Lunedì 19 Novembre 2018 - 18:36

Boss morto in carcere, disposta l'autopsia

Giacomo Zeno è deceduto a Cuneo, dove era recluso al regime del 41 bis

di Carla Cataldo

ERCOLANO. È morto nel carcere di Cuneo dove era recluso al regime del 41 bis, Giacomo Zeno, cinquantacinquenne boss del cartello criminale dei Birra-Iacomino. Giacomo Zeno è l’uomo che per oltre un decennio ha fatto parte del clan della Cuparella, con un ruolo apicale nel clan e il supporto del fratello Stefano - anche lui recluso al 41 bis - braccio destro e cognato del padrino del sodalizio criminale, Giovanni Birra (che si trova al carcere duro nel penitenziario di Sassari). Giacomo Zeno è deceduto stroncato probabilmente da un infarto martedì. Per accertare le ragioni dell’improvvisa morte è stata disposta l’autopsia. Uomo di punta del clan Birra-Iacomino e - secondo la Dda - artefice del patto mafioso tra il suo clan, i Gionta e i Lo Russo, Zeno secondo gli inquirenti avrebbe preso parte a diversi fatti di sangue avvenuti nella città degli scavi e non solo. 

CONTINUA A LEGGERE SUL GIORNALE ONLINE

11:45 17/10

di Redazione


Inserisci un commento


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale