Martedì 16 Ottobre 2018 - 7:26

Clan Moccia, colpo di scena: scarcerata la figlia del “senatore" Favella

Accusata di portare all'esterno del carcere i pizzini del padre Francesco

NAPOLI. Colpo di scena nell’inchiesta della Direzione distrettuale antimafia che, con l’ordinanza emessa in data 05.01.18 dal Giudice delle indagini preliminari presso il Tribunale di Napoli – Dott. Perrella -  decapitò capi ed affiliati della storica compagine criminale denominata clan Moccia. Come si ricorderà, in data 14.05.18 la Suprema  Corte, sesta sezione penale, in accoglimento delle tesi difensive sviluppate dagli avvocati Dario Vannetiello (nella foto) e Fabio Fulgeri, aveva annullato la ordinanza emessa dal Tribunale del riesame di Napoli emessa in data 13.02.18 nei confronti di Maria Favella per il delitto di partecipazione alla associazione di tipo camorristico. Il delicato ruolo attribuito alla donna era quello di portare all’esterno del carcere, mediante i cosiddetti ”pizzini”, le imbasciate del padre detenuto Francesco Favella, ritenuto ai vertici del clan, indirizzate in particolare ai sodali Pellino Modestino e Casone Ciro, contribuendo così in maniera determinante alla gestione degli affari del clan. Grazie alla intercettazione dei colloqui carcerari intrattenuti dalla donna, fu possibile anche sequestrare, nell’immediatezza di uno dei colloqui, un pacchetto di fazzolettini con all’interno ben quattro fogli sui quali erano annotati i messaggi  che la donna doveva veicolare all’esterno. Sempre da un colloquio intercettato in carcere era emerso il sistema di comunicazione studiato dal gruppo: l’ordine del “senatore” Favella Francesco alla figlia -  ordine partito da colui che è ritenuto essere direttore ed organizzatore del clan Moccia con particolare competenza nei comuni di Afragola ed Arzano - era quello di leggere i “pizzini” ai sodali e poi provvedere immediatamente a bruciarli. Nonostante il grave quadro indiziario a carico della donna, nel giudizio di rinvio svoltosi innanzi al riesame all’esito dell’annullamento deciso dalla Suprema corte,  la difesa è riuscita ad ottenere l’annullamento della ordinanza di custodia cautelare. Se colpiva la ragione dell’annullamento decisa dai giudici capitolini - cioè  quella di verificare nuovamente  la sussistenza delle esigenze cautelari, le quali sono per legge presunte per chi è ritenuto appartenente ad una associazione camorristica -  ancora più sorprendente è stato l’esito finale della procedura: la remissione in libertà della figlia dello storico senatore del clan. Le sorprendenti decisioni assunte nei confronti della donna, prima dai Supremi Giudici, poi dai magistrati partenopei, sono destinate ad alimentare il dibattito giurisprudenziale sul tema della presunzione di sussistenza del pericolo di reiterazione del reato che da tempo vige nei confronti di chi è ritenuto  essere un affiliato ad una organizzazione di tipo mafioso. Appare evidente che gli avvocati Vannetiello e Fulgeri sono riusciti a ribaltare la copiosa giurisprudenza che andava in direzione contraria la quale riteneva nei confronti di soggetti gravemente indiziati di appartenere ad una compagine camorristica sempre necessaria la custodia cautelare in carcere. E così, nella notte, Maria Favella, a sorpresa, ha potuto lasciare la casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere ove era detenuta e riabbracciare i suoi familiari, completamente libera, senza alcuna altra misura  cautelare a lei imposta.      

17:34 11/10

di Redazione


Inserisci un commento


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano