Mercoledì 23 Gennaio 2019 - 14:41

Boccia: «Manovra debole, va cambiata»

Il leader di Confindustria a margine del suo intervento dal palco dei giovani imprenditori a Capri

"La manovra è debole sulla crescita e va cambiata. A nostro avviso è ancora correggibile ma i tempi sono stretti". Così il leader di Confindustria, Vincenzo Boccia a margine del suo intervento dal palco dei giovani imprenditori a Capri, richiama il governo a "riattenzionare" la manovra economica. "Se tra qualche mese quello che dice il governo non accade e questo risultato di crescita non arriva, il problema non sarà stato l'agenzia di rating ma il circolo vizioso tra deficit e debito per cui questa manovra diventa insostenibile e inspiegabile", incalza. Il problema, infatti, ripete, "non è di quanto sforiamo in termini di deficit ma di quanto cresciamo". E' questo, infatti, il punto vero: "di quanto cresciamo e se davvero cresciamo perchè la politica si misura dai risultati non dagli obiettivi", sottolinea.

MOODY'S - Il presidente di Confindustria commenta quindi il declassamento del rating dell'Italia da parte di Moody's: "E' evidente - dice - che sia la lettera della Commissione europea che il declassamento di Moody's era nelle cose. Ora la sfida che il governo deve fare propria è nella crescita, spiegando l'analisi di impatto di questa manovra, correggerla, postando più risorse sulla crescita". "Il governo vuole definire una sfida che è quella di crescere pur sforando di un 1 punto percentuale il rapporto deficit-pil e attraverso la crescita rendere sostenibile questa manovra su cui, aggiungiamo noi, ci si gioca anche la credibilità del governo. Questo cambierebbe il paradigma di pensiero: cioè partirebbe dagli effetti sull'economia reale. Ma per farlo occorrerebbe spiegare bene qual'e' il fattore di crescita che è in questa manovra che ad oggi non è chiaro", prosegue. Per Boccia, infatti, "le risorse in valore assoluto non fanno sperare bene". Per questo, aggiunge, "occorre cogliere e lanciare una sfida al governo" aprendo " un grande confronto sulla crescita". "I tempi sono stretti anche date le agenzie di rating ma il Paese ha grandi potenzialità. Se ce la fa sulla crescita e se tra qualche mese cominceremo a crescere in termini di occupazione ed export, l'Italia avrà vinto la grande stagione riformista europea. Se non ce la fa perchè usa le risorse solo per fare deficit e debito strutturale evidentemente la partita sarà persa", conclude.

13:33 20/10

di Redazione


Inserisci un commento


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

REPORTACI
di Automobile Club Napoli
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale