NAPOLI. Diverse scosse di terremoto si sono susseguite da stamne e più di una è stata avvertita dalla popolazione nella zona di Pozzuoli e nei quartieri dell'area flegrea di Napoli. Sia a Pozzuoli che a Napoli Ovest evacuate le scuole. L'epicentro sarebbe nella zona di via Pisciarelli ad Agnano, a ridosso proprio della Solfatara. In molti per precauzione sono usciti da case e uffici. Sono state almeno due le scosse avvertite, la più forte poco dopo le 11 vicino al terzo grado della scala Richter. Gli esperti, ricordando che sono 4 anni che scosse telluriche non avvenivano nella zona, hanno parlato chiaramente di un lieve ritorno del fenomeno del bradisismo.

Ecco il comunicato della Protezione Civile della Campania:

Uno sciame sismico (31 gli eventi registrati come comunicato da INGV-Osservatorio Vesuviano alle 11.40) è in atto da questa mattina nella zona flegrea. Almeno quattro scosse (la cui magnitudo massima è stata di 2.5) sono state avvertite dalla popolazione.

Lo conferma la Protezione civile della Regione Campania che si tiene in costante contatto con il Dipartimento Nazionale della Protezione Civile e con l'Osservatorio vesuviano dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia  che stanno  seguendo la situazione. Le scuole prossime all'area interessata hanno attuato, in via precauzionale, il piano interno di evacuazione.

La Sala operativa della stessa protezione civile si tiene in stretto collegamento anche con i Comuni di Napoli e Pozzuoli per assicurare eventuali richieste supporto. Il fenomeno interessa principalmente la zona di Agnano (località Pisciarelli) e di Pozzuoli. Collegamenti sono in corso anche con la Casa Circondariale di Pozzuoli per il costante aggiornamento sull’evoluzione dei fenomeni per l'eventuale attuazione delle procedure interne del caso.