Martedì 13 Novembre 2018 - 6:10

Buon lavoro e buona fortuna

Opinionista: 

Aldo de Francesco

In un tempo in cui riemerge, sempre più forte e nei più vari contesti, la nostalgia del passato, come ritorno a un mondo serio, leale, positivo che, anche se aveva i suoi problemi, era più umano e vivibile, la sede di uno storico, glorioso, monumentale giornale, custode anche di parte di questo passato, come “Il Mattino”, che oggi trasloca, a me piace dire più sinceramente viene trasferito, dalla mitica via Chiatamone altrove, in una periferia deserta della città, al 33° piano di un grattacielo, è una crudeltà: uno sradicamento. Uno sradicamento è sempre una dissacrazione, quale che sia, di una capanna, di un container, di una reggia. A maggior ragione di un giornale. Il giornale è un immenso sacro albero genealogico, sui cui rami sono sempre vivi i nomi di giornalisti, maestranze, artisti, di gente che vi ha lavorato, e s’è donata con una passione indomabile, senza risparmio. Doveva restare, lavorare nel cuore della città che, ogni alba, appena desta, si è sempre chiesta: “Ma ’o Matino ogg che dice?”. Pensate, per scongiurare l’offesa di un fatale, naturale sradicamento, in un piccolo borgo del Cilento, Perito Belvedere, due artisti Peppino Apolito e Roberto Baglivo, stanno trasformando da mesi i tronchi degli alberi di ulivo, non più produttivi, in tante statue, per preservarli da un’ingrata sorte. Di fronte a un esempio di simile corale sensibilità, il pensiero non può non correre a rimarcare ciò che non si è fatto e che, invece si sarebbe dovuto fare, per scoraggiare, evitare, contrastare questa decisione. La città delle “magnifiche sorte e progressive” ancora una volta ha taciuto con un cinismo, che, poi, puntualmente, di fronte a diffuse meschinerie, si libererà con un “Viva Napoli” liberatorio. Purtroppo le odierne logiche editoriali, con il tramonto degli editori puri, che facevano quadrare “sentimenti e bilanci”, non potranno mai capire queste rispettose sinergie: sanno governare la vita e la coscienza con un solo cruccio, innominabile, quello che ha spedito un giornale sempre più in alto tra le nuvole, lontano dalla città, di cui è la voce. Io sono nato al vecchio “Roma” di Via Marittima, ma rinato al “Mattino”, sono molto grato alle due gloriose testate, come me molti altri colleghe e colleghi hanno avuto lo stesso percorso, in passato e nel presente, e potranno avere anche in futuro, percorso che è stato, per usare il linguaggio giusto di uno storico antico Senofonte, da “anabasi”, da marcia in su, di graduale ascesa da Via Marittima a Via Chiatamone, e conservo memorie nobili di comuni generazioni giornalistiche, che solo avendole vissute, si possono capire e interpretare. Oggi mi riesce solo dire che questo trasferimento mi rattrista da tempo e si rinnova ogni qualvolta mi tocca scriverne, questa volta di rigore per espressa sensibilità del direttore Antonio Sasso. Negli ultimi anni con la redazione del “Roma”, a pochi metri dal “Mattino”, nella stessa strada di Via Chiatamone , la “parentela”, già stretta, tra i due giornali, nati entrambi nell’800, al servizio della unificazione, di un grande ideale, si è cementata per una frequentazione più assidua, servita ad approfondire i rapporti, oltre che di confidenze professionali, anche di vita e di gusti, per i tantissimi pranzi sul lungomare passati insieme, con gli occhi alle pietanze e agli orari delle riunioni redazionali. Tutta questa liturgia, espressa e inespressa, di affetti e di amicizia ci mancherà; è una parola molto seria e vera, lo so, ma non ne trovo una diversa e più sincera, ci sentivamo più forti e motivati nel sapere i colleghi del “Mattino” così vicini. Oggi si dice che si è cittadini del mondo non dei luoghi: è vero. Per i giornali, invece, non sono d’accordo: avviene il contrario, si è sempre figli dei luoghi. Auguri di buon lavoro, cari colleghe e colleghi, dalla nuova redazione voi vedrete la città dall’alto, è un buon inizio: potrete tenerla meglio in pugno. Buona fortuna!

Share

Commenta

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Global tokens will be replaced with their respective token values (e.g. [site:name] or [current-page:title]).
  • Twitter-style #hashtags are linked to search.twitter.com.
  • Twitter message links are opened in new windows and rel="nofollow" is added.
  • Twitter-style @usernames are linked to their Twitter account pages.
  • Replaces [VIDEO::http://www.youtube.com/watch?v=someVideoID::aVideoStyle] tags with embedded videos.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici