Lunedì 17 Dicembre 2018 - 11:53

“Vincenzo”, al Summarte la proiezione del mediometraggio tratto da fatti realmente accaduti

Un ragazzo sospeso tra il male di una vita vuota, senza prospettive e il bene di un riscatto che arriva dalla cultura e dall'arte. È la storia di “Vincenzo”, mediometraggio tratto da fatti realmente accaduti, scritto da Antonio d'Avino in arte Marco J.M, che sarà presentato giovedì, 20 settembre, alle ore 19.30 al teatro Summarte (via Roma, 15 - Somma Vesuviana, NA).

Nella pellicola, realizzata senza fini di lucro e interamente autofinanziata da "Juna e Marco Arte" e prodotta da “OXEIA – L'isola dell'arte”, è forte il tema del recupero giovanile e della violenza sulle donne. Il mediometraggio “Vincenzo” rappresenta l'esordio alla scrittura e alla regia dell'attore Antonio d'Avino, che, con lo pseudonimo di Marco J.M., ha preso parte in qualità di interprete a diversi film, cortometraggi e produzioni teatrali.

Il film è ambientato in un piccolo centro, nel ventre profondo e oscuro dell'hinterland partenopeo. Vincenzo è un ragazzo coinvolto in frequentazioni sbagliate, con alle spalle un ambiente familiare difficile. Si trova, così, a diventare “protagonista” di un fatto di cronaca che rischia di segnare definitivamente la sua già precaria esistenza. Importantissimi nello sviluppo del racconto saranno sia l'intervento di un operatore sociale che l'incontro con l'arte e la letteratura. Queste, infatti, le chiavi che offriranno una nuova chance di salvezza al giovane.

Dalla realizzazione di questo film è nato anche un sito (http://www.vincenzothemovie.com/), con backstage e curiosità sul cast e la produzione.

<<La storia è dedicata, soprattutto, a chi opera nel sociale e crede ancora che l'essere umano ha fondamenta sane, 'umane' appunto>>, ha spiegato l'autore, << ma è dedicata anche, con intenti diversi, agli scettici e a quanti ritengono la devianza qualcosa di innato, quasi genetico in taluni sfortunati, dove l'unica risposta è la punizione e la rimozione dal tessuto sociale perché nessun recupero è possibile. Mi piace pensare di poter contribuire, in qualche misura, a modificare questo punto di vista. È dovere di ogni essere umano offrire una chance a chi non ne ha mai avuta una>>.

L'evento di giovedì 20 settembre partirà con un “beverage” di benvenuto, la proiezione della durata di 45 minuti avrà luogo a partire dalle 20, al termine della quale ci sarà un dibattito sul tema del recupero giovanile e la violenza sulle donne. Al tavolo dei relatori oltre al regista, autore e anche interprete Marco e l'aiuto regia Juna, discorreranno dell'argomento: la Presidente di Telefono Rosa di Napoli, la dott.ssa Laura Russo; l'attore e regista Gianni Sallustro, dell'Accademia Vesuviana del Teatro e del Cinema; la Presidente dell'associazione culturale CriminAlt, la dott.ssa Mariarosaria Alfieri.

L'ingresso è gratuito e solo su invito, fino a esaurimento posti.

17:37 17/09

di Redazione

Commenta


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)