Venerdì 15 Dicembre 2017 - 3:28

Vertice a Versailles, «serve Ue a più velocità»

Gentiloni incontra il presidente francese Hollande, il premier spagnolo Rajoy e la cancelliera tedesca Merkel

VERSAILLES. L'Italia nella discussione sul futuro dell'Unione "prenderà posizione per una Ue più integrata, ma che possa consentire diversi livelli di integrazione". Lo sottolinea il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, a Versailles a margine dell'incontro con il presidente francese Francois Hollande, il premier spagnolo Mariano Rajoy e la cancelliera tedesca Angela Merkel in vista del Consiglio Europeo del 9 e 10 marzo e del vertice di Roma del 25 marzo. . "Perché - afferma- è giusto e normale che i Paesi possano avere ambizioni diverse e che l'Unione possa dare a queste ambizioni diverse risposte diverse, mantenendo un progetto comune". 

 
"Le scelte che l'Ue deve fare sono anzitutto sul terreno economico e sociale. Abbiamo bisogno di un'Europa sociale, che guardi alla crescita e agli investimenti", aggiunge durante le dichiarazioni alla stampa. "Abbiamo bisogno di un'Europa in cui chi rimane indietro non consideri l'Europa come una fonte delle proprie difficoltà, ma come una possibile risposta alle proprie difficoltà, e non siamo ancora a questo livello".

Merkel, in vista del vertice di Roma, apre ancora ad un uso più esteso nell'Ue dello strumento della cooperazione rafforzata, più conosciuta come 'Europa a due velocità', sottolineando che queste cooperazioni più intense tra alcuni Paesi su determinati temi devono essere inclusive, "aperte", e non "chiuse", esclusive.

"Dobbiamo avere il coraggio di accettare -dice- che alcuni Paesi vadano avanti più rapidamente di altri. Queste cooperazioni rafforzate devono rimanere aperte a coloro che sono un pochettino più indietro, non devono essere una cosa chiusa per coloro che sono un po' indietro. Però dobbiamo poter andare avanti. Serve un'Europa più coerente, più forte, che preservi le diversità regionali e le tradizioni, una diversità - conclude - che può essere una forza".

Hollande evidenzia che "l'unità" dell'Europa "non significa uniformità. Per questo chiedo che ci siano delle nuove forme di cooperazione per dei progetti nuovi, delle cooperazioni differenziate, che facciano in modo che alcuni Paesi possano andare più veloci e più lontano, in campi come la difesa, la zona euro approfondendo l'unione economica e monetaria, come l'armonizzazione fiscale e sociale, come la cultura, come gli scambi a livello della gioventù".

Occorre, continua Hollande, "che alcuni Paesi possano andare più forti e veloci senza che gli altri siano lasciati da parte, ma senza che altri possano opporsi. E' quindi molto importante che mostriamo della solidarietà a 27, ma ugualmente una capacità di avanzare a ritmi differenti tra i Paesi che compongono l'Ue a 27".

21:20 6/03

di Redazione


Inserisci un commento


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli