Martedì 21 Agosto 2018 - 23:39

Casting per 150 “zombie” da impiegare per Halloween

ROMA. Hai uno spirito da mostro? Pensi che se solo fossi nato dall’altra parte dell’oceano un posto da comparsa in “The Walking Dead” sarebbe stato tuo? Allora hai l’occasione di dimostrarlo, perché Rainbow MagicLand è pronto ad assumere fino a 150 zombie. Il 15 e 16 settembre il parco divertimenti più grande di Roma aprirà il “mostruoso casting” per ingaggiare i figuranti che interpreteranno zombie e mostri vari durante le festività di Halloween, nel mese più spaventoso dell’anno. Il Parco in vista dei festeggiamenti dedicati all'Halloween, selezionerà fino a 100 nuovi volti, tra persone comuni, animatori e attori, che verranno assunti con contratto di lavoro. I ruoli sono quelli di mostri, ma anche di zombie, creature che fanno spavento, personaggi delle tenebre, tutti pronti a inseguire e spaventare i temerari ospiti del parco che visiteranno le Horror Zone predisposte, a partire dal 13 ottobre. Dunque: “Hai spirito e movenze da zombie? Ti piace interpretare personaggi da paura per spaventare chiunque ad Halloween?” MagicLand sta cercando proprio te. Fra i requisiti richiesti agli aspiranti morti viventi: make-up originale, andatura lenta, capacità di proporre un personaggio e la sua storia arricchiscono sicuramente il corredo del perfetto zombie. Una volta selezionati gli spaventosi “addetti ai lavori” si trasformeranno in una vera e propria orda di creature spettrali pronta a seminare il panico nel parco. Per candidarsi al “terrificante” posto ci si iscriverà online sul sito http://magicland.it/casting. entro e non oltre il 9 di settembre. Poi, presso il Gran Teatro di Rainbow MagicLand, il 15 e 16 settembre inizierà il casting vero e proprio, con una giuria formata da esperti di horror che selezionerà i mostri più credibili e spaventosi. Allora, se la routine quotidiana vi uccide, questa è l’occasione che fa per voi!

19:41 21/08

di Redazione

Commenta

Gli 80 anni di Costanzo: «Un solo rammarico: non aver mai intervistato un Papa»

ROMA. «Sono uno che i bilanci li fa spesso e, mai come stavolta, è proprio il caso di dire quanto sono stato fortunato. Sono arrivato a questo traguardo in salute e facendo il lavoro che ho sempre sognato. Non amo festeggiare i compleanni, ma pensandoci un regalo lo vorrei: che Maria non smetta mai di volermi così bene». Così Maurizio Costanzo (nella foto) in un'intervista esclusiva con “Chi”, in occasione del suo 80° compleanno. Dei sessantadue anni di carriera dice: «Dicono che sono un uomo severo, ma in realtà lo sono stato più con me stesso. E che ho anche potere, ma in realtà chi lo è, è colui che ordina e comanda, e io non lo faccio. Credo di aver fatto bene, ma se devo riconoscere un fallimento è quando facevo l'impresario del teatro Parioli di Roma: potevo farlo meglio. Mentre da giornalista non mi pento di nulla, ho solo un rammarico: non aver mai intervistato un Papa». E riguardo alla famiglia: «Non so se sono stato un buon padre, dovrebbero dirlo loro, ma i miei tre figli sono tutti persone per bene e forse il merito è anche mio. I miei nipoti? Adoro il nostro rito della pizza: ogni 20 giorni vengono nel mio ufficio e mangiamo tutti insieme: adoro ascoltarli».

19:38 21/08

di Redazione

Commenta

Lutto nella musica d'autore, addio a Claudio Lolli

Lutto nel mondo della musica italiana. Dopo una lunga malattia, si è spento a 68 anni Claudio Lolli, uno dei simboli della canzone d'autore italiana. Cantautore, poeta e scrittore, nell'arco della sua trentennale carriera, Lolli ha saputo trattare svariati temi: dalla politica all'amicizia, dalla desolazione alle crisi sociali e culturali, il tutto creando un culto più o meno sotterraneo di appassionati e fan che lo hanno seguito con devozione. Dopo anni di silenzio, alla soglia dei settant'anni, aveva vinto nel 2017 la Targa Tenco nella categoria “Miglior disco dell'anno in assoluto” con l'album “Il grande freddo”, oggetto di un crowdfunding lanciato su internet.

21:37 17/08

di Redazione

Commenta

Addio ad Aretha Franklin, la regina del soul

DETROIT. Aretha Franklin (nella foto), la più grande cantante di tutti i tempi è morta oggi a 76 anni a casa sua a Detroit, dopo i gravi problemi di salute avuti negli ultimi mesi. La Franklin, passata alla storia come “regina del soul”, era una delle più celebri personalità della cultura popolare del Novecento. L'artista è stata un’icona dall’epica irripetibile, vincitrice di ben 21 Grammy, addirittura otto consecutivi, dal 1968 al 1975, sempre nella stessa categoria "Best Female R&B Vocal Performance", ribattezzata ai tempi "The Aretha Award". La Franklin è stata la prima donna ad entrare nella “Rock and Roll Hall of Fame". È stata un’habituè delle classifiche di “Rolling Stones” secondo la quale è autrice del miglior album femminile della storia della musica (“I Never Loved A Man The Way I Loved You”), e detentrice del primato come voce più bella di sempre. Una voce capace di trasformare in oro qualsiasi cosa sfiorasse. Tra i brani più famosi va ricordato sicuramente “Think”.

16:31 16/08

di Redazione

Commenta

“Bella Storia", in 8 mila per l’evento cult della scena indie italiana

Grande successo di pubblico per il Bella Storia-Social Music Festival, l’evento cult della scena indie italiana, ben 8 mila gli appassionati di buona musica che hanno partecipato con entusiasmo alla due giorni di festa tra venerdì 10 e sabato 11 agosto al Polo Fieristico di Venticano di Avellino.

Due giorni magnifici, non solo per l'offerta musicale ma anche per l'efficienza organizzativa che ha saputo tener testa al temporale avvenuto poche ore prima della giornata inaugurale del Festival.

L’ evento è nato dall’intuizione dei membri dell’associazione culturale Invasioni, mentre a curare la direzione artistica è stato Felice Caputo titolare del «Tilt – tattoo bar events», spazio socio-culturale di promozione musicale da tempo riferimento nazionale per gli amanti delle varie tipologie musicali che hanno impreziosito la due giorni del festival: indie, trap e alternative rap.

Un gruppo di otto organizzatori e una cinquantina di fedelissimi collaboratori dell’associazione hanno dato vita ad un festival innovativo, come ormai se ne vedono pochi in giro, ma soprattutto ad un'esperienza emozionale.

Skin tra le stelle assolute di questa grandiosa festa, grazie al suo dj set di 3 ore pieno di emozioni ed energia, e ricca di suggestione la performance di Willy Peyote che ha spettinato il pubblico con le rime e per le rime.

Mattatori della due giorni del Bella Storia sono stati i The Jackal autori di un irresistibile e apprezzatissimo fake live.

Le star indiscusse del web hanno fatto credere a tutto il pubblico che sul palco ci fosse il rapper Liberato, salvo poi scoprire che sulle note del pezzo "Nove Maggio" il testo era quello de "La Campagnola" del noto Gigione, e che il cantante “misterioso” era, in realtà, un ispiratissimo Ciro Priello.

Durante l'annuncio della performance di Liberato scene da panico, vero e proprio, sono state registrate al Festival: frotte di fan accalcate sotto al palco ad aspettare l’esibizione del rapper partenopeo dall’identità nascosta hanno reso memorabile la performance dei The Jackal.

Grandi emozioni hanno regalato agli amici del Festival anche Frah Quintale, Ghemon, Nitro, Nu Guinea, Savastano, Quentin40, Zulù, Frenetik e Orange e tutti gli altri artisti presenti.

“Una magnifica esperienza che ripeteremo- dichiarano gli organizzatori- l’esito della manifestazione è un’ampia risposta positiva all’ entusiasmo del pubblico che è tutta benzina nei nostri motori!

Il Festival è stato un fatto memorabile, frutto dell’assoluta condivisione con il pubblico che ha accolto alla grande questa gran festa. Non vediamo l'ora- concludono poi- che arrivi la prossima Bella Storia.”

 

Una maestosa festa ricca di emozioni e non solo

Bella Storia ha regalato al suo pubblico ben 30 ore di musica ininterrotta, all’interno di un’area backstage di notevole ampiezza, che ha fatto da collante tra artisti di culto e un pubblico appassionato.

Due i palchi dedicati alla prima edizione di questo evento che ha potuto contare anche su un’area food and drink con tre postazioni bar, una pizzeria, stand enogastronomici di qualità, intervallati da una relax zone in cui il pubblico ha potuto rilassarsi e godere dell’aria pulita dell’Irpinia.

La manifestazione musicale ha sfruttato al meglio anche la suggestiva notte di San Lorenzo, venerdì 10 agosto, grazie ai telescopi di ASTRO - Atripalda che messi gratuitamente a disposizione del pubblico hanno guidato gli amici del festival verso le stelle e l’immensità dell’universo.

Sana aggregazione socio-culturale e tanto divertimento hanno accompagnato il primo vero Social Music Festival italiano grazie alla sua una duplice accezione social.

Social, attraverso la sua comunicazione crossmediale, accattivante e coinvolgente e altrettanto social grazie alla creazione di un momento indimenticabile e di reale interazione: aggregazione e scambio fra persone giunte da ogni parte del paese.

La line up è stata frutto di una meticolosa ricerca, realizzata grazie allo studio delle ultime tendenze della musica pop, che ha spinto gli organizzatori verso una selezione accurata dei migliori artisti delle principali indie label discografiche italiane.

A supportare l’organizzazione è stata l’esperienza di vari soggetti: i founders del 35mm, fulcro della nightlife avellinese, dell’Ufficio K, agenzia che organizza e promuove eventi musicali da oltre 15 anni, del Dreamers Studio, società specializzata in event management consulting, che ha curato la comunicazione dell’evento, e dell’Irpinia street Mood, associazione impegnata nella valorizzazione delle eccellenze enogastronomiche irpine in chiave street food a cui è stata affidata la gestione dell’area food & beverage.

BELLA STORIA «Social music festival» è stato patrocinato dal Comune di Venticano e è ha avuto come main sponsor Chime e come sponsor tecnici «Ceres» e «Red Bull» che hanno impreziosito il festival con tanti gadget.

 

Venticano, Location perfetta per il Festival

Il Polo Fieristico di Venticano, in provincia di Avellino ha ospitato la manifestazione durante la due giorni di festa e buona musica.

Frutto di un accurata selezione, la location è stata scelta grazie alla sua posizione geografica strategica, dotata di un’uscita autostradale dedicata, è posta al centro fra Campania, Molise, Puglia e Basilicata.

Uno spazio molto ampio che ha accolto le 8 mila persone giunte da varie parti del Paese e che ha reso Venticano meta turistica sfruttando cultura, musica e socialità, elementi mai utilizzati prima per favorire le strutture ricettive del territorio.

Territorio che ha incassato un notevole feed back in termini non solo sociali ma soprattutto economici.

17:03 13/08

di Redazione

Commenta

Ferragosto all’hotel Le Agavi di Positano: tre giorni di festa tra musica, cibo e fuochi d’artificio

È consuetudine per l’hotel Le Agavi (via G. Marconi, 169 - www.leagavi.it) festeggiare il Ferragosto positanese tra musica, la cucina tradizionale partenopea e i fuochi d’artificio. Quest’anno da lunedì 13 a mercoledì 15 agosto tante iniziative coinvolgeranno tutta la struttura a partire dal ristorante “La Serra”, alla terrazza Hall, fino ad arrivare al ristorante “Remmese” sulla spiaggia.

Tre serate speciali a partire da lunedì 13 agosto con lo show “Nuttata ‘e sentimento”, serenate al chiaro di luna con le più belle melodie italiane e internazionali per una serata intima e raffinata alla “Serra”. Martedì 14 in occasione della processione a mare con i fuochi sparati dall’albergo in onore della “Madonna Nera”, al ristorante Remmese è in programma lo spettacolo “La tarantella” dove tradizione, danze e costumi si mescolano in un evento magico.

Gran chiusura mercoledì 15 agosto con una delle tradizioni più radicate in Costiera Amalfitana: i fuochi a mare in onore di Santa Maria Assunta. Lo spettacolo, che inizierà dopo lo scoccare della mezzanotte, può essere ammirato dalla posizione privilegiata dalla spiaggia del ristorante Remmese oppure dalla terrazza del ristorante “La Serra” 1 stella Michelin con la cena a cura dello chef resident Luigi Tramontano. Allieteranno la serata le note dell’Italian Ensamble in un viaggio nella musica a 360 gradi tra ironia e delicatezza.

 

Menù di Ferragosto

RISTORANTE LA SERRA:

-       Ostrica con burrata e lampone

-       Il profumo di mare

-       Ravioli di grano arso con cacio e pepe di Timut, scampi e gel di Juzu

-       Dentice in succo di pomodoro ed infuso di alghe

-       Sorbetto di anguria con spuma di cioccolato bianco e lime

-       Sfera di melanzane al cioccolato con gelato alla cannella

 

Prenotazione obbligatoria: telefono: 089811890 | email: laserra@agavi.itremmese@agavi.it  | WhatsApp: +3933172 32960

16:02 13/08

di Redazione

Commenta

«D’estate meglio una pillola, ecco perché»

L’ideale sarebbe mandare in vacanza anche i farmaci. Ma necessariamente occorre portarli con sé il più delle volte. Ecco che torna utile rispolverare alcune regole e sfatare dei miti ricorrenti. Qualche assaggio di chimica e il buonsenso possono prevenire danni dall’assunzione di farmaci alterati. 
“Occhio a consistenza, sapore, odore ed efficacia del principio attivo che puó essere neutralizzata al di sopra dei 25 gradi” mette in guardia il presidente dell’Ordine dei Farmacisti di Napoli Vincenzo Santagada. A subire il caldo non solo i medicinali, ma anche integratori, soluzioni liquide, preparati in crema. Persino i solari che dovrebbero proteggere proprio dal sole.
“Il caldo altera la composizione degli unguenti spalmabili e si puó andare incontro a macchie della pelle. Moderare prima di stendersi al sole anche l’ assunzione di antistaminici, antibiotici, sulfamidici, contraccettivi orali e antinfiammatori non steroidei (fans), cerotti o gel a base di ketoprofene, tutti fotosensibilizzanti. I colliri poi è buona norma non lasciarli in borsa e custodirli sempre in confezione: il cartone e la protezione in alluminio garantiscono un minore contatto con la sorgente di calore” spiega Santagada. Occorre anche scardinare l’abitudine di conservare i farmaci in bagno o in cucina “dove l’umidità puó alterarli. Così come non si puó ritenere efficace un farmaco che si presenta visivamente inalterato d’estate. L’unica è seguire le regole di conservazione fin dal momento dell’ acquisto”. Attenzione, quindi, a non lasciare i medicinali in auto o nei cofanetti della moto, soprattutto se i principi attivi sono fotosensibili o termolabili. Nella fasi di transizione, come durante viaggi o trasporti dalla farmacia, è utile lasciare i farmaci nell’abitacolo con l’aria condizionata o, se presente, nel vano sul tettuccio dell’ auto. A minacciare i medicinali non è solo il clima caldo ma anche la luce e l’umidità come nelle giornate di pioggia o durante passeggiate in riva al mare o in campagna quando è presente la rugiada. “Sarebbe opportuno in questi casi dotarsi di specifici contenitori isolanti soprattutto se si tratta di farmaci a contenuto ormonale. In generale meglio una pillola quando ci si trova fuori casa:  le forme solide che sono più resistenti alle variazioni climatiche” conclude Santagada.

12:12 13/08

di Redazione

Commenta

Festa della cipolla di Vatolla, tutti gli appuntamenti

Il Cilento è terra di cultura e di longevità. Infatti, oltre alle primizie culinarie e agli splendidi paesaggi, è uno dei luoghi da sempre studiati per la forte concentrazione di anziani ultracentenari. Già qualche anno fa, per capire quale fosse il segreto dell’elisir di lunga vita, un team internazionale di scienziati ha analizzato la popolazione cilentana nell’ambito di uno studio pilota intitolato CIAO (Cilento on Aging Outcomes Study) condotto dall’Università La Sapienza di Roma e dall’Università di San Diego in California. 

Quali sono le caratteristiche che hanno reso questa zona “terra di salute e longevità”? Se ne parlerà nel penultimo finesettimana della Festa della cipolla di Vatolla (foto di Antonella Pecori). Gli appuntamenti da ricordare sono sabato 11 e domenica 12 agosto nell’ antico borgo di Vatolla, comune di Perdifumo (Salerno).

Si inizia, quindi, con il racconto “Un viaggio esperienziale nel cuore del Cilento: “Isolati genetici”, Dieta mediterranea e longevità della popolazione cilentana” con Giovanni Sgroi, biologo e nutrizionista dell’Università di Napoli Federico II. A seguire, la musica itinerante dei Sunarìa.

Mentre, domenica 12 agosto, Giuseppe Ferrazzano, esperto di scienze e tecnologie per l’ambiente e il territorio, parlerà di: “Identità culturale e paesaggio: storie di terra, di tradizione, di produttori ….la Cipolla di Vatolla “ attraverso un video-racconto sui contadini del terzo millennio. Accompagnerà il convegno, la musica popolare itinerante dei Sibbenga Sunamo.

16:38 11/08

di Redazione

Commenta

“Ferragosto con l'arte" al Museo del Tesoro di San Gennaro

Ferragosto con l’arte, al Museo del Tesoro di San Gennaro mercoledì 15 agosto dalle 9,30 alle 17,30.

Le prime due visite - quella delle 9.30 e l’altra delle 10.30 - sono condotte dal marchese Pierluigi Sanfelice di Bagnoli, unico rappresentante di quelle famiglie napolitane che firmarono nel 1527 il voto che impegnava la città per la costruzione della cappella del Tesoro; grazie a lui si potrà conoscere la storia di San Gennaro effettuando una visita guidata proprio all’interno della storica Cappella, per poi proseguire per il museo. 

Giunta alla XV edizione, Ferragosto con l’arte è ormai una consolidata tradizione che fu ideata e promossa proprio dal marchese Sanfelice, componente della Deputazione della Cappella di San Gennaro, e che si ripete ogni 15 agosto, dal 2004, per offrire ai napoletani e ai turisti la possibilità di ammirare, il giorno dell’Assunta, uno dei patrimoni artistici più importanti al mondo.  Per l’intera giornata si terranno, poi, visite guidate gratuite condotte anche dal direttore Paolo Jorio nel Museo del tesoro di San Gennaro. 

Nuove esposizioni, un allestimento completamente rinnovato, tutti i gioielli esposti in un percorso emozionale sarà l’itinerario impareggiabile che i visitatori potranno ammirare per conoscere più approfonditamente, opere uniche al mondo. La leggendaria mitra gemmata ricca di 3964 pietre preziose, il collare di San Gennaro in diamanti, gemme e gioie realizzato in 250 anni con i doni dei più importanti regnanti europei, il calice di oro, rubini, smeraldi e diamanti donato da re Ferdinando IV, la croce in diamanti e smeraldi regalata da re Umberto I, la pisside gemmata di re Ferdinando II e tanti altri gioielli e i capolavori d’argento rappresentano non solo la straordinaria storia di fede di un popolo verso il proprio santo Protettore, ma anche l’essenza della grande cultura e della antica civiltà napoletana. 

L’iniziativa del giorno di Ferragosto, che tanto successo ha avuto nelle passate edizioni, è diventato infatti un immancabile “appuntamento con l’arte” nonché un'importante ed efficace operazione di promozione turistica da offrire ai napoletani e ai numerosissimi ospiti nel capoluogo campano. Il programma, realizzato in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli.

Per informazioni, 081-294980. Museo: via Duomo 149, Napoli (ingresso laterale al Duomo). Il Museo del Tesoro di San Gennaro ad agosto sarà aperto tutti i giorni dalle ore 9,30 alle 17,30.

17:26 10/08

di Redazione

Commenta

Zoo by night con “Una notte da leoni"

NAPOLI. Continuano gli eventi della Animal Summer 2018, la stagione di appuntamenti speciali estivi, dello Zoo di Napoli. Il 15 Agosto, per la prima volta nella sua storia: Zoo by night- Una notte da leoni, il giardino zoologico della città apre le porte al pubblico per un’imperdibile visita sotto le stelle. Dalle 20 sarà infatti possibile accedere al parco per camminare alla luce della luna e “scoprire di nuovo” un’oasi nel cuore di Napoli. L’idea è vivere il parco appieno, anche nelle ore più insolite, con attività fino ad ora inesplorate. Esperienza unica, che rende lo Zoo ancora più accattivante, anche per chi fino ad ora non ha avuto l’occasione di visitare il parco, nella sua nuova veste, e ammirare la bellezza di un giardino botanico curatissimo e rigoglioso. Così, dopo un cocktail di benvenuto, inizieranno le visite guidate. Insieme alle guide dello Zoo, si partirà alla scoperta degli animali preferiti per scoprirne i segreti più nascosti, fino a raggiungere l’exhibit dei leoni, dove una sorpresa attende i visitatori. Chiude il tour uno spettacolo nel piazzale d’ingresso. Il Programma della serata nei dettagli prevede: Ore 19.00 – chiusura abituale del parco. Ore 20.00 – ingresso alla serata Una notte da Leoni, e cocktail di benvenuto. Ore 21.00 – visite guidateOre 22.00 – spettacolo di chiusura con artisti di strada. Il costo del biglietto per l’evento è di 10 euro, ed è su prenotazione; per assicurarsi l’ingresso scrivere a info@lozoodinapoli.it.

16:50 9/08

di Redazione

Commenta

Pagine


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
SCATTI DI BIRRA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli