Martedì 24 Gennaio 2017 - 5:16

La morte di George Michael: «Ipotesi overdose»

Il manager del cantante aveva parlato di insufficienza cardiaca

ROMA. È morto il giorno di Natale, da solo, e lontano da "circostanze sospette", come ha precisato la polizia. Eppure, a pochi giorni dalla morte di George Michael, scomparso a soli 53 anni nella sua villa nell'Oxfordshire, i media d'Oltremanica hanno già iniziato a parlare di overdose di eroina come possibile causa del decesso.

Il manager dell'artista, Michael Lippman, aveva parlato di insufficienza cardiaca come causa della morte del cantante, ed è stato il compagno dell'artista, Fadi Fawaz, noto parrucchiere delle celebrities, a trovare il suo cadavere la mattina di Natale. Una fonte anonima ha rivelato al 'Daily Telegraph' che negli ultimi anni l'artista avrebbe lottato a lungo contro una crescente dipendenza dall'eroina.

Inoltre, Michael sarebbe stato ricoverato diverse volte in ospedale per overdose. "È finito in ospedale in molte occasioni - ha svelato la fonte - Usava eroina. E' incredibile come sia potuto rimanere in vita così a lungo". L'arresto cardiaco, che secondo il manager del cantante sarebbe stata la causa del decesso, è comune tra i tossicodipendenti di eroina, rimarca il quotidiano britannico.

"Dovevamo andare a pranzo insieme - ha detto Fawaz, che era legato a Michael dal 2011- Sono andato da lui per svegliarlo ma se ne era andato, era sdraiato pacificamente nel suo letto. Non sappiamo ancora cosa sia successo". "Ultimamente tutto era diventato molto complicato - ha spiegato Fawaz - ma George aspettava il Natale, come lo aspettavo io. Ora tutto è rovinato, vorrei che la gente lo ricordasse per quello che era, una persona bellissima". Negli ultimi anni, ricorda il quotidiano britannico, lo stile di vita edonista per il quale l'artista divenne famoso, aveva trasformato una delle più affascinanti icone del pop in una caricatura di se stesso.

I vicini di casa dell'ex stella degli Wham a Goring-on-Thames, nei pressi di Oxford, hanno voluto ricordare gli ultimi mesi di vita del cantante, esprimendo parole di cordoglio. Come il manager del Catherine Wheel, il pub frequentato di tanto in tanto dall'artista, nonostante negli ultimi anni la sua presenza era diventata sempre più rara. "E' cambiato molto negli anni - ha raccontato l'uomo - Era diventato più grasso e indossava sempre gli occhiali. Ne era consapevole. Ma non assomigliava più a George Micheal. E' molto triste".

17:00 27/12

di Redazione


Inserisci un commento

Rubriche

LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
SEX AND NAPLES
di Mariagrazia Poggiagliolmi
DIRITTI&LAVORO
di Carlo Pareto
RICETTE E CURIOSITÀ: ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
I PERSONAGGI DEL "ROMA"
di Mimmo Sica
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano