Venerdì 15 Dicembre 2017 - 5:24

Black Friday del Napoli, la Juve vince al San Paolo con Higuain

 Gli azzurri perdono per la prima volta in campionato, ma restano davanti ai bianconeri. Prestazione opaca

Black friday al San Paolo. Il  Napoli perde contro la Juventus a Fuorigrotta. Il big match che poteva essere decisivo riapre il campionato, dando la svolta soltanto alla squadra di Allegri, che adesso si riporta a -1 dagli azzurri, che rimangono al comando ma rischiano di perdere il primato perché l’Inter domani se la vedrà in casa con il Chievo. Sconfitta amara, perché la prestazione della squadra di Sarri è stata deludente. Un primo tempo poco brillante, una ripresa con tanto possesso palla, però fine a se stesso. Oltre al danno c’è anche la beffa, perché a decidere il match è di nuovo lui, l’odiato ex Gonzalo Higuaìn. Non doveva giocare e invece ha deciso lui la sfida del San Paolo. La Juve infligge la prima sconfitta stagionale al Napoli: 1-0, match-winner Higuain. In classifica bianconeri a -1 dai partenopei che domenica potrebbero perdere la testa a vantaggio dell’Inter.

Sarri recupera Mario Rui a sinistra, in regia c’è Jorginho con Allan e Hamsik a fare da scudieri, nessuna sorpresa davanti coi soliti tre. A pochi giorni dall’operazione alla mano Higuain prende il suo posto al centro dell’attacco con Dybala e Douglas Costa a sostegno in un 4-3-2-1 che vede Khedira, Pjanic e Matuidi in mezzo mentre Asamoah è preferito ad Alex Sandro. La partita si accende subito: Hamsik non arriva sull’assist di Allan dopo la palla velenosa di Pjanic, poi Reina in uscita è provvidenziale su Higuain. Ma al 13’ il Pipita non perdona: contropiede bianconero, Dybala allarga sulla destra per il connazionale che insacca. La reazione del Napoli è in un tiro da fuori di Hamsik che Buffon smanaccia in angolo.

La squadra di Sarri alza la pressione e la Juve non riesce più a uscire dalla sua metà campo anche se dietro tiene bene. Per due volte Buffon si oppone a Insigne, che ci prova prima dalla distanza dopo un errore in disimpegno di Chiellini, e poi di testa su angolo dalla sinistra. Chance anche per Callejon, che però incrocia male, poi fiammata di Dybala che spara alto.

Nella ripresa la Juve parte alzando il pressing ma cercando al contempo di abbassare i ritmi anche se il pallino del gioco resta ai partenopei. Le maglie bianconere cominciano ad allargarsi, Callejon arriva al tiro di poco a lato. In campo solo Napoli ma al 23’ miracolo di Reina che salva su Matuidi. Ancora Insigne vicino al gol con un diagonale che sfiora il palo ma è l’ultimo brivido: il muro bianconero regge e il Napoli cade. Una sconfitta antipatica, comunque accolta da un San Paolo da record che ha comunque applaudito la squadra nonostante la brutta prestazione. Tanti tifosi che hanno comunque sostenuto la squadra, perdonandola nonostante la grande voglia di battere i bianconeri. Invece bisognerà ripartire dalla Champions: mercoledì la gara decisiva in casa del Feyenoord, anche se per la qualificazione non dipenderà dal Napoli. L’obiettivo, adesso, è non accusare la botta dal punto di vista psicologico.

17:55 2/12

di Redazione


Inserisci un commento


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli