Giovedì 27 Aprile 2017 - 22:44

Festival della Televisione di Montecarlo, brillano le stelle di Hollywood

Nella 56a edizione vincono "Beautiful", "Csi" e "The Big Bang Theory". A Marg Helgenberger va il "Crystal Nymph Award". Sorride anche l'italia con due riconoscimenti speciali al giornalista Amedeo Ricucci per "La lunga marcia"

MONTECARLO. Per cinque giorni il Principato di Monaco è stato capitale mondiale della produzione audiovisiva. Le migliori serie televisive, documentari da tutti i continenti ed i più interessanti servizi giornalistici si sono dati battaglia al 56° Festival Internazionale della Televisione di Montecarlo. “Beautiful”, “Csi”, “The Big Bang Theory” hanno trionfato nella categoria “International Tv Audience” ricevendo il “Golden Nymph Award”. Il premio “Oscar” Marcia Gay Harden è la miglior attrice nella categoria “Drama” per la sua interpretazione in “Code Black”. Miglior attore “Comedy” è Bob Odenkirk grazie al fortunato “Better Call Saul”, spinoff di “Breaking Bed” (SCARICA QUI TUTTI I PREMI).

Sorride anche l’Italia con ben due premi speciali, quello per l'attualità istituito dal Ircc e quello per l’umanitario dell’Amade, andati entrambi al reportage “La lunga marcia” del giornalista Amedeo Ricucci andato in onda su Raiuno in “Tv7”, l’approfondimento del Tg1. Tricolore presente anche nella giuria di preselezione dove figurano l’attore Remo Girone, il regista Luigi Scaglione e la giornalista Alessandra De Tommasi.

Il tutto nella cerimonia di premiazione, tenutasi al Grimaldi Forum, presentata dall’attrice Jane Seymour (che per l’occasione ha sfoggiato un perfetto accento francese) e sotto l’occhio attento del “Monsigneur” Principe Alberto II di Monaco.

Una settimana ricca di eventi, tra workshop e incontri con i fan, che hanno visto sfilare sul red carpet tantissime celebrità internazionali da Danny Glover (“Arma Letale) a Jason Priestley (il “Brandon” di “Beverly Hills”) in qualità di presidenti di giuria, ai simpaticissimi Matthew Modine (era il soldato Jocker in “Full Metal Jacket” e ora in promozione per il suo “Super sex”) e John McCook (il mitico “Eric Forester” di “Beatutiful”) che hanno promesso di venire ben presto a Napoli fino a Vincent Garber e Jeffrey Tambor. Bagno di folla per il cast di “Chicago Med” capitanato da Brian Tee (il “cattivo” di “The Fast & Furious”), per i belli di “Grey’s Anatomy” Martin Henderson e Kevin Mckidd ed ancora Thomas Gibson (“Criminal Minds”), Aidan Turner (rumors lo danno come prossimo “James Bond”), Lisa Eldestein (“Dr. House”). Novità di questa edizione il ConTech Academy che, attraverso master class e panel, ha fatto incontrare creatori, produttori e innovatori dell’industria cinematografica.

Regina di questa edizione Marg Helgenberger che ha ricevto il “Crystal Nymph Award” succedendo a Donald Sutherland e Patricia Arquette. Il premio, realizzato dal maestro vetraio veneziano Giancarlo Signoretto, viene attribuito al miglior attore dell’anno. La Helgenberger è nota al grande pubblico per la sua interpretazione dell’analista Catherine Willows in “Csi: Scena del crimine”, per la quale ha ottenuto due Primetime Emmy e due Golden Globe.

"La 56a edizione è stata eccezionale per come ha celebrato la vastità di genere e l'eccellenza delle produzioni internazionali – così Laurent Puons, amministratore delegato del Montecarlo Television Festival. Siamo orgogliosi di poter offrire questa piattaforma unica per lanciare e mettere in luce questi show eccezionali, ponendoli all’attenzione dei media e degli spettatori di tutto il mondo. Un ringraziamento sentito va ai premiati ed anche ai membri della giuria, i presidenti, i nostri numerosi sponsor e tutti i fan per il loro entusiasmo ed il loro contributo”.

16:59 22/06

di Alessandro Savoia


Inserisci un commento

Rubriche

I PERSONAGGI DEL "ROMA"
di Mimmo Sica
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
I PERSONAGGI DEL "ROMA"
di Mimmo Sica
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici