Giovedì 24 Maggio 2018 - 0:18

Lapis, riapre la cavità sotterranea della Basilica di Pietrasanta

Un suggestivo percorso multisensoriale realizzato grazie all’impegno dell’associazione Pietrasanta Polo Culturale Onlus e dell’azienda Phantasya

NAPOLI. Taglio del nastro presso la Basilica di Santa Maria Maggiore alla Pietrasanta per la mostra “Lapis, i segreti della Pietrasanta. Dalla Fabrica Ecclesiae a una grande Fabbrica della cultura”. Il percorso è stato presentato alla stampa e alle istituzioni da Sua Eminenza il Cardinale Crescenzio Sepe Arcivescovo di Napoli, da Monsignore Vincenzo De Gregorio Rettore della Basilica della Pietrasanta e da Raffaele Iovine Presidente dell’Associazione “Pietrasanta” Onlus.

L’installazione permanente che riapre la cripta e la cavità sotterranea della Basilica al pubblico con un suggestivo percorso multisensoriale è stata realizzata grazie all’impegno dell’associazione Pietrasanta Polo Culturale Onlus e dell’azienda Phantasya.

«È stato realizzato un qualcosa che fino a poco tempo fa sembrava impensabile. Essere riusciti a dare nuovamente un'anima a questo luogo è un miracolo» ha dichiarato il cardinale Crescenzio Sepe. «Questa è una delle tante eccellenze di Napoli - ha sottolineato Sepe - che fanno onore a tutti noi. Quando le forze buone e sane di questa città si mettono insieme, è possibile raggiungere risultati straordinari. Miriamo, infatti, a diventare un punto di riferimento per i visitatori, che tra l'altro crescono vertiginosamente di anno in anno, attraverso un percorso culturale e religioso che parta dalle Catacombe di San Gennaro, attraversi il rione Sanità, arrivi fino al Duomo e si concluda alla Pietrasanta. C'è tanta ricchezza da scoprire».

L’apertura del percorso Lapis è il completamento di un lungo progetto di riqualificazione del sito, iniziato con la riapertura della Basilica nel 2007, grazie all’operato del Monsignore Vincenzo De Gregorio, continuato con le attività e manifestazioni culturali organizzate dalla nuova gestione del Polo Pietrasanta e culminato con l’inserimento della Pietrasanta fra i siti Unesco della città di Napoli.

«Dopo la guerra - ha spiegato monsignor Vincenzo De Gregorio - c'era l'idea di abbattere tutto e costruirvi un parcheggio che servisse il vicino Policlinico di Napoli. Dopo il sisma, invece, era letteralmente passata in possesso dei ragazzi del quartiere. Siamo riusciti a riaprirla e il visitatore oggi potrà venire qui anche per assistere a mostre temporanee, attività musicali, presentazioni letterarie, convegni, azioni di supporto alle università, oltre al magnifico percorso Lapis».

«Questo progetto - spiega Raffaele Iovine, presidente dell’associazione Pietrasanta Onlus – si realizza grazie a una cultura d'impresa, con gli imprenditori che devono investire i propri capitali se credono nella loro idea. Per me è stata una scelta inevitabile riuscire a raccogliere tutte le risorse giuste perché il progetto Pietrasanta si realizzasse: ad eccezione della facciata esterna, i cui interventi sono stati finanziati dal pubblico, tutto il restauro di questa struttura è stato finanziato al 100% dai privati. E così riscopriamo un luogo fantastico, la Pietrasanta, situato in un posto nevralgico per l'interesse culturale e turistico". Iovine aggiunge, poi, che uno degli obiettivi dell'Associazione è quello di "creare lavoro per i nostri giovani. Già 15 oggi sono impegnati alla Pietrasanta e speriamo di dare un'occupazione ad altrettanti ragazzi».

Le attività organizzate per valorizzare l’ipogeo e i cunicoli sottostanti hanno per risultato la creazione di un percorso fruibile, che fornirà al pubblico una visione completa dell’intero impianto basilicale e che dimostrerà quanto ancora ha da raccontare e affascinare l’incredibile sito della Pietrasanta e il sottosuolo di Napoli.

 

18:41 23/04

di Redazione


Inserisci un commento


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
SCATTI DI BIRRA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
SCATTI DI BIRRA
di Alfonso Del Forno