Mercoledì 20 Settembre 2017 - 2:25

Blitz alla Sanità, interrotto summit di camorra. Il capoclan finge di dormire, un arresto

NAPOLI. Irruzione dei carabinieri durante un summit con il boss, un arresto a Napoli. I carabinieri hanno fatto irruzione in un palazzo, la notte scorsa nel corso dei controlli contro la criminalità nel rione Sanità, interrompendo una riunione tra il capo di uno degli storici clan del rione Sanità e altre due persone, una delle quali è stata trovata in possesso di una pistola semiautomatica carica. L'uomo armato è stato arrestato dopo un inutile tentativo di fuga: si tratta di un 27enne ritenuto affiliato al clan camorristico dei Savarese, attivo nel rione per il controllo degli affari illeciti. Nel fuggi fuggi dopo l'irruzione è stato individuato e riconosciuto il capoclan, un 63enne attualmente libero vigilato dopo condanna per 416 bis, che poi è stato trovato a casa, al piano superiore: secondo i militari l'uomo si è rintanato in casa facendo finta di dormire. Continuano le indagini dei carabinieri per accertare se l'arma sia stata usata già in fatti di sangue o per intimidazioni e per risalire al terzo complice fuggito. Intanto l'arrestato è stato rinchiuso nel carcere di Poggioreale.