Lunedì 20 Novembre 2017 - 22:20

«Non ti vogliamo». A Palermo manifesti su bus contro borseggiatore

Scritta anche in inglese su trenta autobus di linea

Gli autobus palermitani contro il borseggiatore che dopo la scarcerazione, su Facebook, si era preso gioco di chi lo aveva arrestato. Da questa mattina campeggia sui trenta autobus di linea dell'Amat, 101 e 102, la fotografia con il volto del borseggiatore palermitano Salvatore Romeo, 23 anni, con la scritta “Non ti vogliamo sui nostri bus". Una scritta anche in inglese. Il giovane lunedì scorso era stato arrestato dopo avere borseggiato una turista, e dopo la scarcerazione su Facebook aveva commentato: «Mi dispiace per voi, ma alla vostra facciazza e la vostra invidia non mi arrestano mai. Come vedete sono già fuori, comunque se avete qualcosa da dirmi sapete dovete dove trovarmi». Aveva anche insultato chi aveva osato criticare la sua sfacciataggine dando appuntamento nei pressi della stazione centrale: «Non parlate dietro uno schermo o su face (facebook ndr), venite ad affrontarmi che è meglio. Se venite di presenza io sono sempre alla stazione dove c'è il vecchio giornalaio, vi aspetto».

Romeo era stato fermato in pieno centro dai poliziotti della “Sezione Contrasto al Crimine Diffuso". Facendo finta di aiutarle a obliterare il biglietto, con un complice, anche lui arrestato, aveva rubato il portafogli a due turiste italiane. Accompagnato negli uffici della Squadra mobile il giorno dopo è stato rimesso in libertà dal giudice in attesa del processo. E dopo poche ore si è preso gioco di chi lo aveva arrestato con quel post su Facebook. Ma da oggi la sua faccia campeggia su tutti gli autobus della linea principale dell'Amat. Le potenziali vittime sono avvisate.

L'Azienda pubblica che gestisce i servizi per la mobilità nella città «ha ritenuto necessario assumere questa iniziativa a tutela di tutti coloro, cittadini e turisti, che utilizzano il servizio di trasporto pubblico», si legge in una nota. «Abbiamo voluto lanciare un messaggio diretto ed efficace - afferma Antonio Gristina, presidente dell'azienda - rivolto a mettere in guardia i passeggeri ma anche ad affermare la nostra vicinanza e gratitudine alle Forze dell'ordine». Gli adesivi si trovano sui trenta bus, che abitualmente sono programmati per le linee 101 e 102 che attraversano il centro cittadino.

A rafforzare il messaggio è il fatto che gli adesivi sono realizzati con la foto diffusa proprio dalla Polizia e con i contenuti apparsi sulla stampa. Il messaggio è tradotto anche in lingua inglese. «La tutela dei passeggeri e del nostro personale è una priorità dell'azienda e anche per questo motivo, da oltre un anno, a bordo di molte vetture sono presenti i vigilantes. Non voltiamo la faccia dall’altro lato - continua Gristina - Spero che questo nostro primo passo possa condurre verso una più proficua collaborazione anche con i cittadini, che invitiamo a denunciare senza remore gli episodi di borseggio».

Apprezzamento viene espresso dal sindaco Leoluca Orlando che afferma come «questa iniziativa si inserisce ed è in sintonia con quelle realizzate negli anni in città da tanti cittadini singoli e organizzati contro ogni forma di grande e piccola criminalità, dal pizzo ai posteggiatori abusivi. È un segno di sintonia culturale e collaborazione fra aziende, istituzioni e cittadini, per affermare che non ci sono a Palermo zone franche».

17:30 2/09

di Redazione


Inserisci un commento


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

RICETTE E CURIOSITÀ: ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
I PERSONAGGI DEL "ROMA"
di Mimmo Sica
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ: ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
I PERSONAGGI DEL "ROMA"
di Mimmo Sica
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale