Venerdì 16 Novembre 2018 - 2:45

Omicidio Reparato: il boss Cesare Pagano confessa ed evita l’ergastolo

Con lui alla sbarra anche Oreste Sparano e Costanzo Apice: incassano 20 anni

NAPOLI. Anche questa volta è bastato ammettere in aula, alzare la mano e ottenere il minimo della pena per un omicidio di camorra. È accaduto davanti ai giudici della seconda Corte d’Assise di Napoli che hanno giudicato i killer di Ciro Reparato, affiliato al clan Di Lauro di Secondigliano, assassinato il 31 gennaio del 2008. Erano imputati Oreste Sparano, difeso dagli avvocati Claudio Davino e Michele Caiafa, Costanzo Apice, avvocato Davino, Cesare Pagano, difeso da Domenico Dello Iacono e Elmilio Martino, e Raffaele Amato. I primi due erano stati condannati in primo grado a 30 anni di carcere e ritenuti gli esecutori materiali dell’agguato che sancì la rottura totale tra gli scissionisti e il nuovo clan Di Lauro, risorto dalle ceneri della prima faida di camorra. E il Pg aveva chiesto l’ergastolo. 

13:50 16/06

di Redazione


Inserisci un commento


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici