Martedì 19 Settembre 2017 - 17:29

Mann, il Premio Lamberti a Paolo Giulierini. Direzione dell'Archeologico affidata ad interim ad Anna Imponente

Sentenza Tar, solidarietà del direttore del Museo di Capodimonte, Bellenger, al manager sospeso: «Tempesta in un bicchiere d'acqua, sono sicuro che tutto si risolverà»

NAPOLI. Premio sulla Responsabilità Sociale Amato Lamberti assegnato a Paolo Giulierini (nella foto), già direttore del Museo Archeologico Nazionale di Napoli. L'assegnazione del riconoscimento è arrivata prima della sentenza del Tar che ha sospeso il manager dalla direzione del MANN. Al suo posto, ad interim, è stata nominata Anna Imponente. Gli organizzatori della quarta edizione del premio, l'Associazione Jonathan onlus e il Gruppo di Imprese sociali Gesco, confermano l'assegnazione e «vogliono esprimere la loro totale e sincera solidarietà al manager e archeologo toscano, confidando che possa presto tornare a dirigere l'Archeologico». Al manager andrà il premio speciale “Napoli Città Solidale” per la Cittadinanza sociale, «per aver reso il Mann un luogo aperto alla città e a tutti i cittadini - ai bambini, ai migranti, alle persone ipovedenti e non vedenti, a quelle con altre disabilità - interpretando concretamente la cultura come un concetto ampio e trasversale, con uno spirito solidale e attento alle dinamiche di una società complessa e in costante trasformazione». La consegna si terrà il prossimo 23 settembre nel Centro Studi Europeo di Nisida.

LA SOLIDARIETA' DI BELLENGER. «Sono sicuro che si troverà una soluzione e credo che, come tante cose in Italia, alla fine si rivelerà essere una tempesta in un bicchiere d'acqua. Certo, si tratta davvero di una situazione assurda». Messaggio di solidarietà anche dal direttore del Museo di Capodimonte, Sylvain Bellenger, commentando la sentenza del Tar del Lazio che ha annullato la nomina di 5 dei 20 direttori di importanti musei italiani scelti nel 2015 dal Ministero dei Beni culturali, tra questi quella dell'ex manager del Mann. «A Paolo Giulierini rivolgo il mio sostegno, la mia amicizia e la mia ammirazione totale. È un direttore bravissimo che ha dimostrato un'energia e una passione per il suo lavoro che non ho visto spesso in questo mestiere, e sono sicuro che tornerà presto a fare il suo lavoro». Riflettendo sulla situazione che si è creata con la decisione del Tar del Lazio, il francese Bellenger non esita a definire il tutto «molto confuso. È assurdo - spiega - pensare che direttori di musei, medici, professori, direttori d'orchestra, mestieri che richiedono particolari competenze, non possano essere europei. Sono sicuro - conclude - che la situazione si risolverà. In Italia c'è gusto per l'agitazione, ma alla fine vince l'intelligenza».

17:02 29/05

di Redazione


Inserisci un commento

Rubriche

IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI DEL "ROMA"
di Mimmo Sica
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)