Sabato 16 Febbraio 2019 - 14:47

Manuel, «hanno sparato per uccidere»

Marinelli e Bazzanno avevano programmato un brutale omicidio, ha sottolineato De Robbia nell'ordinanza di custodia cautelare

"Appare inconfutabile allo stato, essendo stati esplosi numerosi colpi di arma da fuoco verso le parti vitali della vittima, l'intento di ucciderla e non di ferirla". Così il gip Costantino De Robbio nell'ordinanza di custodia cautelare con cui al termine dell'interrogatorio a Regina Coeli ha disposto il carcere per Lorenzo Marinelli e Daniel Bazzanno accusati del ferimento di Manuel Bortuzzo. 

Manuel, l'audio dall'ospedale: «Tornerò più forte di prima»

I due, accusati di tentato omicidio premeditato in concorso e aggravato dai abietti e futili motivi"non hanno risposto alle domande del gip perché quello che avevano da dire lo hanno già detto l'altro ieri in questura", ha detto l'avvocato Giulia Cassaro lasciando il carcere di Regina Coeli al termine dell'interrogatorio e sottolineando come stiano "male per quanto fatto, come hanno già detto l'altra sera".

Marinelli e Bazzanno avevano programmato un brutale omicidio, ha sottolineato De Robbia nell'ordinanza di custodia cautelare. Per il gip "è altamente probabile il rischio di reiterazione dei delitti della stessa specie di quello contestato" perché denota "la mancanza di controllo e l'estrema pericolosità degli indagati, che non hanno esitato a recuperare una pistola che evidentemente avevano in precedenza acquistato e tenevano pronta per usarla, e programmare un omicidio brutale senza apparente motivo per poi allontanarsi dal luogo, secondo le risultanze sopra descritte, ridendo". 

Il giudice parla di "assoluta pericolosità dei due indagati che, dopo aver programmato un omicidio non riuscito per cause indipendenti dalla loro volontà, hanno poi ideato un piano tendente a garantire almeno parzialmente la loro impunità dimostrando la proclività al delitto e l'assoluta mancanza di resipiscenza". "Gravemente lacunosa appare la ricostruzione del movente", ha scritto ancora il gip aggiungendo: "Appare evidente che i due, una volta appreso dagli organi di stampa del ritrovamento dell'arma con (verosimilmente) le impronte del Marinelli, abbiano deciso di costituirsi provando a circoscrivere la responsabilità al solo sparatore, senza riuscire a fornire però una ricostruzione dei fatti minimamente convincente".

15:44 8/02

di Redazione


Inserisci un commento


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno