Mercoledì 21 Novembre 2018 - 20:52

Conservatorio, Borrelli: sopralluogo tra secchi e perdite d’acqua

Verdi: importante investire sulla salvaguardia del patrimonio culturale della città

NAPOLI. Questa mattina si è effettuato un sopralluogo da parte del Presidente della Regione, in presenza del presidente del Conservatorio, Antonio Palma e il suo direttore, Carmine Santariello tra le stanze dell’antico Conservatorio di Napoli. “Infiltrazioni d’acqua e secchi nel mezzo di una sala, scenari che mostrano una quotidianità precaria. Abbiamo toccato con mano il disagio di questi studenti che non possono vivere serenamente il proprio luogo di studio” commenta il consigliere regionale dei Verdi e membro della commissione cultura, Francesco Emilio Borrelli presente questa mattina al sopralluogo, mostrando attraverso materiale fotografico lo stato in cui versano le stanze del Conservatorio. “La Regione pur non avendo competenze nel Conservatorio sta lavorando per la formulazione di un progetto che possa mettere a disposizione dei fondi importanti per interventi completi e su più fronti. In primis, la ristrutturazione per la sicurezza degli ambienti”. “L’incontro di questa mattina ci ha portati in un edificio che è una perla, un luogo importantissimo per Napoli che da sempre ha un legame forte con il mondo musicale. Questo legame va rinsaldato investendo concretamente nella riqualifica dell’edificio e nella conservazione dei testi e degli strumenti antichi situati al suo interno” conclude il consigliere Borrelli con il rappresentante sindacale dei docenti del Conservatorio, Carlo Mormile.

18:32 7/11

di Redazione


Inserisci un commento


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici