Martedì 16 Ottobre 2018 - 7:28

All'Onu con la figlia, Jacinda fa la storia

È la prima leader mondiale a partecipare all'evento che riunisce i capi di Stato e di governo di buona parte dei Paesi del mondo con la sua neonata al seguito

Si è presentata all'Assemblea generale dell’Onu a New York portando con sé la figlia di appena tre mesi. La premier neozelandese Jacinda Ardern scrive così un pezzo di storia, diventando la prima leader mondiale a partecipare all'evento che riunisce i capi di Stato e di governo di buona parte dei Paesi del mondo con la sua neonata al seguito.

Nata lo scorso 21 giugno, la piccola Neve è stata tenuta in braccio dal papà Clarke Gayfordche si occupa a tempo pieno della bimba, mentre la mamma teneva un discorso al Nelson Mandela Peace Summit. Poco prima le immagini hanno mostrato una Ardern sorridente che giocava con la figlia nella sala dell'Assemblea Generale.

Dopo l'incontro, il portavoce delle Nazioni Unite Stephane Dujarric ha elogiato Ardern per "aver dimostrato che nessuno è più qualificato a rappresentare il suo paese di una madre che lavora". "Solo il 5% dei leader mondiali sono donne, quindi dobbiamo renderle le benvenute il più possibile", ha detto.

La premier è tornata a lavorare ai primi di agosto, dopo sei settimane di congedo di maternità. Poiché continua ad allattare la figlia ha voluto che Neve fosse con lei, durante il viaggio di sei giorni negli Stati Uniti e Gayford, un presentatore televisivo di un programma sulla pesca, l’ha accompagnata per occuparsi della bambina.

Ai microfoni di Today, sulla rete americana Nbc, alla domanda se sia più difficile governare la Nuova Zelanda o portare sua figlia su un volo di 17 ore, Ardern sorridendo ha risposto che al momento i due impegni sono "alla pari" e ha detto di essersi scusata in anticipo con i suoi compagni di viaggio. Poi ha spiegato che il ruolo da primo ministro ha "soddisfatto le mie aspettative", ma la gioia che le ha procurato la nascita di Neve "le ha superate di gran lunga".

Dalla settimana scorsa, in Nuova Zelanda, la legge consente al primo ministro o ai ministri di viaggiare con una baby sitter, negli incarichi all’estero, e far coprire le spese dal contribuente. Tuttavia, Ardern ha fatto sapere che i biglietti del compagno e le spese sarebbero state pagate di tasca propria, perché gli eventi a cui Gayford deve partecipare in quanto partner ufficiale sono pochi e la maggior parte del suo tempo sarebbe stata dedicata a Neve.

Gayford ha postato su Twitter una foto del pass di sicurezza di Neve, che recita "first baby". "Avrei voluto poter catturare lo sguardo sorpreso di una delegazione giapponese che è entrata in una sala riunioni nel bel mezzo di un cambio di pannolino. Sarà un grande racconto per il suo 21esimo compleanno", ha scritto nel post.

Seconda leader mondiale a partorire mentre è in carica, dopo la premier pachistana Benazir Bhutto, Arden all'Assemblea Onu ha fatto quello che l'eurodeputata del M5S Daniela Aiuto fece nel 2015, presentandosi nell'aula del Parlamento europeo a Strasburgo con il figlio di pochi mesi in braccio. Prima di lei, il 22 settembre 2010, un'altra eurodeputata italiana, Lucia Ronzulli, aveva portato in occasione della sessione plenaria la figlia di appena 44 giorni per rivendicare maggiori diritti per le donne per conciliare vita professionale e familiare.

15:27 25/09

di Redazione


Inserisci un commento


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano