non solo, gli strumenti critici per una riflessione più ampia e complessa sul ‘diritto’ e le sue trasformazioni, contribuendo alla formazione di un giurista ‘colto’, capace di problematizzare gli specialismi collocandoli in una campitura culturale decisamente più vasta”. 

La rassegna ha per titolo “Davanti alla legge. Immaginare il diritto” con un chiaro riferimento alla celebre parabola kafkiana sulla necessità della legge (la porta aperta), sulla sua destinazione, sulla sua forma e interpretazione; parabola nella quale Kafka riprende, riscrivendola, una tradizione secolare che risale a Origene.

La rassegna “Cinema Letteratura e Diritto” - evidenzia Sandulli - è sicuramente uno dei tratti distintivi del nostro modo di “fare università” alla Facoltà di Giurisprudenza del Suor Orsola, dove si propone, ormai da anniuna didattica fortemente innovativa, attenta alla tradizione degli studi giuridici teorici, ma anche fortemente votata alla preparazione alle “pratiche” del diritto, attraverso lo studio dei casi giurisprudenziali, le simulazioni processuali, i tirocini presso le magistrature e le lezioni affidate non solo ai giuristi accademici ma anche ai diversi esponenti delle professioni forensi”.

 

Programma completo: www.unisob.na.it/eventi

11:18 19/10

di Redazione

Commenta

Oltre 5mila presenze alla mostra antologica del Maestro Gambedotti

Si è conclusa ieri, alla presenza del sindaco Luigi De Magistris, la mostra “Nel segno del Maestro” antologica diNicola Gambedotti, curata da Daniela Wollmann, allieva dell’artista, patrocinata dall’Assessorato alla Cultura delComune di Napoli, che per 2 settimane, presso la Sala delle terrazze del Castel dell’Ovo a Napoli, ha ospitato complessivamente più di 5.000 visitatori. Tantissimi turisti e non, francesi, russi, inglesi, indiani, giapponesi ed americani, hanno ammirato le opere dell'artista urbinate ma napoletano d'adozione, scomparso 4 anni fa. Nel corso del finissage è stato presentato anche il catalogo antologico. Il successo dell'antologica ha spinto gli eredi dell'artista ad annunciare fin da adesso le prossime tappe a Roma e Milano immaginando un percorso itinerante, per valorizzare ulteriormente l'opera e offrire al maggior numero di visitatori italiani la possibilità di ammirare un artista esposto in tutto il mondo.

La mostra ha tracciato il percorso artistico sia da artista che da insegnante. Nato ad Urbino nel settembre del 1931, ha compiuto il ciclo di studi nella stessa città presso l'Istituto Statale d'Arte per la "Decorazione e Illustrazione del Libro", conseguendo l'abilitazione all'insegnamento delle tecniche dell'incisione. Ha insegnato a Napoli come titolare della cattedra di progettazione (arte della stampa) presso l'Istituto Statale d'Arte F. Palizzi.  La sua attività artistica ha inizio nel 1952. Da allora è stato frequentemente presente alle più importanti rassegne di pittura e di grafica sia in Italia che all'estero. Ha esposto negli anni, tra le varie, al Metropolitan Museo of Art di New York, alla Galleria Forni diRotterdam e alla Galleria Sacsia di Vienna con diverse mostra personali.

Numerose personalità dell'arte e della cultura si sono interessate al linguaggio pittorico di questo artista arricchendo il suo curriculum di preziosi cenni storici. Soggetti privilegiati della sua vena artistica sono stati degli scenari medievali di vaga ambientazione nordeuropea, arricchiti di impercettibili elementi di contaminazione moderni. Quello è stato il mondo fantastico, satirico, del sacro e del profano, dell’artista Gambedotti sempre all'agognata ricerca della violazione dei confini spazio-temporali.

 

11:12 19/10

di Redazione

Commenta

Pagine


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno