Martedì 19 Giugno 2018 - 16:15

È morto Luigi Necco, Napoli piange il giornalista degli scudetti di Maradona

Storico cronista della Rai, innamorato dell'archeologia. Nel 1981 fu gambizzato dalla camorra. Avrebbe compiuto 84 anni a maggio. Camera ardente nella cappella del Cardarelli. Domani i funerali. L'ultima intervista sul Roma

NAPOLI. E' morto a Napoli all'età di 83 anni Luigi Necco, giornalista Rai, uno dei volti storici della trasmissione sportiva 90° minuto. Necco è morto all'ospedale Cardarelli di Napoli, stroncato da un'insufficienza respiratoria. E' stato per 15 anni il corrispondente da Napoli per 90° minuto, guadagnandosi un posto nell'immaginario collettivo dell'epoca per i suoi collegamenti a fine partita dallo stadio San Paolo negli anni di Maradona e degli scudetti. Necco ha inoltre presentato per molti anni la trasmissione "L'emigrante" in onda su Canale 9. Nota anche la sua passione per l'archeologia. A lui il caporedattore centrale del Tgr Campania, Antonello Perillo, ha dedicato un tweet: "Addio al grande Luigi Necco. Per sempre nel cuore della famiglia Rai e di milioni di telespettatori che non lo dimenticheranno mai". Di solito il lunedì partecipava ad una trasmissione sportiva ma da un mese circa non c'era perché ricoverato al Cardarelli, dove si è spento alle quattro di questa mattina.

DOMANI I FUNERALI. I funerali si terranno domani alle 12 nella chiesa di San Giovanni dei Fiorentini, in piazza degli Artisti a Napoli. La salma di Luigi Necco è esposta al pubblico nella camera ardente allestita nella cappella del padiglione monumentale dell'ospedale Cardarelli. Il sindaco ha disposto l'invio del gonfalone del Comune. Sul posto si è già recato il vicesindaco Raffaele Del Giudice. De Magistris domani parteciperà ai funerali.

L'ARCHEOLOGIA, LA POLITICA. Necco non fu solo telecronista sportivo, ma anche un innamorato dell'archeologia e vittima di camorra. Nel suo passato, anche un periodo come consigliere comunale nelle liste dei Democratici di sinistra nel 1997. Per la Rai aveva pure ideato e condotto la rubrica L'occhio del faraone dal 1993 al 1997, nella quale realizzò documentari e servizi sull'archeologia dell'area mediterranea. Tra i suoi scoop, anche l'individuazione del nascondiglio e dei ladri del tesoro miceneo che Enrich Schliemann aveva trovato scavando a Troia nel 1873 e che si credeva andato distrutto nei bombardamenti su Berlino del '45.

GAMBIZZATO DALLA CAMORRA. Necco nel 1981 fu gambizzato dalla camorra di Raffaele Cutolo all'uscita da un ristorante ad Avellino.

IL CORDOGLIO DEL SINDACO DE MAGISTRIS. “Con Luigi Necco muore un maestro del giornalismo napoletano. Indimenticabile, nei miei anni di gioventù, la sua inconfondibile voce a 90 minuto, sempre puntuale e pungente. Giornalista d'inchiesta e capace di approfondimenti originali, sempre da pungolo per tutti. Con Lui ho avuto un rapporto autentico, di stima e di affetto reciproci, gli ho sempre voluto bene anche quando capitava che non ne condividevo le analisi sulla Città. Con Luigi Necco se ne va un pezzo storico del giornalismo di Napoli. Un forte abbraccio personale alla famiglia ed al mondo dei giornalisti ai quali anche Necco, da pensatore libero, non risparmiava critiche. Ci resterà il ricordo della sua arguzia, della sua ironia e della sua straordinaria competenza sportiva ed archeologica. L’amministrazione comunale, a mio nome, esprime profondo cordoglio per la scomparsa di un napoletano vero, autentico, legato alla nostra terra da un profondo amore.”  È il messaggio di cordoglio del sindaco Luigi de Magistris.

IL GOVERNATORE DE LUCA. "Esprimiamo profondo cordoglio per la scomparsa di Luigi Necco, maestro di giornalismo e interprete dell'impegno civile per il Sud attraverso la sua grande cultura, la sua grande umanità, in simbiosi con Napoli e i napoletani. Ne ricordiamo l'intelligenza e l'ironia, la capacità di interpretare i sentimenti più autentici dei tifosi e dei cittadini, sempre con garbo, leggerezza e passione civile". E' quanto si legge in una nota del presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca. 

IL NAPOLI CALCIO. Cordoglio per la scomparsa del giornalista Luigi Necco da parte del Napoli calcio. In una nota sul sito del club il presidente Aurelio De Laurentiis, i dirigenti, lo staff tecnico, la squadra e tutta la società "si uniscono al dolore della famiglia ed esprimono profondo cordoglio per la morte di Necco, figura storica del giornalismo e volto di spicco della Rai". "Necco ha raccontato per decenni le gesta sportive del Napoli con un garbo, eleganza, professionalità, passione e sempre - sottolinea il club campano - con uno sguardo ironico e sorridente che ha reso il suo stile unico ed inimitabile". 

08:14 13/03

di Redazione


Inserisci un commento


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

SCATTI DI BIRRA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
SCATTI DI BIRRA
di Alfonso Del Forno
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)