Mercoledì 16 Gennaio 2019 - 18:16

Sanremo, tra i "big" c'è il ritorno di Nino D'Angelo

L'artista napoletano, come annunciato giovedì dal "Roma", è in gara in duetto con il rapper Livio Cori

di Ivano Avolio

NAPOLI. Ci ripetiamo: Andreotti diceva «A pensar male si fa peccato ma spesso si indovina». Suscita dubbi e perplessità il fatto che i tre giovani artisti napoletani siano stati messi l’uno contro l’altro nella stessa serata (stessa sorte anche per i due di Pietrasanta), mentre Milano e Roma divisi sulle due puntate: se anche i sorteggi Uefa sono spesso sospettati di manipolazioni, figurarsi quelli di Sanremo.

LA NUOVA FORMULA DELLA GARA. Dopo i nomi dei primi 11 cantanti che saranno protagonisti del Festival di Sanremo 2019, ieri sera è stato completato il cast e soprattutto è stato decretato il secondo giovane che conquista il “passaporto da big”: la nuova formula di “Sanremo Giovani” prevede due vincitori ex aequo, uno per ognuna delle due serate. Le canzoni vengono votate dalla Commissione Musicale guidata da Claudio Baglioni (peso percentuale del 40%), dalla giuria degli esperti presieduta da Luca Barbarossa e composta assieme a lui da Fiorella Mannoia, Annalisa Scarrone, Luca Bizzarri e Paolo Kessisoglu (30%), e ovviamente dal pubblico tramite il televoto (30%).

A VINCERE TRA I "GIOVANI" è MAHMOOD. Ad esibirsi sono in dodici: Federico Angelucci “L’uomo che verrà” (Foligno), Cannella “Nei miei ricordi” (Roma), Cordio “La nostra vita” (Catania), La Rua “Alla mia età si vola” (San Benedetto del Tronto), La Zero “Nina è brava” (Piano di Sorrento), Le Ore “La mia felpa è come me” (Viterbo) Mahmood “Gioventù bruciata” (Milano), Mescalina “Chiamami amore adesso” (Napoli), Francesca Miola “Amarsi non serve” (Venezia), Nyvinne “Io ti penso” (Milano), Roberto Saita “Niwrad” (Zurigo), Sisma “Slow motion” (Napoli). Vince e riceve anche il Premio della critica Mahmood, che si aggiunge ad Einar vincitore della prima serata ed entrambi entrano a far parte della sezione big dove troveranno Federica Carta e Shade (Senza farlo apposta), Patty Pravo con Briga (Un po’ come la vita), Negrita (I ragazzi stanno bene), Daniele Silvestri (Argento vivo), gli Ex Otago (Solo una canzone), Francesco Renga (Aspetto che torni), Boomdabash (Per un milione), Achille Lauro (Rolls Royce), Arisa (Mi sento bene), Enrico Nigiotti (Nonno Hollywood), Nino D’Angelo e Livio Cori (insieme nella foto, “Un’altra luce”): l’ex “caschetto biondo” torna in gara al festival dopo 8 anni, l’ultima volta fu nel 2010 in duetto con Maria Nazionale quando proposero “Jammo jà”.

I PRIMI CHE FURONO ANNUNCIATI GIOVEDì.  Completano il cast gli artisti estratti giovedì che erano: Paola Turci (L’ultimo ostacolo), Simone Cristicchi (Abbi cura di me), Zen Circus (L’amore è una dittatura), Anna Tatangelo (Le nostre anime di notte), Loredana Bertè (Cosa ti aspetti da me), Irama (Ragazza col cuore di latta), Ultimo (I tuoi particolari), Nek (mi farò trovare pronto), Motta (Dov’è l’Italia), Il Volo (Musica che resta) e Ghemon (Rose viola).

12:41 22/12

di Redazione


Inserisci un commento


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica