Mercoledì 16 Gennaio 2019 - 17:49

Anna Mancini dal vivo al Mamamu

Venerdì 21 dicembre, l'espressiva chitarra della Mancini prenderà vita sul palco del Mamamu

Venerdì 21 dicembre, l'espressiva chitarra di Anna Mancini prenderà vita sul palco del Mamamu di Napoli per una serata dal grande impatto emotivo e musicale.

"Non so associare la mia musica ad un genere specifico - racconta Anna Mancini - su due piedi credo che oscilli tra il punk e lo sperimentale, con un approccio piuttosto anarchico. Di me posso dire che attualmente porto in giro un repertorio formato perlopiù da brani nuovi, alcuni dei quali fanno parte di un disco a cui sto lavorando ed altri composti negli ultimi mesi. Ho cercato di metter su un live abbastanza variabile alternando pezzi più “pestati” a qualcuno che possa risultare abbastanza melodico ma in realtà tendo ad improvvisare anche a seconda del pubblico che mi ritrovo davanti. Non essendo una cantante spesso finisco ad impossessarmi del microfono raccontando aneddoti e barzellette tra un’accordatura e l’altra, dovendo cambiarne diverse durante la serata. Di solito mi diverto a parlare delle mie disavventure, descrivendo episodi strettamente personali che racchiudono tutta la mia goffaggine o di come ad esempio alle scuole medie mi prendevano in giro chiamandomi Satana perché ero sempre vestita di nero e ascoltavo Marilyn Manson… non è un caso che l’unica cover che ho messo in scaletta sia un rivisitazione di Tubular Bells, colonna sonora de L’Esorcista, che peraltro è il mio disco preferito. Sono molto spontanea, forse un po’ esagero, eppure l’idea d’impostarmi alla stregua di una soubrettine paiettata mi fa accapponare la pelle. In sostanza non mi prendo mai sul serio, e fondamentalmente lo adoro".

Chitarrista e compositrice partenopea, Anna Mancini spazia dal tapping, abbinato ad un accompagnamento ritmico percussivo, agli armonici artificiali, all’impiego di diverse accordature alternative. Affascinata dalla musica sin dall’infanzia, si appresta allo studio del pianoforte ma decide presto di accantonarlo a causa dei continui clichè che le vengono imposti dall’insegnante. Ispirata dall’ascolto di Jimmy Page, sceglie la chitarra come mezzo di comunicazione, imparando a suonarla in maniera convenzionale finché scopre lo stile di Preston Reed, rimanendone folgorata in quanto le rievoca, tra le tante, la sua passione per la batteria. Dopo aver militato in molteplici progetti musicali viene invitata a presentare il suo primo demo individuale con un live al Circolo Degli Artisti di Roma, nel novembre del 2010, dove parte la sua attività. Da lì seguono diverse tappe italiane ed europee, tra club, teatri e manifestazioni che la vedono protagonista di concerti tenuti in Inghilterra, Germania, Belgio, Malta, Russia. Nel contempo intraprende a studiare con lo storico mandolinista napoletano Gennaro Petrone, con il quale vanterà una lunga collaborazione musicale. Partecipa alla realizzazione sonora di cortometraggi e partecipa anumerose iniziative artistiche. Nel 2014 realizza il suo primo album, Anna Mancini, prodotto da Stefano Baroneno Barone.

Marco Sica 

07:10 20/12

di Redazione


Inserisci un commento


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica