Domenica 23 Luglio 2017 - 23:20

Da tabaccai a broker internazionali di droga: trasportavano cocaina in doppifondi di barche, in manette tre insospettabili

Due di essi, i fratelli Maurielli, abitano in una lussuosa villa a Scafati. Sono incensurati originari di ponte Persica, tra Pompei e Castallamare. A loro è riferibile il maxi sequestrato di 700 chili di cocaina sulla nave "Scugnizza" per il traffico con la Spagna

NAPOLI. Importavano ingenti quantitativi di cocaina dal Sud America alla Campania attraverso la Spagna, trasportandola a bordo di imbarcazioni munite di doppifondi. La Polizia, supportata da personale della Direzione Centrale per i Servizi Antidroga, del Servizio Centrale Operativo e con la collaborazione di personale dell'Unidad de Drogas Y Crimen Organizado di Madrid (Spagna), ha dato esecuzione, questa mattina, a tre ordinanze di custodia cautelare emesse dal GIP del Tribunale di Napoli, su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia, a carico di insospettabili stabiesi ritenuti gli organizzatori di un imponente traffico internazionale di cocaina dal Sud-America alla Campania. Gli arrestati, attraverso la Spagna, importavano ingentissimi quantitativi di cocaina che veniva trasportata a bordo di imbarcazioni munite di doppifondi. A loro è riferibile il sequestro di 680 chilogrammi di cocaina sequestrata a bordo dell'imbarcazione "Scugnizza", intercettata da personale della Squadra Mobile di Napoli e dalla Polizia Spagnola ad Aguilas (Murcia-Spagna) il 24 Luglio 2014. Allora vennero arrestati i fratelli skipper Andrea e Francisco Lopez e lo stabiese Bartolo Di Massa, 46enne, da anni residente a San Giustino in provincia di Perugia. La droga immessa sul mercato avrebbe fruttato oltre 115 milioni di euro. Le indagini seguenti hanno individuato uno strategico canale di approvvigionamento della droga che consentiva di saturare ampie fette del mercato di cocaina sul territorio nazionale. In tale contesto si è accertato come le holdings di narcos abbiano avviato il trasporto di ingenti partite di droga a bordo di imbarcazioni private in grado di trasportare fino a 2-3mila chili di cocaina per volta. In questo contesto il ruolo strategico nel traffico svolto dagli arrestati oggi, i fratelli Raffaele e Giuseppe Maurelli, di 46 e 44 anni, insospettabili, incensurati, originari di Castellammare e residenti a Scafati e di Paolo Del Sole, 39enne di Torre del Greco e titolare di una autorivendita a Scafati. I fratelli Maurelli, che abitano in una lussuosa villa di Scafati, titolari di una tabaccheria a Torre Annunziata, sono anche titolari di diverse società a Scafati, San Giuseppe Vesuviano e Torre Annunziata. Eseguito anche un ingente sequestro di beni mobili ed immobili riferibili agli arrestati. Le indagini hanno messi in evidenza anche contatti dei fratelli con la criminalità stabiese. 

10:05 19/04

di Redazione


Inserisci un commento

Rubriche

REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI DEL "ROMA"
di Mimmo Sica
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI DEL "ROMA"
di Mimmo Sica
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale