di Bruno Pavone

NAPOLI. Il triumvirato. Così decise di far fronte alla morte di Emanuele Sibillo. Il giovane fu assassinato a luglio del 2015 e da quel momento si decise che c’era un’unica possibilità per riportare i Sibillo al centro dei Decumani. Il primo modo per farlo era fare la guerra e quindi affidarsi a persone che non avevano scrupolo. Per questo Luca Capuano, Ciro Contini e Francesco Pio Corallo detto “’o nonno” diventarono i tre capi. L’altro modo era fare soldi per armare i killer delle stese e degli agguati. Così si alzarono i prezzi per le estorsioni che venivano eseguite a tappeto, partendo dai più grandi, come Di Matteo, la pizzeria finita sotto scacco della camorra per anni, come hanno raccontato i titolari che hanno permesso l’arresto di quattro esponenti dei Sibillo, tra i quali il capoclan Vincenzo. 

CONTINUA A LEGGERE SUL GIORNALE ONLINE