Venerdì 20 Aprile 2018 - 4:55

La rassegna “Sound of the City” si conclude con Ciccio Merolla

NAPOLI. Chiude in bellezza la rassegna “Sound of the City”, organizzata dalla “Jesce Sole” con il teatro Sannazaro, che ha portato la musica made in Naples nello storico teatro nel salotto di Napoli. L'ultimo appuntamento sarà con il talento di Ciccio Merolla (nella foto Ragucci), re del Groove che, giovedì 26 aprile, con le sue percussioni, le sue rime, il suo carisma, regalerà al pubblico uno spettacolo indimenticabile. Percussionista, cantante, autore, musicista carismatico dallo stile inconfondibile, uno dei più accreditati nel panorama musicale,Ciccio Merolla, ad un anno dal grande successo del suo one man show “Sonosolosuono”, ritorna nel teatro storico situato nel salotto di Napoli, questa volta con la sua band in formazione completa e tanti ospiti per ripercorrere insieme al pubblico le tappe salienti della sua carriera ventennale. Dalle atmosfere Medio Orientali, culla dei suoni del Mediterraneo, ai ritmi di Partenope, città natia del musicista, passando per la contemporaneità dell’etno rap, Ciccio Merolla offrirà uno spettacolo unico in cui i virtuosismi degli assoli di percussioni si alterneranno ai suoi brani di successo, passando per gli omaggi ai pilastri della canzone napoletana come Carosone, fino a proporre alcuni nuovi brani che faranno parte del prossimo progetto discografico, attualmente in lavorazione. Ci saranno inoltre intermezzi di body percussion in cui Ciccio Merolla darà prova di virtuosismo ed ironia. Un concerto inedito dunque, pensato ad hoc per una location teatrale come quella del Sannazaro: «Quando noi siamo accordati con l’universo, possiamo far uscire il suono giusto. Il teatro è il massimo della sonorità, supera ogni impianto acustico possibile, è un bozzolo che esalta la percezione», afferma Merolla, anticipando le sensazioni che solo un luogo magico come il teatro sono in grado di restituire all’ascoltatore che diventa un tutt’uno con i musicisti che si esibiscono sul palco, così vicini al pubblico da abbattere anche le ultime barriere fisiche, regalando una sintonia straordinaria. Insieme a Ciccio Merolla saliranno sul palco del teatro Sannazaro Giuseppe Spinelli (chitarre); Antonio Esposito (batteria), Paolo Sessa (piano e keyboards);Gianfranco Campagnoli (tromba), Dario Spinelli (basso), Andrea Oluwong Esposito( dubmaster); special guest: Brunella Selo, Speaker Cenzou, PeppOh.

20:10 19/04

di Redazione

Commenta

Tour internazionale per il best seller del personal trainer Daniele Esposito

Un successo straordinario quello del best seller "5 segreti per dimagrire e restare magri" la guida con migliaia di copie venute, ideata dal Personal Trainer Daniele Esposito, specializzato in dimagrimento veloce e fondatore de “Il Metodo” impegnato il mese scorso in un tour internazionale per presentare e consegnare il suo libro tradotto anche in lingua inglese, ai massimi esponenti ed influencer del fitness mondiale.

Un percorso iniziato in California, patria del sogno americano, con prima tappa a Los Angeles dove Daniele Esposito, ha consegnato di persona il libro a Arnold Schwarzenegger, uno dei suoi idoli, che purtroppo non ha potuto riceverlo di persona per una recente operazione al cuore, ma le sue guardie del corpo hanno ringraziato e ritirato il libro a nome suo, per poi recarsi a Santa Monica e San Francisco, per ultimare le riprese cinematografiche della sua nuova miniserie web sul fitness americano.

Tappa finale del tour, con ritorno in Europa, precisamente a Kölna (Colonia) in Germania, presso la FIBO, la più grande kermesse dedicata al fitness, al benessere e all’alimentazione sana. Una manifestazione che racchiude sotto lo stesso tetto le maggiori aziende dell’universo wellness e raduna 150.000 visitatori tra allenatori, sportivi, cultori del fisico, fisioterapisti, scuole e associazioni di categoria, dove Daniele Esposito è stato accompagnato e intervistato dal giornalista e anchorman Massimo Lucidi.

Durante la fiera ha incontrato notevoli personaggi di rilievo del mondo del fitness, a cui ha consegnato il suo libro, tra cui la pt Michelle Lewin con 13 milioni di followers su instagram, il personal trainer Simeon Panda, il pt e influencer Ulisses, con 5 milioni di followers su Instagram, il super pt canadese Tavi Castro e il pt e modello belga Erko Jun.

 

Con la guida "5 segreti per dimagrire e restare magri", l’autore allarga ancora di più la visuale sulla scienza dell'alimentazione, una delle discipline più controverse e maggiormente soggette all'evoluzione delle conoscenze, cercando di coniugare teoria e pratica, nella consapevolezza che l'una non può esistere senza l'altra. L’alimentazione, se associata all'attività fisica, ci consente di "plasmare" il nostro corpo, indirizzandolo verso la tonificazione, il dimagrimento, la massima efficienza e la salute.

 

In Italia sono davvero pochi quelli che forniscono una cultura del fitness, e per questa ragione spesso viene fornito un messaggio sbagliato sul suo utilizzo, ovvero quello di una serie di esercizi, magari coadiuvati dall’impiego di determinati attrezzi, per mettersi in forma generalmente solo per affrontare la prova costume con maggiore serenità, o perdere i chilogrammi in eccesso in maniera veloce, per poi riprenderne di più.

 

Bisogna comprendere che il fitness deve rientrare in un vero e proprio “stile di vita” – ha dichiarato Daniele Esposito - non solo perché garantisce il miglioramento della salute, ma anche e soprattutto perché porta anche ad un benessere psicologico. Da anni mi batto per far sì che le persone che si rivolgono a me e alla mia filosofia, raggiungano non solo traguardi di benessere fisico, perdendo peso, ma anche importanti risultati in ambito lavorativo, sociale e familiare. Nel libro si parla di semplici consigli alimentari, ma soprattutto di “movimento”, lo preferisco alla parola allenamento. Ed é proprio questa la mission di “5 Segreti per dimagrire e restare magri”- ha aggiunto Esposito- ovvero, aiutare  le persone a trovare il proprio stile e la propria dimensione nell’ambito del mondo del fitness, sia per quanto riguarda il tipo di disciplina sportiva più adatta (alle esigenze personali, eventuali patologie preesistenti, età e stato fisico) sia per trovare e acquisire un personalizzato regime alimentare salutare.

Un libro dal linguaggio semplice e scorrevole, si conferma un manuale adatto a tutti, da chi si approccia all'argomento per la prima volta e necessita di informazioni chiare ed esaustive, allo sportivo amatoriale attento alle ultime novità in materia, al professionista in cerca di nuovi stimoli o che vuole confrontarsi con nuove e vecchie tendenze di questo affascinante mondo “Healthy” in continua evoluzione. Il libro è acquistabile su www.trasformailtuocorpo.it e su www.danieleesposito.it

 

19:50 19/04

di Redazione

Commenta

Steven Spielberg esordisce nell'universo DC: sua la regia di "Blackhawk"

Sulla scia della loro collaborazione di successo con "Ready Player One", Steven Spielberg e la Amblin Entertainment tornano nuovamente a lavorare con la Warner Bros. Pictures per produrre l'avventura d'azione "Blackhawk", sotto l’occhio vigile alla regia di Spielberg. Basato sui classici dell’universo DC, il progetto segna la prima esperienza cinematografica del regista incentrata sui personaggi DC. L'annuncio è stato dato da Toby Emmerich, Presidente della Warner Bros. Pictures Group.

Nel fare l'annuncio, Emmerich ha dichiarato: "Siamo molto orgogliosi di essere lo studio dietro l'ultimo successo di Steven Spielberg, e siamo entusiasti di lavorare ancora con lui in questa nuova avventura d'azione. Non vediamo l'ora di conoscere quali novità presenterà al pubblico di tutto il mondo con Blackhawk".

La sceneggiatura di "Blackhawk" è stata scritta da David Koepp, che ha collaborato con Spielberg come autore dei film di successo "Jurassic Park", "Il mondo perduto: Jurassic Park", "La guerra dei mondi" e "Indiana Jones e il regno del teschio di cristallo". Spielberg produrrà il film insieme a Kristie Macosko Krieger, per conto della Amblin Entertainment, mentre Sue Kroll sarà la produttrice esecutiva, con la sua Kroll & Co. Entertainment.

Spielberg ha osservato: "È stato meraviglioso lavorare con i membri del team della Warner Bros. per portare Ready Player One sullo schermo. Apportano un mix di passione e professionalità in tutto ciò che fanno, e vantano di una straordinaria storia in questo genere. Sono entusiasta di riunirmi a loro in Blackhawk".

I prossimi due film di Spielberg sono il quinto capitolo del franchise di Indiana Jones e "West Side Story".

"Blackhawk" sarà distribuito in tutto il mondo dalla Warner Bros. Pictures, una società della Warner Bros. Entertainment.

18:55 19/04

di Alessandro Savoia

Commenta

Comicon festeggia 20 anni ospitando Frank Miller: ecco il programma completo

COMICON compie vent’anni e festeggia dal 28 aprile all’1 maggio alla Mostra d’Oltremare di Napoli. Dopo il successo dello scorso anno che ha registrato 130.000 visitatori e un impatto economico sulla città di oltre 15 milioni di euro, COMICON s’ingrandisce con la prestigiosa Arena Flegrea e conquista nuovi spazi del polo fieristico.  

I festeggiamente per la ventesima edizione iniziano con un ospite d’eccezione: Frank Miller, creatore di Sin City, 300 e Batman - Il ritorno del cavaliere oscuro.

Magister e autore del manifesto 2018, Lorenzo Mattotti. Tra gli ospiti della sezione fumetto, Brian Azzarello, Vittorio Giardino, José Muñoz. Alle celebrazioni partecipano anche star del cinema e delle serie tv come Lucy Lawless, Frank Matano, Dark Polo Gang, Andrea Delogu e Ema Stokholma. Queste ultime due presenteranno la cerimonia dei Premi Micheluzzi, che vedrà impegnata in giuria anche l’attrice Matilda De Angelis. Tante le mostre che faranno da cornice al Salone, tra cui: Lorenzo Mattotti. Seguendo le tracce e Un maestro degli albori: Winsor McCay.


GLI OSPITI

Numerosi gli ospiti presenti al COMICON, tra cui:

Lorenzo Mattotti, eccellenza del Fumetto e dell’Illustrazione, è il Magister dell’edizione 2018 del COMICON, autore del manifesto ufficiale del festival e protagonista della mostra Seguendo le Tracce, inaugurata il 6 aprile al Museo Pignatelli di Napoli e aperta fino al 27 maggio.

Frank Miller, leggenda vivente del fumetto mondiale, ha creato capolavori come Sin City e 300, ha scritto storie come Batmanː Anno uno, Il ritorno del Cavaliere Oscuro e Batman: Il cavaliere oscuro colpisce ancora. Miller incontrerà il pubblico del COMICON domenica 29 e lunedì 30 aprile.

Brian Azzarello, uno dei più grandi sceneggiatori statunitensi, ha realizzato storie di successo come Batman/Deathblow: Fuoco incrociato, Lex Luthor: Man of Steel e Joker HardCover. Ha scritto anche Batman Europa e collaborato a Dark Knight III: The Master Race, terzo capitolo della saga del Cavaliere Oscuro di Frank Miller, da lui co-sceneggiato.

José Muñoz è un maestro del bianco e nero di tradizione ispano-americana, nel solco di autori del calibro di Alberto Breccia e Hugo Pratt.

Vittorio Giardino, quarant’anni anni circa di carriera, tradotto in tutto il mondo, è un maestro della “linea chiara” di tradizione franco belga. Al Comicon presenterà l’ultimo attesissimo volume delle avventure di Jonas Fink.

Mike Allred, fumettista statunitense conosciuto per il suo personaggio Madman e per aver firmato serie come X-Force, X-Statix, FF e Silver Surfer contribuendo a capisaldi del fumetto mondiale come Sandman e Fables.

Lucy Lawless, attrice acclamata per le sue interpretazioni in serie tv come Xena e Spartacus e ora co-protagonista della serie Ash vs Evil Dead di cui presenterà in anteprima al COMICON il finale della terza stagione (lunedì 30 aprile).

Frank Matano e Matteo Martinez presenteranno il loro nuovo film Tonno Spiaggiato venerdì 28 aprile
 

La Dark Polo Gang presenterà la docu-serie dedicata alla band lunedì 30 aprile

LE MOSTRE

Numerose mostre arricchiscono il programma di COMICON, in particolare:
Lorenzo Mattotti - Seguendo le tracce, Museo Pignatelli, fino al 27 maggio: esposizione che comprende oltre 200 opere del maestro del fumetto e dell’illustrazione

1998 - 2018: 20 anni di fumetto italiano  - Com’è cambiato il fumetto italiano negli ultimi vent’anni: un’analisi di questi due decenni da un punto di vista editoriale, artistico e sociale attraverso tavole originali, oggetti e ricordi.

PALESTINA:  Joe Sacco - Come nel 1998, COMICON realizza una mostra dedicata a Joe Sacco, arricchita con foto e appunti ancora oggi inediti in Italia, perché Palestina è un “classico” moderno. In collaborazione con Oscar Ink Mondadori.

UN MAESTRO DEGLI ALBORI: Winsor McCay - Uno tra i maggiori artefici del fumetto: Winsor McCay, fumettista e illustratore statunitense di inizio del ‘900, creatore di alcuni dei fumetti più affascinanti e emozionanti di sempre come Little Nemo in Slumberland e Dreams of the Rarebit Fiend.

 

LE ANTEPRIME (cinema e serie della sezione CartooNa)


L’isola dei cani di Wes Anderson - in anteprima domenica 29 aprile, ore 15:30, in lingua originale con sottotitoli in italiano.

La truffa dei Logan di Steven Soderbergh - proiezione in anteprima domenica 29 aprile, alle ore 11:00.

Mary e il fiore della Strega, il primo film dello Studio Ponoc diretto da Hiromasa Yonebayashi (Arrietty - Il mondo segreto sotto il pavimento, Quando c'era Marnie), in anteprima martedì 1 maggio, alle ore 14:15, presso l’Auditorium della Mostra d’Oltremare

Atlanta 2 - première italiana dei primi due episodi della seconda stagione della serie tv comedy creata da Donald Glover (FX), domenica 29 aprile, Auditorium (Teatro Mediterraneo), ore 14:00.

Il cast di SKAM Italia incontrerà il pubblico domenica 29 aprile, alle ore 16:00. Saranno presenti gli attori Ludovica Martino, Benedetta Gargari, Beatrice Bruschi, Martina Lelio, Greta Ragusa, Federico Cesari, Ludovico Tersigni e il regista Ludovico Bessegato.

15:31 19/04

di Redazione

Commenta

Fiera agricola, esperti a confronto su brucellosi e tubercolosi

CASERTA. “Parliamoci chiaro, brucellosi e tubercolosi in Campania: soluzioni e prospettive alla luce dell’ampliamento delle Zone vulnerabili ai nitrati di origine agricola” è il titolo del convegno che si terrà il 22 aprile 2018 alle ore 10,30 nel quadro delle manifestazioni legate a Fiera Agricola, localizzata a Viale delle Industrie, 10 - San Marco Evangelista (nei pressi del casello A1 di Caserta Sud).

I temi del convegno

Zoonosi. Ai primi di agosto del 2017 il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, mette a capo della Task force zoonosi Antonio Limone, direttore generale dell’Istituto zooprofilattico sperimentale per il Mezzogiorno. Questo perché nelle provincie di Caserta e Salerno l’andamento della Profilassi di Stato per brucellosi, leucosi e tubercolosi bovina non aveva rispettato gli standard previsti, prestando il fianco a tanto localizzate, quanto preoccupanti recrudescenze di Brc e Tbc.

Inquinamento da Nitrati. Quasi contemporaneamente, Regione Campania veniva a capo della ridefinizione delle Zone vulnerabili ai nitrati di origine agricola, che culminava nella approvazione della Delibera di giunta regionale del 5 dicembre 2017, che nel perimetrare le nuove zone vulnerabili le raddoppia in superficie, investendo la quasi totalità del territorio in pianura a Caserta. Il provvedimento di ampliamento è stato poi sospeso fino al 28 febbraio 2019 nella sua applicazione, data entro la quale sarà ridefinito il Piano di azione.

Le due questioni, per forza di cose, sono interconnesse. E le soluzioni vanno trovate, ovviamente, avendo cura di fare attenzione alle interrelazioni tra vicende sanitarie ed ambientali.

Faranno il punto, su quanto sin qui fatto e quanto resta da fare: Antonio Limone, Direttore Generale Istituto zooprofilattico sperimentale per il Mezzogiorno di Portici; Arcangelo Correra, Direttore Sanitario Asl Caserta; Giuseppe Campanile, Docente al Dipartimento di Medicina Veterinaria dell’Università degli Studi “Federico II” di Napoli; Angelo Coletta, Direttore Generale - Ricerca Innovazione e Selezione per la Bufala. Conclude: Franco Alfieri, Consigliere Delegato per l’Agricoltura del Presidente De Luca. È previsto un intervento delle organizzazioni agricole Cia Confagricoltura. Modera: Mimmo Pelagalli, giornalista, collaboratore di “AgroNotizie” e de “L’Informatore Agrario”.

15:14 19/04

di Redazione

Commenta

Nasce l'associazione Saviano 2.0

SAVIANO. L’associazione Saviano 2.0 nasce con lo scopo principale di aiutare e salvaguardare tutte le persone che si trovano a vivere in una situazione di disagio. L’associazione Saviano 2.0 rientra nel pieno della sua attività con un magico evento organizzato a Villa Ambra, a Saviano, tra sfilate di moda, esibizioni di canto e di danza dal vivo, buffet gastronomico ed una calda e ricca accoglienza per tutti gli amici. L’evento completamente gratuito è stato offerto dall’associazione per offrire i propri servizi socio assistenziali per tutti quei soggetti che vivono situazioni di disagio, ma la loro azione è anche rivolta a tutti gli immigrati, accolti sul territorio italiano e che necessitano di accoglienza e di cure. L’associazione riesce ad operare grazie anche alla collaborazione di altre associazioni presenti sul territorio, in particolare organizzazioni del volontariato, realtà dell’associazionismo, istituzioni pubbliche presenti sul territorio dell’Ambito Sociale di riferimento e di altre zone limitrofe. Un lavoro fatto di pazienza, umiltà e tanta solidarietà, supportati anche da collaborazioni e rapporti con Enti pubblici e privati che operano nel Terzo settore e altri protagonisti del non-profit sociale. Un’associazione realizzata e sostenuta dai giovani del paese, che vivono ed operano sul territorio per far sentire la loro presenza ed aiutare quanti versano in condizioni difficili. Lo spirito dell’associazione Saviano 2.0 è proprio questo, schierarsi dalla parte dei più bisognosi, grandi, piccoli, anziani e stranieri ed aiutarli e sostenerli, con una serie di eventi che possano rendere meno faticoso il percorso di chi vive non riesce a farlo da solo. Sostegno all’Associazione Saviano 2.0 e a quanti si adoperano per rendere possibile il lavoro incessante di tutti questi ragazzi. 

14:00 19/04

di Filomena Carrella

Commenta

La mission dei Lions attraverso i francobolli

NAPOLI. “La mission dei Lions attraverso i francobolli”, è questo il titolo della mostra allestita nello spazio filatelia di Poste Italiane in via Monteoliveto. Sarà inaugurata oggi 19 aprile, alle ore 16,30. Alla cerimonia prederanno parte i massimi esponenti dell’associazione e quelli di Poste Italiane. In mostra tutti i francobolli internazionali che testimoniano l’impegno umanitario e sociale dei Lions che l’anno scorso hanno celebrato i ceto anni di vita. Per l’occasione è stata prodotta una speciale cartolina ed un annullo filatelico con cui sarà possibile bollare tutte le corrispondenze in occasione dell’evento.

13:55 19/04

di Redazione

Commenta

Birra a tavola, la Nazionale Cuochi ha scelto la Morena

Negli ultimi tempi il consumo delle Craft Beer in Italia ha raggiunto livelli inimmaginabili sino a qualche tempo fa. Inevitabile che la cucina italiana, ed anche l’alta ristorazione, ne abbia preso atto per una rinnovata cultura del mangiare e del bere, proponendo nuovi abbinamenti che ben si sposano a tavola con le tradizioni della nostra cucina o di quella mediterranea in generale. Al passo con i tempi e gli stili di consumo, la nazionale italiana cuochi ha “avviato una collaborazione” con Birra Morena in grado di raccogliere consensi internazionali e di vincere finanche la medaglia d’oro come miglior birra al mondo con la Celtica Stout lo scorso anno agli Awards a Londra.

“La buona birra – spiega Gaetano Ragunì general manager della NIC, la Nazionale italiana Cuochi – ha le credenziali per fondersi nei sapori e nelle consistenze del cibo. Non è difficile trovare il giusto equilibrio quando usi birre di eccellenza. Non vanno trascurati anche i valori nutrizionali che la birra conferisce, non secondario al piacere che la stessa riesce a dare. La birra in cucina non è una novità per le nostre tavole. Tante sono le nostre pietanze, rimandate di generazione in generazione, dove la birra la fa da padrona. Perché allora non tenerne conto? Proporremo la giusta birra al piatto corretto”.

“Siamo lusingati che la Nazionale Italiana Cuochi abbia deciso di essere nostra ambasciatrice nel mondo, spiegano con soddisfazione i Tarricone, titolari del birrificio Birra Morena. La nostra collaborazione è atta a diffondere il corretto abbinamento delle birre che produciamo con le varietà proposte dalla cucina italiana e, quindi, concretizzare un accoppiamento perfetto che ne valorizzi l’abbinamento. Con le nostre craft beer stiamo conquistando mercati internazionali sempre più specialistici che apprezzano le eccellenze italiane”.

Di questi giorni è la notizia che il più diffuso marchio di qualità europeo VEGANOK, consigliato dall’Associazione Vegani Italiani Onlus, ha certificato Morena Lucana Bio quale birra anche idonea per la cucina vegana, una fascia di utenza sempre più significativa che ora non si priverà del piacere di bere un’ottima birra.

13:09 19/04

di Redazione

Commenta

"Nato a Casal di Principe", dolore e degrado in terra di camorra

“Nato a Casal di Principe” è un’opera che devasta, fa arrabbiare. Perché racconta una storia vera, ingiusta, tremenda. Parla di Amedeo Letizia (Alessio Lapice), ragazzo di vent’anni che sul finire degli anni ’80 si è trasferito a Roma da Casal di Principe per inseguire la carriera di attore. Muove i suoi primi passi tra un fotoromanzo e un ruolo sul piccolo schermo quando il fratello minore Paolo (Ivan Silvestri) viene rapito da alcuni uominiincappucciati. Amedeo torna nel suo paese d’origine, per stare vicino al padre (Massimiliano Gallo), stimato imprenditore, e la madre (Donatella Finocchiaro). L’inchiesta condotta dai carabinieri si dimostra inefficace e il ragazzo decide di intraprendere una sua personale ricerca armato di un fucile e con l’aiuto del cugino Marco (Paolo Marco Caterino). Una ricerca affannosa, una discesa agli inferi nelle contraddizioni della sua terra, tra storie di malavita. I giorni passano ma di Paolo non si hanno tracce: il corpo non verrà mai più ritrovato.

Il regista Bruno Oliviero è stato capace di trasportare al cinema quello che chi l’ha vissuta in prima persona ha racchiuso nell’omonimo libro (edito da Minimumfax). E ci riesce fotografando una realtà degradata, un dolore che colpisce una famiglia perbene, senza alcun motivo. I toni sommessi e cupi di tutta la pellicola fanno ben comprendere l’angoscia e l’impotenza dei protagonisti, il loro dramma, il coraggio di andare avanti. Straordinario Massimiliano Gallo, che riesce a suscitare empatia e commozione vestendo una perfetta maschera di dolore composto. Buona prova per Alessio Lapice nel difficile compito di reggere sulle spalle gran parte del film giocando su tanti silenzi. Toccante Donatella Finocchiaro.

Già proiettato al Festival di Venezia, “Nato a Casal di Principe” sarà nei cinema dal 25 aprile distribuito da Europictures.

12:02 19/04

di Redazione

Commenta

Riparte la Scuola di Giornalismo Suor Orsola Benincasa

Oltre quarantamila euro di borse di studio, la collocazione nella nuova Torre della Comunicazione e una specifica sezione formativa dedicata al lavoro attraverso i new media. Sono alcune delle novità dell’ottavo biennio della Scuola di Giornalismo “Suor Orsola Benincasa”, nata nel 2003 come prima scuola di giornalismo del Mezzogiorno e pronta a festeggiare ad ottobre di quest’anno i primi 15 anni della sua attività. Fino al 23 aprile sono aperte le domande di iscrizione (il bando è online sul sito web www.unisob.na.it/giornalismo) ad un percorso formativo di due anni che abilita gli allievi a sostenere l’esame di Stato per l’accesso all’albo dei giornalisti professionisti.

La Scuola di Giornalismo “Suor Orsola Benincasa” è inserita nella moderna Torre della Comunicazione dell’Ateneo napoletano che vanta il più grande comparto formativo accademico del Mezzogiorno nel settore della comunicazione con due corsi di laurea, dieci master, corsi di perfezionamento ed alta formazione ed uno specifico dottorato di ricerca. All’interno della Torre a disposizione degli studenti ci sono anche gli studi della Radio di Ateneo e della Scuola di Cinema e Televisione diretta dal produttore de “La grande bellezza” Nicola Giuliano.

Cresce da quest’anno anche l’impegno del Suor Orsola sulle borse di studio per gli iscritti alla Scuola di Giornalismo. Sin dal 2003 ci sono due borse di studio da 10mila euro a biennio riconosciute dal Premio “Giancarlo Siani”. Prosegue per il lavoro sul giornalismo internazionale la partnership istituzionale con la Fondazione “Terzo Pilastro - Italia e Mediterraneo” con 25mila euro di borse di studio per ogni nuovo biennio. E da quest’anno ci sarà un impegno specifico dell’Ateneo con una borsa di studio di mille euro per ogni giornalista pubblicista e ci saranno altre borse di studio dedicate a Giancarlo Siani grazie alla partnership con la casa editrice napoletana “Alessandro Polidoro Editore” che ha deciso, su indicazione dell’autore, di devolvere ai migliori allievi della Scuola i proventi del nuovo libro di Paolo Miggiano “NA K14314. Le strade della Méhari di Giancarlo Siani” (in uscita il 10 Maggio).

 

L’attività didattica nell’aula Siani e gli stage nelle grandi aziende editoriali

La redazione della Scuola è strutturata con un’area per le postazioni computer (ciascun allievo ha una postazione personale collegata ad internet ed al sistema editoriale che genera il giornale cartaceo del Master), un’ampia area destinata esclusivamente al montaggio dei servizi radio-tv ed alla registrazione dei testi in cabina insonorizzata, una sala riunioni e un set per le riprese televisive in studio. Le lezioni frontali (dedicate alla preparazione teorica del lavoro giornalistico ma anche alle materie indispensabili per affrontare la professione come il diritto, l’economia e la storia) si svolgono nell’aula Giancarlo Siani, che è stata dedicata al giovane cronista ucciso dalla camorra nel corso della visita che il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha fatto alla Scuola di Giornalismo nel 2008. Alla direzione della Scuola, c’è Marco Demarco, già direttore de “Il Corriere del Mezzogiorno” ed editorialista de “Il Corriere della Sera”, affiancato nella direzione del settore radiotelevisivo da Pierluigi Camilli, già vicedirettore delle Testate giornalistiche regionali Rai e sin dal 2003 docente-coordinatore della Scuola di Giornalismo dell’Università Suor Orsola. I laboratori delle diverse discipline sono condotti da alcuni dei più illustri giornalisti del panorama editoriale italiano, a cui si aggiungono tre giornalisti professionisti coordinatori di redazione e due tecnici specializzati in riprese televisive e montaggio video che seguono gli allievi giorno per giorno.

Durante il biennio si svolgono almeno quattro mesi di stage di formazione presso testate giornalistiche di rilievo nazionale (Rai, Mediaset, Sky Sport e Skytg24, Gruppo Editoriale L’Espresso, Gruppo Rcs, Ansa, Agi, Il Sole 24 Ore, Il Mattino, La Nazione, Gruppo Mondadori, Gruppo Class) od anche presso gli Uffici Stampa di enti pubblici ed importanti aziende private.

 

I Premi ricevuti e i risultati del Placement

A testimoniare il valore formativo dell’attività didattica della Scuola di Giornalismo “Suor Orsola Benincasa” ci sono anche i numerosi premi ricevuti negli ultimi anni dagli allievi. Tra gli altri il “Premio Ansa - Professione Reporter”, il “Premio Giancarlo Siani”, il “Premio Lorenzo Perrone: informare è prevenire”, il “Premio Ischia Internazionale di Giornalismo” ed il Premio “Formazione per l’informazione” indetto dal Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti.

“La nostra più grande soddisfazione - evidenzia il Rettore Lucio d’Alessandro, fondatore con Paolo Mieli della Scuola di Giornalismo “Suor Orsola Benincasa” - sono sicuramenti i risultati del lavoro del nostro Ufficio di Job Placement che ha una sua risorsa specificamente dedicata agli allievi della Scuola di Giornalismo. A 15 anni dalla partenza di questo importante percorso formativo mi capita di vedere molti dei nostri migliori allievi in ruoli rilevanti di importanti telegiornali nazionali, in ruoli determinanti di alcune delle principali redazioni giornalistiche grazie anche ad una specifica formazione ricevuta sul versante delle nuove tecnologie”.

 

Le inchieste della Scuola di Giornalismo con la direzione di Paolo Mieli

Sin dal 2003 uno dei tratti distintivi della Scuola di Giornalismo “Suor Orsola Benincasa” è il lavoro sul giornalismo di inchiesta coordinato da Paolo Mieli che culmina al termine di ogni biennio nella pubblicazione di un libro frutto di un’inchiesta collettiva. Nei primi setti bienni sono stati già realizzati sette importanti volumi di inchieste giornalistiche prodotte dagli allievi: “Giovanni Leone: un caso giornalistico degli anni ’70” (biennio 2003-2005);“1973: Napoli al tempo del colera” (biennio 2005-2007); “Terremoto e trent’anni di cricca”(biennio 2007-2009);“Enzo Tortora: processo a un uomo perbene” (biennio 2009-2011); “Il Caso Lauro” (biennio 2011-2013); “I Viceré di Napoli” (biennio 2013-2015); “Napoli e il fascismo” (Biennio 2015-2017).

 

Info

www.unisob.na.it/giornalismo

081-2522236 - master.giornalismo@unisob.na.it

17:22 18/04

di Redazione

Commenta

Pagine


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
SCATTI DI BIRRA
di Alfonso Del Forno