Venerdì 20 Aprile 2018 - 2:54

Sanità, Caldoro all'attacco: quel decreto è mio, da De Luca truffa mediatica

NAPOLI. «Non si possono imbrogliare giornalisti e cittadini per dire cose false. Il mio pensiero era che De Luca avesse fatto nuove assunzioni nella sanita' invece parlava di un decreto fatto da me, così facendo sta imbrogliando e non e' bene partire con un imbroglio». Cosi' il capo dell'opposizione in consiglio regionale Stefano Caldoro nel corso di una conferenza stampa nella sede del consiglio regionale al Centro Direzionale di Napoli. L'ex governatore fa riferimento ad un decreto dell'11 maggio 2015 quando Caldoro era ancora a capo della giunta regionale. «Oggi parliamo attraverso le carte - aggiunge - mentre dietro le parole ci sono spesso truffe mediatiche». Per l'ex governatore Stefano Caldoro, la conferenza stampa indetta due giorni fa dal presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca sulla sanità è stata una «truffa mediatica». «Sulla disabilità De Luca parla di cifre ridicole. Noi abbiamo dato 17.5 milioni di euro alla disabilita'. Una somma stabile, per tutti i cinque anni del mio governo. Si è detto che era poco ed e' vero, non ne avevamo di più ma oggi la proposta dell'attuale giunta non e' di destinare i 100 milioni che avevano promesso in campagna elettorale ma soltanto 15 e pure incerti. Questa è una cifra ridicola e un'offesa nei confronti dei bisognosi», dice. Sul tema della disabilità, spiega poi che «oltre 6 di quei 15 milioni deriverebbero dalla vendita di Caremar, quindi per l'ennesima volta da qualcosa che spetta all'amministrazione precedente».

Scandalo rifiuti in Campania, maximulta all'Italia

ROMA. A causa dell'inesatta applicazione della direttiva sui rifiuti in Campania, l'Italia è stata condannata a pagare una somma forfettaria di 20 milioni ed una penalità di 120 mila euro per ciascun giorno di ritardo. Lo ha deciso la Corte di giustizia europea del Lussemburgo. La direttiva relativa ai rifiuti ha l'obiettivo di proteggere la salute umana e l'ambiente. Gli Stati membri hanno il compito di assicurare lo smaltimento e il recupero dei rifiuti, nonché di limitare la loro produzione, in particolare promuovendo tecnologie pulite e prodotti riciclabili e riutilizzabili. Essi devono in tal modo creare una rete integrata ed adeguata di impianti di smaltimento, che consenta all'Unione nel suo insieme e ai singoli Stati membri di garantire lo smaltimento dei rifiuti. 

Tav, terza riapertura del cantiere di Afragola

AFRAGOLA. Ripresi i lavori per la nuova stazione alta velocità Napoli Afragola. Sopralluogo oggi del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio, al cantiere di Afragola. Nel corso della visita Maurizio Gentile, Amministratore Delegato di Rete Ferroviaria Italiana e Matteo Triglia, Amministratore Delegato di Italferr, hanno illustrato al Ministro lo stato dell'arte. Presenti anche Vincenzo De Luca Presidente della Regione Campania, Domenico Tuccillo Sindaco di Afragola e Paolo Astaldi Presidente del Gruppo Astaldi. Entro il primo trimestre 2017 terminerà la prima fase dei lavori. La nuova stazione Napoli Afragola AV sarà così utilizzabile dai viaggiatori. Il completamento delle opere funzionali per i servizi commerciali avverrà per fasi, negli anni successivi. «Questa stazione è un'opera strategica per la Campania, ci siamo dati subito da fare per non perdere il finanziamento e riavviare la progettazione e le procedure per la gare: c'eravamo visti già al ministero con il sindaco e dirigenti delle Ferrovie», ha detto De Luca. «Siamo impegnati a fare in modo che le cose che diciamo avvengano - ha spiegato Delrio -. Questa deve essere la volta buona è un impegno che abbiamo preso con il Paese».

Regione, De Luca vende la sua auto

NAPOLI. Il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca ha dato disposizione agli uffici affinché provvedano all'immediata vendita dell'autovettura di lusso che ha trovato in dotazione alla presidenza della Regione Campania. Fin dalla prossima settimana il presidente De Luca utilizzerà una vettura molto più sobria, non di lusso e di cilindrata inferiore, per i suoi spostamenti istituzionali. «Sobrietà e rigore per tutti, a cominciare dal presidente», scrive su Facebook. Il taglio delle auto blu era già iniziato con la precedente giunta Caldoro, che aveva ridotto sensibilmente il parco auto mettendone all'asta 13.

Regione, ecco la Giunta di De Luca: «Subito al lavoro»

NAPOLI. Dopo avere annunciato i nomi, il governatore Vincenzo De Luca firma i decreti di nomina e presenta ufficialmente la sua squadra. «Ho usato il criterio di piena autonomia nell'esercizio pieno delle mie funzioni istituzionali. Devo dare atto alle forze politiche della coalizione e alle liste che hanno sostenuto la mia candidatura di avermi aiutato nella scelta e nel non aver rivendicato nulla», dice il governatore. Poi subito i temi operativi. «Cercheremo di non perdere le risorse europee. È stato deciso di finanziare progetti presentati da centinaia di Comuni ma il vincolo da rispettare è rendicontare la spesa entro dicembre 2015 oppure il rischio è il definanziamento. In questo caso si determinerebbe una responsabilità diretta delle imprese che si sono aggiudicate le gare. Questa sera ci sarà una riunione per ripensare un piano di sviluppo rurale. Non possiamo perdere 400 milioni di euro».

Consiglio regionale, D'Amelio presidente. De Luca: «Ora subito al lavoro». Caldoro ironico: «Sei assessorati, è un record»

NAPOLI. Rosetta D'Amelio (PD) è il nuovo presidente del consiglio regionale della Campania. Alla D'Amelio 49 voti, una preferenza è stata espressa per Casillo, quindi la scheda si annulla, una la scheda bianca. È stata eletta nella prima seduta attualmente in corso.  «È una responsabilità grande che dovrò assumere nel guidare il Consiglio. Sarò una presidente imparziale al servizio del consiglio regionale della Campania, una terra meravigliosa, la più importante del Mezzogiorno, ma che vive un momento di grande difficoltà per la crisi soprattutto dell'apparato industriale. La Campania è anche una regione di grande eccellenza, con beni ambientali e culturali che fanno invidia al mondo e che ha bisogno di ritrovare il proprio orgoglio. La regione deve tornare nell'agenda politica nazionale, dobbiamo farcela». Eletti vicepresidenti Tommaso Casillo (Campania LIbera) ed Ermanno Russo (Forza Italia). Segretari Flora Beneduce (Forza Italia) e Vincenzo Maraio (Psi). Poi tocca al governatore De Luca:«Comincia da questa sera la fase di piena operatività dell'amministrazione regionale. Buon lavoro a Rosetta D'Amelio, persona di grande qualità. Ringrazio Stefano Caldoro per i 5 anni passati al servizio della Regione. I problemi che abbiamo di fronte, oggi, sono pesanti, impegnativi e richiederanno un grande sforzo». E Caldoro è critico: «Fare sei assessori per due assessorati è un record. Questa non è proprio la cosiddetta linea del rigore. Adesso vedremo la Giunta all'opera. Se ci sarà da smascherare bugie lo faremo, se ci saranno provvedimenti nell'interesse della Campania ci saremo»

Avvisi di garanzia, dietrofront di De Luca: «Solo una battuta»

NAPOLI. «Una mia battuta scherzosa, pronunciata a Città della Scienza nell'ambito di considerazioni relative alla “paura della firma", ed alla fuga dalla responsabilità presente nella Pubblica Amministrazione, è stata riportata incredibilmente da alcuni organi di informazione in termini d'attacco alla magistratura, in modo tale da falsare completamente il mio pensiero». Così, in una nota il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca. «Ribadisco - sottolinea il presidente - il mio pieno rispetto per la magistratura, per la sua autonomia e per la funzione di controllo della legalità. È' un rispetto da me affermato da sempre ed in ogni circostanza, e confermato dalla mia rinuncia alla prescrizione in procedimenti a mio carico. Legalità e trasparenza saranno alla base dell'impegno della nuova Amministrazione regionale, e nulla hanno a che vedere con l'impegno a superare la 'sottocultura' del comitatismo e la 'mummificazione del territorio', che ostacola ed in certi casi blocca il lavoro di trasformazione urbana, le opere di architettura moderna che in altri Paesi (anche per il progetto del Museo della Scienza di Bagnoli) sono una straordinaria occasione di crescita economica, turistica e culturale», conclude il presidente De Luca. 

Regione, De Luca ha nominato la Giunta:
6 le donne, Bonavitacola il vice

NAPOLI. Stamane il governatore Vincenzo De Luca si è insediato a Palazzo Santa Lucia. Il primo atto è la nuova giunta. Fulvio Bonavitacola è il vice governatore. La nuova giunta regionale è praticamente al femminile. Sei donne e due uomini: Livia D'Alessio va al Bilancio, Valeria Fascione all'internalizzazione e start up, Lucia Fortini alla scuola e pari opportunità, Chiara Marciani a Lavoro e formazione, Sonia Palmieri a risorse umane e territorio, Livia Angioli ai fondi europei, Amedeo Lepore all'attività produttive. Una giunta snella e che sarà operativa dopo il consiglio regionale di giovedì. Abbiamo un compito durissimo e dovremo lavorare intensamente. Nominati anche i consiglieri del presidente: sono Francesco Caruso, per i rapporti internazionali; Paolo De Ioanna, per i rapporti con le amministrazioni centrali; Sebastiano Maffettone, all'organizzazione culturale; Mario Mustilli, consigliere finanziario. Capo di gabinetto sarà Sergio De Felice

De Luca raddoppia: secondo ricorso contro Renzi

NAPOLI. Il presidente eletto della Regione Campania, Vincenzo De Luca, raddoppia. Dopo il ricorso presentato ieri al Tribunale civile di Napoli contro il decreto della presidenza del Consiglio dei Ministri che sospende De Luca in applicazione della legge Severino, è stato depositato poco fa, sempre al Tribunale civile, un ricorso d'urgenza ex articolo 700 del codice di procedura civile per ottenere la sospensiva del provvedimento governativo in via celere. L'avvocato Lorenzo Lentini ha depositato poco dopo le 12,40 al tribunale di Napoli il nuovo ricorso che «servirà per avere una decisione in breve tempo», spiega il legale. E a Radio Kiss Kiss il governatore attacca: «È del tutto evidente che in un paese democratico e civile decidono gli elettori. Questa vicenda ha messo in luce le contraddizioni e la farraginosità giudirica della legge Severino. Se qualcuno chiede di modificare la Severino, c'è paura ad affrontare la situazione e ci si impicca a queste paure».

Regione, salta la seduta del Consiglio

NAPOLI. La conferenza dei capigruppo ha annullato la seduta del consiglio regionale prevista per domani. Il caso De Luca ha portato alla decisione. Domani il governatore presenterà ricorso contro la sospensione disposta dal premier Matteo Renzi in ottemperanza alla legge Severino

Pagine


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
SCATTI DI BIRRA
di Alfonso Del Forno