Sabato 16 Dicembre 2017 - 14:05

la mamma di Ciro Esposito chiede la revisione del processo

La signora Antonella Leardi, alla vigilia della sfida dell’Olimpico, parla della vergognosa sentenza per Gastone De Santis: «Quello sconto di pena è inammissibile, offende la giustizia». Migliaia di firme per la petizione

Antonella Leardi non ci sta. La mamma di Ciro Esposito, il tifoso del Napoli barbaramente ucciso da Gastone De Santis prima del match di Coppa Italia con la Fiorentina al San Paolo, alza la voce alla vigilia proprio del match tra azzurri e Roma all’Olimpico. Impossibile accettare, infatti, la nuova sentenza del tribunale che deprezza la morte del povero Ciro. «Chiedo la revisione del processo », ha detto la signora Leardi ad Hangover Entertainment. Sostenuta da una petizione popolare dove già ci sono state migliaia di adesioni, la mamma di Ciroè molto critica: «Quello sconto di pena è inammissibile, offende la giustizia, voglio la revisione del processo ». Una presa di posizione importante visto e considerato che De Santis era lì con una pistola per uccidere.

 

DECISO L’ITINERARIO PER I SOSTENITORI AZZURRI. Tanti gli uomini delle forze dell’ordine impiegati per questa sfida Roma-Napoli delle 20,45. All’Olimpico ci saranno quasi quarantamila spettatori. A preoccupare l’ordine pubblico, però, è la presenza di tanti tifosi napoletani non residenti in Campania. Proprio per questo motivo la Questura ha deciso di organizzare degli itinerari per evitare che ci possano essere degli scontri con gli ultrà giallorossi. Per arrivare allo stadio Olimpico si dovrà andare per via Salaria e via Flaminia, con aree di parcheggio individuate in via Macchia della Farnesina per le auto mentre i bus raggiungeranno direttamente l’area antistante il settore ospiti, che sarà aperto alla vendita per tutti i tifosi del Napoli, fatta eccezione per i residenti in Campania. «La buona riuscita del piano di sicurezza - sottolinea la Questura - è direttamente collegata alla collaborazione delle tifoserie, a cui è richiesto di seguire l’indicazione delle forze dell’ordine». È stato chiesto poi di non ostentare i vessilli azzurri per evitare agguati.

 

L’APPELLO DEL CODACONS. Il Codacons lancia l’appello per la partita di domani sera al San Paoli. Si chiede, infatti, agli organi competenti di mettere in atto ogni misura utile a garantire la sicurezza pubblica. «È necessario modificare le normali procedure di ingresso allo stadio perquisendo tutti i tifosi che entreranno all’Olimpico, con controlli non a campione, ma sulla totalità degli spettatori, anticipando l’orario di apertura dei cancelli - spiega il presidente Carlo Rienzi - Questo per evitare l’ingresso di armi, esplosivi e altri oggetti contundenti che potrebbero mettere in serio pericolo l’incolumità degli spettatori e provocare feriti. È necessario inoltre battere a tappeto la zona attorno allo stadio con controlli serrati e una ingente presenza delle forze dell'ordine, per evitare scontri prima e dopo la partita. La presenza di agenti deve essere incrementata in tutta la città, allo scopo di prevenire disordini e possibili agguati», conclude Rienzi.

11:32 13/10

di Redazione


Inserisci un commento


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli