Domenica 24 Settembre 2017 - 23:02

Morte di Danton: è grande spettacolo

Il dramma di Büchner in scena al Politeama per la regia di Mario Martone

La rivoluzione francese al teatro “Politeama” di Napoli

Amicizia, amore e rivoluzione. Questi sono i tre elementi più presenti che mai in “Morte di Danton” di Georg Büchner, tradotto da Anita Raja e diretto da Mario Martone e fino al 7 maggio al teatro “Politeama”, in via Monte di Dio. Tra i trenta attori in scena, anche Paolo Pierobon, nelle vesti di Robespierre, Giuseppe Battiston, con il suo Danton, e Fausto Cabra, che ha interpretato il violento Saint-Just.

Il Terrore, periodo di grande povertà e sacrifici per i francesi, subito dopo la rivoluzione francese, fa da sfondo all’antagonismo tra le due differenti idee di rivoluzione di Danton e di Robespierre. Il primo, deciso a lottare contro la violenza del Terrore, sostiene che la rivoluzione debba diventare strumento per l’emancipazione del popolo; il secondo giudica, invece, necessario mantenere il potere e dominare su tutti. Sarà proprio questo scontro di idee che porterà Robespierre e i suoi a scagliare la gente contro Danton e a condannarlo alla ghigliottina, insieme a tutti i suoi seguaci moderati.

Lo spettacolo, della durata di tre ore e suddiviso in due atti, è animato dalla particolare scenografia, composta da pochi oggetti e sipari rossi che definiscono li diversi ambienti  - la casa di Danton, il tribunale, le strade di Parigi, la prigione - e talvolta seguono il mondo interiore del protagonista, incrementando l'enfasi della scena.

Lunghi monologhi e dialoghi complessi tra i protagonisti rivoluzionari sono intervallati da scene di vita quotidiana nelle strade, spesso svolte tra il pubblico. Sono proprio questi ritmi alti e bassi che catturano l'attenzione dello spettatore nonostante l'opera risulti complessa nei concetti e la vicenda proceda si sviluppi lentamente.

Eccellente l'interpretazione: ogni personaggio ha una propria caratterizzazione, perfettamente in armonia con tutti gli altri.

Malgrado la non eccellente acustica del teatro e l'eccessivo riverbero, soprattutto nelle scene tra il pubblico, i dialoghi risultano comprensibili, pur se difficoltosi da cogliere nelle scene a “fondo palco”.

Altro punto di merito è nei costumi, realizzati da Ursula Patzak e nelle luci di Pasquale Mari che hanno contribuito a realizzare diverse atmosfere, talvolta cupe, come nello studio di Robespierre, talvolta sensuali, come le scene iniziali, e talvolta inquietanti, come nella scena finale, in cui la micidiale ghigliottina diventa protagonista assoluta, nella sua solitudine e nel suo dondolio incessante e angoscioso.

Carla Pisani Massamormile

IV A Liceo Mazzini

 

19:32 5/05

di Carla Pisani Massamormile


Inserisci un commento

Rubriche

LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI DEL "ROMA"
di Mimmo Sica
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici