«Oggi abbiamo bisogno soprattutto di semplificazione amministrativa. Non tutte le procedure necessarie sono partite, ma ci troviamo di fronte a un buon periodo per il turismo. Pertanto, questa dei distretti turistici è una grande opportunità da sfruttare».
Lo ha detto Felice Russillo, presidente Distretto turistico Alta Irpinia, a margine della presentazione dei Distretti Turistici della Campania alla Borsa Mediterranea del Turismo 2018.
«C’è anche una grande differenza rispetto al passato – aggiunge –: che consiste in una maggiore attenzione per le aree poco valorizzate. Il Distretto Turistico, in quest'ottica, è uno strumento importante per far conoscere queste zone».
Della stessa opinione anche Antonella Giglio, presidente del Distretto Turistico Atargatis e consigliere delegato Confapi turismo Campania: «In Campania ci sono ventiquattro distretti turistici sui 50 che sono stati creati su tutto il territorio nazionale: è un grande successo e una grande responsabilità per noi».
«Il momento è decisivo, visto anche che l’industria turismo sta diventando una percentuale di Pil importante per la regione e per il mercato del lavoro – ha concluso –. Mettere a sistema i distretti, creare un network delle eccellenze locali è una sfida che può davvero imprimere una svolta ai ritmi di crescita del territorio».