Venerdì 18 Agosto 2017 - 16:18

Strage Foggia, Minniti promette: «Risposta durissima»

Il ministro dell'Interno presiede il comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica

FOGGIA. "La risposta dello Stato sarà durissima". Non usa giri di parole e promette il pugno duro il ministro dell'Interno Marco Minniti, al termine del comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica presieduto a Foggia, dopo la strage avvenuta ieri a San Marco in Lamis per colpire il boss Mario Luciano Romito. "Assumiamo l'azione di prevenzione e di contrasto alla criminalità organizzata in questa provincia come una grande questione del Paese", afferma il titolare del Viminale, per "garantire la tranquillità e la sicurezza dei cittadini che qui vivono e dei turisti".

 

"Qui si gioca una partita di carattere nazionale - continua il ministro -. Abbiamo di fronte un'organizzazione criminale che ha le caratteristiche di una organizzazione criminale mafiosa, che potremmo definire un ibrido. Tiene insieme due caratteristiche: una struttura fortemente chiusa e tenuta insieme da quasi assoluta omertà, tipiche della 'ndrangheta in Calabria; e un aspetto più propriamente gangsteristico, che ha come scuola criminale le grandi rapine e che agisce con le dinamiche tipiche dei gangster, come avvenuto ieri", sottolinea Minniti.

 

 

 

"La lotta contro le mafie e per la legalità è una grande battaglia di civiltà. Questa partita la vinceremo se riusciremo a mobilitare le coscienze", auspica il titolare del Viminale.

"E' molto importante coinvolgere l'opinione pubblica, avere una partecipazione attiva della gente, in quella che deve essere una sorta di rivolta morale delle popolazioni locali", osserva, per il quale "le popolazioni devono stare accanto allo Stato che risponde all'attacco della criminalità organizzata".

Il controllo del territorio, spiega poi il ministro, "è la prima risposta contro la criminalità organizzata". Poi l'annuncio: "A partire dal 16 agosto, arriveranno nella provincia 192 unità aggiuntive operative dei reparti prevenzione e crimine della Polizia di Stato, delle compagnie di intervento operativo dell'Arma dei Carabinieri e dei baschi verdi della Guardia di finanza".

Il loro compito, spiega, "sarà tecnicamente di saturare il territorio, dare il senso che di fronte a questa sfida lo Stato risponde con una fermezza che non ha precedenti. Queste forze assicura - rimarranno qui per tutto il tempo necessario".

Specifica ancora il ministro dell'Interno: "Una parte di queste aliquote sarà costituita da 24 appartenenti al reparto 'Cacciatori di Calabria', un reparto speciale dei carabinieri con il compito di un controllo particolarmente attivo e aggressivo del territorio: sono reparti capaci di fare qualunque tipo di operazione, con precedenti in Sardegna, in Sicilia e in Calabria".

A San Severo, inoltre, sarà costituito in pianta stabile un reparto prevenzione e crimine: "La Puglia assieme alla Calabria - annuncia - sarà l'unica regione ad avere tre reparti. Per sconfiggere le mafie, oltre al controllo del territorio, serve capacità investigativa", spiega ancora il titolare del Viminale.

20:52 10/08

di Redazione


Inserisci un commento

Rubriche

REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI DEL "ROMA"
di Mimmo Sica
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI DEL "ROMA"
di Mimmo Sica
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale