Martedì 21 Agosto 2018 - 18:04

Il Napoli vince ed è record di punti. Pari e scudetto per la Juventus

Gli azzurri battono la Sampdoria con i gol di Milik ed Albiol. I bianconeri festeggiano con la Roma

GENOVA (ITALPRESS) - Nella notte in cui vola ufficialmente via il sogno scudetto, il Napoli si consola tornando alla vittoria e battendo il record di punti che era stato registrato lo scorso anno: Milik e Albiol, nella ripresa, mettono la firma sul 2-0 di Marassi contro una Samp che, a sua volta, dice definitivamente addio all'Europa. Una prestazione d'alto livello quella messa in mostra dagli uomini di Sarri sotto la pioggia di Genova e nel corso di una partita interrotta per 4-5 minuti in seguito ai soliti, vergognosi cori all'indirizzo della citta' partenopea; persino Ferrero e' sceso in campo per placare gli animi. Di Milik e Albiol, tra il 27' e il 35' della ripresa, le reti in una gara che il Napoli ha controllato in lungo e in largo, e che si sarebbe anche potuta sbloccare dopo 4', quando Mertens ha infilato Belec (Viviano ko dell'ultim'ora, problemi al ginocchio) sottomisura: annullata la rete del belga, che pero' sembrava essere stato 'servito' da Andersen. Il diagonale di Caprari mette in qualche apprensione Reina, poi e' Belec costantemente sotto pressione: l'ex Inter salva sul destro a giro di Insigne, poi e' decisivo sullo stacco di Albiol e sulla botta improvvisa di Zielinski, preferito inizialmente ad Hamsik. Insigne si mette di nuovo in proprio, larga di poco la sua conclusione. Callejon arriva nei pressi di Belec dopo una splendida manovra corale, ma 'consegna' il pallone tra le braccia del vice Viviano. Koulibaly e Albiol ci mettono una pezza sul contropiede doriano gestito da Linetty, mentre e' provvidenziale la deviazione in barriera di Koulibaly sulla punizione ben indirizzata di Ramirez. Cresce la Samp: colpo di testa di Ferrari, traversa scheggiata.  

Il destro provato da Praet al rientro dagli spogliatoi conferma la crescita di una Sampdoria che soffre pero' sul suo lato destro, dove imperversa Insigne: altro movimento a rientrare e consueto tiro a giro, anche in questo caso Belec ne esce indenne. Al 61' Kownacki supera un paio di avversari e spara col sinistro, non andando lontano dal palo. Lo splendido uno-due Mertens-Insigne libera il numero 25 davanti a Belec, che ha un gran riflesso. Giampaolo e Sarri liberano i chili di Zapata e Milik (fuori Caprari e Mertens) e la mossa del tecnico azzurro da' subito i suoi frutti: praticamente al primo pallone toccato, il polacco si inventa un mancino a giro che non lascia scampo a Belec. Animi esacerbati e attorno alla mezz'ora del secondo tempo Gavillucci sospende il match a Marassi a causa dei cori contro la citta' partenopea ("Vesuvio lavali col fuoco" e "Napoli m...") dopo il gol realizzato da Milik. Dopo i vani interventi dello speaker (nel primo tempo anche Sarri si era lamentato per le frasi), il fischietto di Latina ha interrotto per 4-5 minuti il match: e' persino sceso in campo Ferrero. Alla ripresa, destro da fuori di Insigne murato da Belec. Poi il raddoppio e giu' il sipario: angolo di Rui, stacco di Albiol e 2-0. Finisce cosi'. All'Olimpico la Juventus trova il punto che le serviva: addio ufficiale al tricolore. Ma applausi comunque a un Napoli che ha tenuto a lungo vivo un sogno. Alla Samp resta la soddisfazione per una prima parte di stagione ad altissimo livello. 

23:03 13/05

di Redazione


Inserisci un commento


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
SCATTI DI BIRRA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli