Sabato 15 Dicembre 2018 - 11:14

Salvini torna all'attacco di Saviano

Dal palco della Festa della Lega a Cervia, il vicepremier e ministro dell'Interno è tornato ieri sera a parlare dello scrittore senza mai nominarlo

Dopo l'annuncio della querela, nuovo affondo di Matteo Salvini contro Roberto Saviano. Dal palco della Festa della Lega a Cervia, il vicepremier e ministro dell'Interno è tornato ieri sera a parlare dello scrittore senza mai nominarlo. "Sono al governo da due mesi - ha detto il leader del Carroccio - e mi hanno denunciato circa 35 volte. Un record: insulti, minacce, di tutto. Non ho querelato quasi nessuno. Ne ho querelato uno - ha spiegato riferendosi all'autore di 'Gomorra' -, ma non perché ce l'ho con lui ma perché mi puoi contestare ma non ti puoi permettere di dire che aiuto la mafia, la camorra, la 'ndrangheta perché prima ti sciacqui la bocca. Perché io - ha sottolineato - la mafia, la camorra, la 'ndrangheta la voglio vedere finire sul fondo del mare in mutande e voglio portargli via fino all'ultimo centesimo".

Parlando delle polemiche seguite all'annuncio della querela, Salvini ha raccontato: "Mi hanno detto alcuni giornalisti come sia incredibile che un ministro dell'Interno abbia denunciato uno scrittore" che ha espresso delle idee. Salvini si è quindi interrotto. Alla ripresa del discorso è arrivato l'affondo contro Saviano: "Scrittore... un copiatore". "Ma come delle idee? Mi ha dato del delinquente, dell'assassino e del mafioso - ha continuato il vicepremier - non è un modo diverso di pensare il mondo".

Il leader della Lega è anche tornato a parlare della questione scorta. "Fortunatamente non decide il ministero dell'Interno. Decidono gli uffici competenti in base ad analisi tecniche", ha precisato Salvini, sottolineando come sia giusto che scelte simili non siano fatte "su criteri politici o su simpatia e antipatia". "Vi posso dire - ha aggiunto rivolgendosi alla platea - che ho chiesto di dare un occhio non ad una ma a tutte le 600 scorte perché un bel po' non servono a niente e a nessuno e tolgono dalle strade 2000 poliziotti e 2000 carabinieri". "Poi quel signore lì - ha detto ancora riferendosi a Saviano - sicuramente sarà a rischio e la scorta se la terrà , non dipende da me. Non fatemi litigare - ha concluso -, sono in vacanza".

12:51 5/08

di Redazione


Inserisci un commento


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno