Venerdì 14 Dicembre 2018 - 17:42

Manetti festeggia i David: «Il prossimo film? Con Napoli non finisce di certo qui»

NAPOLI. «I premi ad “Ammore e Malavita” ma in generale tutta la serata dei David di Donatello segnano il ritorno di Napoli come capitale culturale di questo paese, che poi è il ruolo che spetta a questa città. Tanti film in gara ieri hanno saputo raccontarla in modo diverso, e possiamo parlare di un rinascimento cinematografico di Napoli ma anche di una nuova riallocazione della città dopo gli anni bui». Lo ha detto Marco Manetti (nella foto), regista e componente dei Manetti Bros., vincitore di cinque David di Donatello per la pellicola “Ammore e Malavita”, nel corso di un'intervista realizzata a Mattina 9, in onda sull'emittente “Canale 9-7 Gold”. «Napoli è una delle città più belle e colte del mondo: negli anni passati si parlava solo di camorra e di spazzatura, ora invece trionfano la sua personalità, la sua storia e la sua cultura. Se possiamo mettere da parte per un attimo l'umiltà – ha continuato Manetti – sono felice di pensare che la rinascita di un racconto diverso sia iniziata con il nostro Song 'e Napule, poi da lì la cosa è esplosa e ce n'era davvero bisogno». «Se il prossimo film sarà sempre ambientato a Napoli? Non lo posso ancora dire – ha concluso il regista – perché ancora dobbiamo sviluppare il prossimo progetto. Ma quello che posso dire è che il nostro rapporto con Napoli non finisce certo qua».

13:46 22/03

di Redazione

Commenta


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno