Mercoledì 21 Novembre 2018 - 4:46

Elezioni, de Magistris lancia coalizione: se mi candido, resto sindaco di Napoli

Appello alla società civile, al mondo dei movimenti, delle associazioni: è giunta l'ora della costruzione di un fronte popolare democratico

NAPOLI. Il sindaco di Napoli e presidente del movimento politico Dema, Luigi de Magistris, lancia la sfida "per una nuova coalizione politica". Lo fa con un appello pubblico "rivolto alla società civile, al mondo dei movimenti, delle associazioni". Scrive de Magistris: "E' giunta l'ora della costruzione di un fronte popolare democratico, senza confini politici predeterminati, senza recinti tradizionali. Non è un quarto polo, non si deve ricostruire il collage delle fotografie già viste e sconfitte. E' il luogo questo in cui l'ingresso è vietato solo a mafiosi, corrotti, corruttori, fascisti e razzisti. Per il resto è vietato vietare".  Il leader di Dema sottolinea come "la nuova coalizione non sarà la sommatoria delle esperienze della vecchia sinistra, ma si apre a un campo molto più largo: persone che ogni giorno sono in lotta per i diritti, che lottano per la difesa dei territori dalle distruzioni ambientali e dalle opere pubbliche dannose, che resistono contro le organizzazioni criminali e contro le mafie di Stato. Organizzazioni di base, associazioni, comitati, movimenti, militanti politici, sindaci, amministratori, eletti dal popolo che provano ogni giorno, pagando anche sulla propria pelle il prezzo di ogni forma di violenza, da quella fisica a quella istituzionale, a rimuovere gli ostacoli che impediscono la realizzazione dell'uguaglianza e della giustizia", si legge nell'appello. Lo sguardo più immediato è a ciò che sta accadendo in Europa: "Siamo per un'Europa dei diritti e dei popoli - scrive de Magistris - per fermare l'Europa dei fascismi, degli egoismi, delle mura e del filo spinato, per cambiare anche l'Europa delle oligarchie e delle tecnocrazie". De Magistris da appuntamento a sabato 1° dicembre alle ore 10 al Teatro Italia a Roma per un incontro nazionale: "Per costruire una coalizione pronta per ogni sfida per realizzare libertà, uguaglianza, solidarietà e giustizia. Da qui si parte uniti per un lungo viaggio per consolidare la resistenza e per organizzare il contrattacco", conclude il sindaco di Napoli. 

RESTO SINDACO DI NAPOLI. Anche in caso di candidatura in prima persona alle europee "non lascerò il ruolo di sindaco di Napoli". Lo assicura Luigi de Magistris, che oggi ha lanciato un appello per la costruzione di "un'ampia coalizione, un fronte democratico e popolare nuovo". De Magistris spiega che "anche se si dovesse registrare un entusiasmo talmente contagioso da metterci anche il mio corpo e la mia carta d'identità, lo farei per guidare una coalizione ma non per lasciare Napoli". Sabato 1° dicembre, al Teatro Italia di Roma, si terrà un incontro nazionale proprio per discutere della proposta di coalizione. Entro quella data, sottolinea de Magistris, "bisognerà sciogliere molti nodi. Se anche un solo nodo resterà sciolto, noi non ci saremo. Le condizioni che mettiamo per esserci sono molto alte - aggiunge - non ci piacciono volti già visti, persone che hanno tradito, non ci interessa creare un quarto polo della sinistra. Parliamo a tutti quelli che hanno la voglia di lottare non più solo per difendere la Costituzione, ma per attuarla e per dimostrare che il laboratorio Napoli può essere un punto di riferimento per il nostro Paese e per la nostra Europa". 

11:48 6/11

di Redazione


Inserisci un commento


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici