Mercoledì 26 Aprile 2017 - 4:16

Sarri ci crede: «Possiamo arrivare secondi»

L'allenatore azzurra lancia la sfida alla Roma

"C'è la possibilità di arrivare al secondo posto, voglio fare bene fino alla fine, mi piacerebbe perché ci siamo confermati con tantissime problematiche in più". Il tecnico del Napoli, Maurizio Sarri, lancia la sfida alla Roma per il secondo posto al momento occupato dai giallorossi con due punti di vantaggio sugli azzurri. "Siamo cresciuti come mentalità e rosa -aggiunge Sarri in conferenza stampa alla vigilia della trasferta di Empoli-, l'anno scorso con queste problematiche non avremmo messo una pezza, quest'anno invece ci siamo riusciti, tutti quelli entrati hanno fatto bene. Se l'anno scorso avessimo avuto Coppa d'Africa, crociati, impegni di Champions, chissà quanti punti avremmo perso, quest'anno invece abbiamo contenuto grazie alla rosa". Malgrado la crescita della squadra per vincere manca ancora qualcosa secondo l'allenatore degli azzurri: "E' vero ci manca qualcosa ma non manca molto. Ci sono dettagli individuali e collettivi, come l'alimentazione, il recupero infortuni e ora si sta lavorando anche su questi particolari. Se questo gruppo lima i particolari si lavora su quel 7-8% possibile di miglioramenti. Per una squadra che ha fatto 82 punti, magari passando ad 89, significa diventare davvero competitivi". L'allenatore toscano sottolinea le difficoltà della trasferta di Empoli: "Il Napoli non ha mai vinto ad Empoli. Nelle ultime due volte ad Empoli ha preso 6 gol. Conosco l'ambiente, che resta tranquillo ma reagisce, quindi troveremo un avversario applicato che ci complicherà la gara in maniera importante. Sarà una gara difficile e delicata, ho cercato di passare il messaggio ai ragazzi". Sarri chiude parlando dei singoli, in particolare Jorginho e Pavoletti: "Jorginho dà palleggio e velocità di pensiero che hanno in pochi in Europa, poi come tutti ha delle controindicazioni. Quest'anno giochiamo sempre in velocità e questo costringe i centrocampisti a corse più lunghe, a ritmi più alti. A campo aperto Diawara ci dà più resistenza, ma se teniamo noi la partita in mano Jorginho ci dà più palleggio. Pavoletti? Un po' lui deve abituarsi alla squadra ma anche la squadra dovrà abituarsi a lui. Sta crescendo di condizione, veniva da un momento travagliato con pochi allenamenti. Quando lui entra la squadra deve cambiare un po' pelle".

16:50 18/03

di Redazione


Inserisci un commento

Rubriche

I PERSONAGGI DEL "ROMA"
di Mimmo Sica
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
DIRITTI&LAVORO
di Carlo Pareto
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
I PERSONAGGI DEL "ROMA"
di Mimmo Sica
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli