Giovedì 20 Settembre 2018 - 8:35

24 concerti in 24 ore: Napoli città della musica

24 concerti in 24 ore in altrettanti luoghi della città per riaffermare una delle vocazioni di Napoli: Città di Musica per gli artisti e i suoi abitanti. Ma anche per dimostrare come Napoli sia una città sicura in tutte le ore del giorno. L’Idea è di due artisti napoletani, Piermacchiè Felice Romano.

Una sorta di percorso metropolitano dove faranno vivere la musica classica napoletana facendo 24 concerti in 24 ore (concerti da 24 minuti cadauno con 24 canzoni classiche napoletane opportunamente miscelate) introdotti da Pulcinella (Ospite speciale) interpretato dall’attore Angelo Jannelli.

Il trio si sposterà in 24 posti diversi e simbolici di Napoli: monumenti, panorami, edifici storici ed anche posti particolari per "scattare 24 fotografie" della vita di Napoli che vive di creatività 24 ore su 24 portando in giro la loro "arte", la Musica. 

La scelta della musica napoletana non è casuale e non tanto perché sono musicisti ma anche per ribadire che Napoli è una città musicale, dove la musica suona dagli elementi naturali (mare, vento) a quelli vocali (pescatori, mercati, clacson) fino a quelli dei veri musicisti. 

Un po' anche per ribadire che ci sono sempre meno spazi per poter suonare dal vivo. In 24 ore quindi faranno 24 concerti e presenteranno una “mente”, la prossima mente di Napoli ad ogni concerto.

24 personaggi napoletani che faranno da testimonial al posto ed al concerto di ogni singola ora. 

Dicono che i napoletani amino la loro città, siano tutti musicisti e soprattutto creativi. Questa 24 ore cerca di dimostrare tutto questo. 

L’evento, che ha avuto il patrocinio morale dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli, durerà l’intera giornata diDomenica 23 Settembre ad iniziare dalle 00.00 in Via Chiaia dopo il Ponte e si concluderà alle 23.30 in via Chiaia/Metropolitana.

23:14 19/09

di Redazione

Commenta

Ischia, a Sant’Angelo grande jazz con i Musica Nuda

Il grande jazz torna a fare capolino sull’isola d’Ischia nella lunga estate di Serrara Fontana, che accoglie iMusica Nuda per una serata di grande spessore musicale, in programma giovedì 20 settembre al molo turistico di Sant’Angelo (spettacolo gratuito). Ed è proprio qui, nel borgo che si sta lasciando alle spalle un’estate maiuscola (impreziosita dai concerti di Peppe Servillo, Enzo Gragnaniello e Teresa De Sio), che si esibiranno Petra Magoni (voce) e Ferruccio Spinetti (contrabbasso), un duo dalle consistenti quotiazioni internazionali, già premiato con la “Targa Tenco 2006” nella categoria interpreti, con il riconoscimento per “Miglior Tour” al Mei di Faenza 2006 e con “Les quatre clés de Télérama” in Francia nel 2007.
I Musica Nuda si sono esibiti tra l’altro all’Olympia di Parigi, all’Hermitage di San Pietroburgo e sono stati ospiti del Tanz Wuppertal Festival di Pina Bausch. Oltre 1000 concerti e otto dischi, tra cui “Musica Nuda”, un disco di sole cover che ha avuto un incredibile successo con oltre 50.000 copie vendute. Lo scorso maggio il duo ha pubblicato “Verso Sud,” disco live registrato durante il concerto del 2016 al Teatro Comunale di Vicenza: i 18 brani che rappresentano un ideale viaggio nel sud dell'Italia e del mondo e che ispireranno il concerto di Sant’Angelo d’Ischia, inserito nel cartellone del progetto “Dal Monte Epomeo al borgo marinaro di Sant’Angelo. Un viaggio tra arte, musica, cultura e tradizioni”, organizzato dal Comune di Serrara Fontana con i proventi della tassa di soggiorno e con un contributo della Regione Campania, con la direzione artistica è di Giuseppe Iacono Divina. L’evento è inserito anche nel cartellone di “Andar per cantine”, insieme al concerto del Gianni Mobylia Trio, in programma sabato 22 settembre nella piazzetta di Fontana (ore 20.30).
Gli eventi del cartellone si chiudono il 28 settembre con il concerto di Romolo Bianco e il 29 con l’irrinunciabile appuntamento con la Nuova Compagnia di Canto Popolare, a supporto della Festa di San Michele Arcangelo. «Siamo decisamente orgogliosi per il successo del percorso di musica, spettacoli ed enogastronomia che sta accompagnando da qualche mese il nostro pubblico, sempre più eterogeneo, alla scoperta delle meraviglie del territorio di Serrara Fontana», ha spiegato l’assessore al Turismo, Emilio Giuseppe Di Meglio.

 

18:40 18/09

di Redazione

Commenta

“Nuvola”, apre una nuova pizzeria in piazza Medaglie d’Oro

NAPOLI. Nel giorno dedicato a San Gennaro, protettore di Napoli, la città si arricchisce di un altra location dedicata al suo simbolo gastronomico per eccellenza: la Pizza! Domani, mercoledì 19 settembre, alle ore 19, a piazza Medaglie d’Oro, 13/14, inaugura “Nuvola”, pizzeria e sfizieria di alta qualità. Titolari nel nuovo accogliente locale nella celebre piazza vomerese, con sala interna e veranda per un totale di 120 posti a sedere, sono Pio Barone Lumaga e Carmine Sgambati, nomi altisonanti in campo imprenditoriale a Napoli già dalla fine del 1800. Nuvola prende il nome dai ricchi fagottini “tutta bontà”, le Nuvole appunto, che costituiranno uno dei principali punti di forza della proposta degustativa del nuovo esercizio che nasce sotto i migliori auspici negli stessi ambienti dove Barone e Sgambati hanno gestito fino ad agosto scorso, con successo, una conosciuta paninoteca. Pio Barone Lumaga già titolare del Pub Old Baron a Varcaturo, è maggiormente conosciuto per l’impero dell’abbigliamento “taglie più” di classe, che porta il suo nome,  punto di riferimento delle più eleganti e belle partenopee curvy, ora gestito dal cugino Alfredo. Carmine Sgambati è discendente di un altro importante impero partenopeo “Sgambati”, top nella Gastronomia e Pasticceria - un pezzo di Storia della Città - dove si è formato, distinguendosi per impegno nel settore. “La Pizzeria è sempre stato il nostro obiettivo, un vero e proprio sogno nel cassetto che contavamo di realizzare al momento giusto - affermano i due titolari - Ora se n’è presentata l’occasione e soprattutto sono maturi i tempi e siamo imprenditorialmente maturi noi, e forti della dovuta  esperienza per intraprendere questa strada nella quale crediamo: quella di un’offerta di alta qualità che punta, oltre che sulla farcitura con ingredienti di prima scelta, innanzitutto su di un impasto leggero e curato, che rispetta i dovuti tempi per garantire la massima digeribilità e regala sensazioni positive di leggerezza e scioglievolezza, un autentico piacere per il palato. Siamo rimasti conquistati dal fare e dal sapere di Salvatore Sabino e abbiamo voluto lui a capo del settore pizzeria del nostro Nuvola”. Salvatore Sabino, pizzaiolo per professione e per passione, viene dalla scuola di Guglielmo Vuolo, si è completato insieme a Giuseppe Sivo ed è un sostenitore della “pizza a canotto” ovvero col cornicione protagonista, alto e soffice, ottenuto con una “tecnica che evidenzia in maniera particolare la capacità fondamentale del pizzaiolo nell’impasto” - sottolinea Salvatore che aggiunge: “in questo caso parliamo di un impasto ad alta idratazione, 36 ore di maturazione, con utilizzo di farina bianca tipo O, che conserva integre le parti nobili del chicco, è a ridotto impatto glicemico grazie al suo contenuto di fibre: fattori fondamentali per scomporre adeguatamente amidi e proteine. Risultato: una Signora Pizza: gustosa, fragrante, leggera. Super digeribilità garantita 100%!”. In questa entusiasmante avventura, è coadiuvato dall’aiuto pizzaiolo Pasquale Moschetti. Responsabile della sala, Luigi Orlandi, meglio noto come Gino, beniamino dei clienti napoletani che a lui si affidano da 16 anni per essere consigliati: più che una garanzia, una certezza. Oltre all’offerta Pizza, la Brigata propone Rosticceria, Friggitoria e Sfizi vari, Genuinità territoriali, Mozzarella di Bufala in primis, per un’offerta stuzzicante e appetitosa che va a completare il piatto forte costituito dal famoso “disco” simbolo di Napoli nel Mondo che qui si trasforma in deliziose  versioni della “Nuvola”, appunto i leggeri e gustosi pagnottielli mignon, calibro 2/3 morsi, ripieni di tante bontà genuine. Squisiti gli ingredienti di farcitura adottati nelle varie proposte servite, come nelle pizze e negli altri invitanti manicaretti al forno e fritti, in carta, incominciando dal pomodoro nelle sue più riuscite declinazioni: Piennolo rosso e giallo, San Marzano, Corbarino, ecc, poi Tartufo nero, salsiccia di Maialino Nero casertano, Provolone del Monaco, Provola e Fiordilatte di Agerola, Olive nere itrane, Patata Viola, Pistacchio di Bronte. Per condire, olio EVO, DOP, BIO, di vari cultivar, tradizionale. In accompagnamento, birre artigianali e vini campani, selezionati.

te.lu.

17:31 18/09

di Redazione

Commenta

Ecco “Rebirth”, il nuovo album dei Suck my Blues

“Rebirth”, il nuovo album dei Suck my Blues, sarà disponibile in digital download su tutte le piattaforme più importanti dal prossimo 28 settembre. Per soddisfare la cospicua richiesta da parte del pubblico, il gruppo pubblicherà il secondo lavoro discografico, già disponibile in formato fisico, anche in digitale. L'album, prodotto da Cafiero e Michele D’Elia, è caratterizzato da un sound “potente”, dall’immediato impatto emozionale, con le radici attecchite nel blues e nel rock per poi giungere a sonorità elettro.
“Rebirth” è un inno alla speranza, un invito a vivere pienamente la vita. La struttura musicale, impreziosita dalla timbrica calda e persuasiva del cantante, conduce l’ascoltatore, dalla prima all’ultima nota, in una dimensione suggestiva.
Un percorso sonoro imponente, carico di personalità e sfumature, dal groove profondo, contraddistinto da una grande verve compositiva e da melodie morbide che si uniscono magistralmente a riff robusti e vibranti.
Il disco, destinato ad un pubblico internazionale, certifica, oltre all'indiscutibile talento della band, quanto sia attuale ed attraente la dimensione sonora del blues. Il blues è bellezza, narrazione e poesia, ed i Suck my Blues rendono accattivante l'equilibrio tra tradizione ed innovazione.
Cafiero (all'anagrafe Salvatore Cafiero), cantante e chitarrista della band, ha dichiarato: “Rebirth significa rinascita e rappresenta un nuovo inizio, personale e musicale. L’album, realizzato con la notevole forza generata da un grande dolore, nasce dopo l'improvvisa morte di Jessy Maturo, il cantante dei Super Reverb. Quel tragico giorno la storia del gruppo da me fondato, e con il quale ho condiviso gran parte del mio percorso artistico, è finita. Per tale motivo, in questa nuova avventura ho voluto al mio fianco i componenti dei Super Reverb, Tonio Longo (basso) e Filippo Longo (batteria), con l'ingresso di Michele D'Elia (elettro synth). Nel disco è chiaro il ricordo di Jessy, infatti non mancano momenti a lui dedicati. I testi, completamente in lingua inglese, parlano di vita, proprio come il blues, ma in chiave poetica/onirica. Quattro dei brani contenuti nell'album vantano, nella stesura, la collaborazione dell’autore Gianni Montanaro”.
Tracklist “Rebirth”: 1. John The Revelator (Intro); 2. Hysteric And Useless; 3. Madness; 4. Last Night A DJ Saved My Life; 5. Jessy King; 6. Interstellar; 7. Burning; 8. Solitary Man; 9. Suck & Don't Stop; 10. Monday Blues.

Alla pubblicazione dell’album in digitale seguirà la seconda parte del “Rebirth Live Tour 2018”, uno show avvincente che durante i vari appuntamenti estivi ha registrato un elevato numero di partecipanti. I Suck my Blues incantano la platea con l'energia della loro musica, con performance virtuosistiche ed uno stile che genera empatia.

13:33 18/09

di Redazione

Commenta

La pizza tradizionale sfida quella a canotto al Trofeo Pulcinella

Partito il conto alla rovescia per il Trofeo Pulcinella, l’attesissima competizione, organizzata dall’Associazione Mani d’Oro, presieduta dal Maestro Pizzaiolo Attilio Albachiara, che, tra il 24 e 25 settembre, per il quarto anno consecutivo, presso laMostra d’Oltremare di Napoli, vedrà cento pizzaioli, provenienti da diverse parti del mondo, contendersi lo scettro del migliore poprio in quella che è considerata la Capitale mondiale della Pizza. Due le categorie previste nell’ambito del Trofeo: Pizza Napoletana o “Tradizionale” e Pizza Contemporanea o “A canotto”.

I vincitori del Trofeo Pulcinella saranno decretati da tre tipologie di giuria:

  • Giuria Tecnico/Pratica: presieduta da Antonio Starita per la categoria Pizza Napoletana o “Tradizionale” e da Francesco Martucci per la categoria Pizza Contemporanea o “A canotto”. Questa giuria avrà il compito di giudicare la qualità e le caratteristiche organolettiche del prodotto finale.
  • Giuria Teorica: presieduta dal giornalista enogastronomico Luigi Cremona e dalla tecnologa alimentare Simona Lauri. Questa giuria esaminerà i questionari, importante novità di questa edizione,  che saranno consegnati ai concorrenti, che dovranno rispondere anche sulle tecniche di impasto, di lievitazione, maturazione e cottura. La prova teorica è stata fortemente voluta dal Presidente dell’Associazione Mani d’Oro Attilio Albachiara, affinchè il giudizio finale possa essere completo a 360° sulle effettive capacità e competenze dei concorrenti.
  • Giuria Popolare, a partire dalla serata del 24 settembre, ovvero al termine delle gare, mediante il sito www.manidoro.pizza
     
      al voto delle giurie esperte si aggiungerà quello effetuato mediante il canale web.

 

Il Trofeo Pulcinella ha acquisito nel corso delle varie edizioni una grande rilevanza anche oltre il territorio regionale, infatti, insieme alla presenza di concorrenti provenienti dall’estero, vi sono importanti aziende di settore che godono di grande prestigio su tutto il territorio nazionale e che sostengono l’evento con grande convinzione, tra esse ricordiamo:  Agugiario&Figna Molini presente con le farine “Le 5 Stagioni”, Marana Forni, La Fiammante Conserve, Beneduce Maestri Caseari, Gi.metal e CheBirra.

Il Trofeo Pulcinella – spiega l'organizzatore Attilio Albachiara – si configura sempre più come vetrina di prestigio per pizzaioli emergenti e non solo. La folta e qualificata presenza di concorrenti stranieri è il segnale che il nostro evento è molto conosciuto e apprezzato anche all’estero. L’introduzione della prova teorica, che rappresenta un elemento di grande novità in competizioni del genere,  è stata molto apprezzata dai tutti gli iscritti, infatti è stata interpratata in modo unanime come un segnale di grande trasparenza e correttezza in relazione alla valutazione finale”.

13:30 18/09

di Redazione

Commenta

Agenzia Nazionale Giovani, Domenico De Maio è il nuovo Direttore Generale

Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Sottosegretario di Stato con delega alle pari opportunità, giovani e servizio civile, Vincenzo Spadafora, ha deliberato la nomina di Domenico De Maio a Direttore Generale dell’Agenzia Nazionale per i Giovani.

“Ho conosciuto Domenico De Maio anni fa come un giovanissimo musicista che utilizzava l’arte come strumento di recupero dei ragazzi con meno possibilità e per coinvolgerli in attività sociali. È stato un precursore in Italia nell’organizzare flash mob per la tutela dei diritti. Ed è un avvocato e dottore di ricerca che ha ricoperto incarichi di responsabilità presso Pubbliche Amministrazioni. È la persona giusta per coniugare una solida capacità tecnico-amministrativa e l’esperienza ed entusiasmo per coinvolgere il maggior numero di giovani nel suo lavoro. L’Agenzia Nazionale per i Giovani rappresenta un partner fondamentale del Governo per l’attuazione delle politiche giovanili in Italia e deve diventare sempre di più un punto di riferimento per tutti i giovani italiani e generatore di opportunità” dichiara il Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Vincenzo Spadafora.

 “È un grande onore (e onere) per me, iniziare questa nuova esperienza. Ringrazio il Presidente Giuseppe Conte e in particolare il Sottosegretario di Stato Vincenzo Spadafora per aver creduto in me. Sento forte la responsabilità del ruolo che porterò avanti con dedizione e sana creatività. Convincere i giovani italiani (attraverso azioni concrete), che vale la pena investire nelle opportunità che offrono il proprio Paese e l’Europa, è l’obiettivo che perseguirò più di ogni altro” dichiara il Direttore Generale dell’Agenzia Nazionale per i Giovani Domenico De Maio.  

Domenico De Maio, avvocato e musicista napoletano, 32 anni. Ha iniziato fin da giovanissimo a svolgere attività di animazione socio-culturale attraverso la musica, coinvolgendo centinaia di adolescenti dei quartieri ad alto rischio di devianza minorile di Napoli. Ha da sempre utilizzato la musica come strumento di coinvolgimento dei più giovani coniugando al percorso cantautorale produzione e animazione sociale. Insieme al padre ha condotto per diversi anni un programma di recupero dei minori a rischio nell’Istituto Penale per minorenni di Nisida.  Attento osservatore del mondo giovanile e delle nuove tecnologie è stato tra i primi organizzatori in Italia dei flash mob, fin dal 2009. Prima per promuovere la sua musica e poi per finalità sociali. Nel 2011 ha coordinato il movimento dei giovani volontari dell’Unicef per l’organizzazione del primo flash mob nazionale, dedicato alla crisi in Nord Africa. I suoi flash mob sono citati in diverse tesi di laura. È stato Cultore della Materia presso l’Università Cattolica di Milano e tenuto lezioni presso Iulm di Milano, Università La Sapienza di Roma, Università Federico II di Napoli.

Nel 2012 ha pubblicato il libro “Amplifichiamoci l’individualismo 3.0” (Ed. Unicopli) scritto a 4 mani con il Prof. Massimo Bartoccioli, utilizzato come libro di testo in Iulm e Cattolica, dedicato alla rete. È tra i primi volumi in Italia a parlare del passaggio dal 2.0 al 3.0, “internet delle cose”, di co-creazione attraverso la rete e valore del contributo dei singoli.  Parallelamente ad un’intensa attività artistica e sociale iniziata molto presto, ha conseguito la Laurea in Giurisprudenza all’Università degli Studi di Napoli Federico II, Corso di perfezionamento in diritto e gestione della proprietà intellettuale e dell’innovazione presso l’Università Luiss Guido Carli di Roma ed un Dottorato di Ricerca in Management presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II, Dipartimento di Economia Management e Istituzioni. È Avvocato dal 2014. Ha ricoperto incarichi presso l’Autorità Garante per la protezione dei dati personali e l’Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza. Roma Capitale Assessorato alla Persona Scuola e Comunità Solidale di Roma Capitale, dove ha ricoperto il ruolo di vice capo staff curando i rapporti con i Dipartimenti amministrativi, occupandosi tra le varie della scrittura di protocolli di intesa tra istituzioni (Tribunale Ordinario di Roma, Ministero Istruzione Università e Ricerca, Ufficio Scolastico Regionale, Coni, Prefettura di Roma, Ministero della Giustizia - Dipartimento Amministrazione Penitenziaria), sviluppato percorsi di partecipazione dei cittadini per incidere sulle decisioni pubbliche e gestito le relazioni e comunicazioni istituzionali con soggetti rappresentativi della collettività.  

Nell’ultimo anno ha lavorato con il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri con delega alle Pari Opportunità, Giovani e Servizio Civile Universale Vincenzo Spadafora, prima presso la Camera dei Deputati Ufficio di Presenza e poi presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri come Vice Capo Segreteria Tecnica

12:50 18/09

di Redazione

Commenta

Al via la decima stagione di NAStartUp

Martedì 18 settembre alle 18:00 presso La Controra Hostel ripartono gli eventi gratuiti sviluppati dall’acceleratore civico di NAStartUp guidato da Antonio Prigiobbo e da tutta la community d’innovatori, che ormai conta oltre 6000 talenti che partecipano da tutta Italia.

Diverse le Novità e i Talenti che parteciperanno. La prima news è segnata da un nuovo gruppo di Advisor che durante l’estate si sono allenati per accelerare tutti. Provengono da tutta Italia e contribuiranno a far crescere i muscoli delle startup, dei angel investor, dei venture Capital e di tutto l’ecosisteme in generale

La Formula collaudata della Palestra delle Startup e il Tech cocktail permetterà di tutti

 

Le startup:

 SNG - SOCIAL NETWORK GEOGRAFICO con Giuseppe Fusco

Primo social network basato su riconoscimento facciale e posizionamento geografico

 

REAL TECHNOLOGIES con Sergio Lapenna

Startup che attraverso la tecnologia Realogy permette di creare e gestire una vasta gamma di cose connesse a Internet.

 

BAGNBAGGAGES con Luigi Spada

La prima startup che si prende cura del trasporto del bagaglio di viaggio al posto tuo.

 

OCORE con Mariga Perlongo 

Ocore è una startup innovativa che utilizza la tecnologia dell'Additive Manufacturing per realizzare grandi oggetti ad alte prestazioni. Oggi stiamo lavorando alla costruzione della prima imbarcazione al mondo totalmente stampata in 3D che parteciperà ad una ragata transoceanica, la MINITRANSAT percorrendo più di 4000miglia in Atlantico. OCORE, Big Size for Geat ideas.

Preparatevi a ballare con la Social Innovation di NAStartUp. perché la sezione 3i project (Innovation, Imigration e integration) curata da da Pablo Ramirez, presenterà SRI RIDMA 

Ia prima scuola di danza interculturale per condividere il ballo di tutte le culture con Thusha Wickramasinghe

 

Le altre novità catturate sul fronte Social Innovation sono: 

Il Primo Contest di Fabricator italiano sviluppato da Kromolabòro di Caserta con Michele e Andrea Turco

Scilla SpinUpAward 28-29 Settembre presso il Castello di Scilla con Angelo Marra

Napoli Geniale Evento 21 Settembre presso la Fondazione Banco di Napoli con Bruno Flora e Stefano Maria Capocelli

Corso Economisti Esperti in Startup - Organizzato dall’Ordine dei Commercialisti presentato da Pierluigi di Micco

Million Business Radio - La prima radio interattiva dedicata agli imprenditori con Adelina Mihaylova

StartBoost Academy Workshop e corsi di formazione dal metodo innovativo con Emilio La Penna al secondo start

In palio un Weekend per gli Innovatori a Scilla con lo SpinUpAward - Momento d’Accelerazione Nazionale https://www.spinupaward.com/

NAStartUpDay è possibile, grazie alla partecipazione di sponsor che ne supportano lo sviluppo: Sintesi Sud e IdeaSolutions e alle imprese partner che ne facilitano tutte le attività: iPins, BeGraphic.it, Lenus Media, Santa Chiara Boutique Hotel, HotelBrandSartoria DA Napoli, HiltronLab, Lab46, Alilauro, Capri Moonlight e Klevers

NAStartUp è guidata dal fonder Antonio Prigiobbo, Innovation Designer/Autore, dalla Navicator Susanna Sanseverino con gli Advisor Filippo Sessa, Ginevra del Vecchio, Mario De Luca, Chiara Giovanna, Bartoli Vincenzo Esposito Langella e Gennaro Apuzzo

11:38 18/09

di Redazione

Commenta

Miss Italia, Fiorenza D'Antonio è seconda. Vince Carlotta Maggiorana

MILANO. Miss Italia 2018 è Carlotta Maggiorana (nella foto). È sposata, ha 26 anni e viene da Montegiorgio, nelle Marche. Al secondo posto si classifica Fiorenza D’Antonio, 21 enne napoletana, e al terzo Chiara Bordi, 18 anni di Tarquinia.

02:21 18/09

di Redazione

Commenta

“Vincenzo”, al Summarte la proiezione del mediometraggio tratto da fatti realmente accaduti

Un ragazzo sospeso tra il male di una vita vuota, senza prospettive e il bene di un riscatto che arriva dalla cultura e dall'arte. È la storia di “Vincenzo”, mediometraggio tratto da fatti realmente accaduti, scritto da Antonio d'Avino in arte Marco J.M, che sarà presentato giovedì, 20 settembre, alle ore 19.30 al teatro Summarte (via Roma, 15 - Somma Vesuviana, NA).

Nella pellicola, realizzata senza fini di lucro e interamente autofinanziata da "Juna e Marco Arte" e prodotta da “OXEIA – L'isola dell'arte”, è forte il tema del recupero giovanile e della violenza sulle donne. Il mediometraggio “Vincenzo” rappresenta l'esordio alla scrittura e alla regia dell'attore Antonio d'Avino, che, con lo pseudonimo di Marco J.M., ha preso parte in qualità di interprete a diversi film, cortometraggi e produzioni teatrali.

Il film è ambientato in un piccolo centro, nel ventre profondo e oscuro dell'hinterland partenopeo. Vincenzo è un ragazzo coinvolto in frequentazioni sbagliate, con alle spalle un ambiente familiare difficile. Si trova, così, a diventare “protagonista” di un fatto di cronaca che rischia di segnare definitivamente la sua già precaria esistenza. Importantissimi nello sviluppo del racconto saranno sia l'intervento di un operatore sociale che l'incontro con l'arte e la letteratura. Queste, infatti, le chiavi che offriranno una nuova chance di salvezza al giovane.

Dalla realizzazione di questo film è nato anche un sito (http://www.vincenzothemovie.com/), con backstage e curiosità sul cast e la produzione.

<<La storia è dedicata, soprattutto, a chi opera nel sociale e crede ancora che l'essere umano ha fondamenta sane, 'umane' appunto>>, ha spiegato l'autore, << ma è dedicata anche, con intenti diversi, agli scettici e a quanti ritengono la devianza qualcosa di innato, quasi genetico in taluni sfortunati, dove l'unica risposta è la punizione e la rimozione dal tessuto sociale perché nessun recupero è possibile. Mi piace pensare di poter contribuire, in qualche misura, a modificare questo punto di vista. È dovere di ogni essere umano offrire una chance a chi non ne ha mai avuta una>>.

L'evento di giovedì 20 settembre partirà con un “beverage” di benvenuto, la proiezione della durata di 45 minuti avrà luogo a partire dalle 20, al termine della quale ci sarà un dibattito sul tema del recupero giovanile e la violenza sulle donne. Al tavolo dei relatori oltre al regista, autore e anche interprete Marco e l'aiuto regia Juna, discorreranno dell'argomento: la Presidente di Telefono Rosa di Napoli, la dott.ssa Laura Russo; l'attore e regista Gianni Sallustro, dell'Accademia Vesuviana del Teatro e del Cinema; la Presidente dell'associazione culturale CriminAlt, la dott.ssa Mariarosaria Alfieri.

L'ingresso è gratuito e solo su invito, fino a esaurimento posti.

17:37 17/09

di Redazione

Commenta

Reti idriche: nuovi orizzonti nella qualità del servizio

L’acqua è fonte di vita. Questo bene prezioso è al centro del dibattitto politico del Paese soprattutto con riguardo alle reti idriche, obsolete e precarie, per le quali l’Italia è stata spesso multata dall’Unione Europea. Occorre un nuovo approccio alla progettazione e alla gestione delle reti e il convegno partenopeo rappresenta un’occasione di incontro non solo per chi fa le regole ma anche per ascoltare chi opera da anni in modo virtuoso nel campo.

ARERA (Autorità di Regolazione Energia Reti ed Ambiente) ha adottato, a partire dal 2018, una importante delibera (RQIT Del. 917/2017/R/idr) sulla qualità tecnica del servizio, fissando i requisiti minimi e introducendo una serie di incentivi per la riduzione delle perdite nelle reti idriche. Tutto ciò non è però sufficiente: prevenire e monitorare le condizioni delle condotte idriche attraverso una protezione catodica e una precisa scelta dei materiali e dei rivestimenti diviene indispensabile per tenere a bada i fenomeni di corrosione delle reti.

APCE (Associazione per la Protezione dalle Corrosioni Elettrolitiche) da 37 anni promuove a livello nazionale la cultura della prevenzione in tutti gli ambiti in cui ci sono infrastrutture metalliche da proteggere: gasdotti, acquedotti, piattaforme marine, porti, armature del calcestruzzo. Attraverso la formazione certificata, la partecipazione ai tavoli normativi, la divulgazione tecnica e i dibattiti come questo, si vogliono sensibilizzare tutti gli operatori che proteggere le infrastrutture dalla corrosione, salvaguardandone l’integrità e la sicurezza, oltre che un dovere morale è anche conveniente”. Vincenzo Mauro Cannizzo – Presidente APCE

ESA nasce a Napoli nel 1996 e per oltre 20 anni si è specializzata nella difesa dalla corrosione di reti in acciaio interrate per gas o acqua, sia reti cittadine che grandi adduttori. ESA si è distinta in questi anni per la preparazione e la professionalità dei propri dipendenti accrescendo il proprio valore negli anni anche grazie alla collaborazione di imprenditori svizzeri che da qualche anno ne rappresentano i soci di riferimento. L’ingresso di competenze elvetiche nella compagine sociale ha consentito ad ESA di allargare i propri orizzonti sviluppando anche soluzioni rivolte all’aumento di efficienza e della sicurezza dei servizi industriali con l’ausilio di elettronica ed informatica”. Gino Esposito – Fondatore di ESA Srl

La partecipazione al convegno è gratuita. Iscrizioni al sito www.esanapoli.com dove troverete un link nelle news.

Il programma della giornata si articola in due sessioni:

Al mattino ore 9,30, dopo i saluti istituzionali con Alberto Carotenuto, Rettore dell’Università degli studi di Napoli Parthenope, Mauro Cannizzo, Presidente APCE e Vito Grassi, Presidente Unione Industriali di Napoli alle ore 10 ci sarà il dibattito su “La qualità del servizio delle reti idriche” con ARERA, Utilitalia e Paolo D’Andria di Acqua Campania. Alle 11,30 il Key Note speech con Marco Cattalini di APCE; Marco Ormellese del Politecnico di Milano; Ivano Magnifico di Automa. Alle 12,30 è la volta del Case History con Francesco Fanciulli del Consorzio Bonifica Sicilia Orientale; Alessandro Lanfranchi, AD Padania Acqua e rappresentative Alliance Lombardia.

Nel pomeriggio, dalle ore 14, interventi di: Francesco Bellucci dell’Università degli Studi di Napoli Federico II; Donato Carlea Provv OOPP Calabria e Sicilia; Ciro Caso Dir. Tecnico ESA; Marcello Nicodemo del Consorzio di Bonifica Velia. Alle 15,30 Tavola rotonda sul tema “Preservare la risorsa attraverso investimenti efficaci ed efficienti” con Alfredo Pennarola di ABC Napoli; Francesca Portincasa di Acquedotto Pugliese; Roberto Bonomo di AMAP Palermo; Gianluca Maria Salvia di Acqua Campania; Alessia delle Site di Acea ATO 2; Vera Corbelli Segretario Generale Appennino Meridionale ; Gino Esposito ESA. Chiusura dei lavori affidata a Mauro Cannizzo, Presidente APCE.

17:32 17/09

di Redazione

Commenta

Pagine


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

BIRRE IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno