Martedì 12 Dicembre 2017 - 9:12

Ma i burocrati europei ci mancano di rispetto

Opinionista: 

Ottorino Gurgo

Mai, forse, come questa volta, l'esito della lunga campagna elettorale già cominciata e destinata a protrarsi per i mesi a venire, è imprevedibile. Ma, tra tanta incertezza, quel che appare sicuro – indipendentemente dal giudizio positivo o negativo che si abbia sul personaggio - bisogna prendere atto del fatto che Silvio Berlusconi è tornato ad esercitare un ruolo di primo piano sulla scena politica nazionale. Anche coloro - ed erano in molti - che reputavano l'ex cavaliere ormai relegato ai margini, sono stati costretti a ricredersi. E, tuttavia, un grande interrogativo circonda questo prepotente ritorno di Berlusconi sulla scena. Ci si chiede, cioè, quale sarà il ruolo che egli potrà esercitare: se - come egli stesso ha affermato facendo ricorso a una metafora calcistica - sarà un giocatore (in grado di guidare da capitano la coalizione di centro-destra) o soltanto l'allenatore della squadra, costretto ad operare dal bordo del campo. La risposta a questo interrogativo, come è noto, deve venire dalla Corte europea dei diritti umani di Strasburgo, chiamata a pronunciarsi sull'applicabilità o meno al leader di Forza Italia della legge Severino che ha sancito la sua decadenza da senatore e la sua ineleggibilità. La Corte ha già tenuto la sua seduta, ma la decisione alla quale è pervenuta sarà resa nota - a quel che si dice - soltanto tra qualche mese. In sostanza, Berlusconi potrebbe essere costretto, per il ritardo di questa decisione, a non candidarsi ma, a tempo scaduto, potrebbe veder riconosciuto il proprio diritto a essere eletto. A prescindere da ogni valutazione di merito (per la quale ci sembra doveroso lasciar la parola ai giuristi ai quali spetta di pronunciarsi sull’applicabilità o meno della legge Severino) ci sembra di poter dire che l'assurdo che questa situazione determina, stia proprio nel rinvio a tempo indeterminato della decisione della Corte a causa della quale potrà accadere che, nel nostro paese, le elezioni si celebrino prima della sentenza impedendo a Berlusconi di candidarsi. E non v'è chi non veda come la presenza o meno di Berlusconi possa incidere sul risultato delle urne. Oseremmo dire che il fatto che il leader di Forza Italia abbia torto o ragione, a questo punto, è quasi secondario. Due cose ci sembra, invece, di dover rimarcare. La prima è che questa vicenda rivela, in modo inequivocabile, come il vero elemento caratterizzante dell'Europa e dei suoi organismi sia la burocrazia. Sapere se Berlusconi ha diritto o meno di partecipare alle elezioni - che è la sostanza del problema - passa in secondo piano. Quel che viene fatto contare sono i tempi e i modi che la burocrazia impone. La seconda e forse più importante notazione concerne l'assoluta mancanza di rispetto che, attraverso la Corte di giustizia di Strasburgo, l'Europa dimostra nei confronti non tanto di Berlusconi, quanto dell'Italia. Del fatto che nel nostro paese si svolgano elezioni la cui importanza è decisiva per il suo futuro è che la loro sentenza, qualunque essa sia, ai "signori dell'Europa" importa poco. Quel che importa è che siano mantenute le regole della loro burocrazia. Ci sia consentita un'ultima considerazione che riguarda esclusivamente noi italiani. Proprio per attendere la sentenza di Strasburgo, Berlusconi ha timidamente avanzato la proposta di far slittare a maggio il voto. Ad opporsi aspramente ad una simile ipotesi è stato, più di ogni altro, Matteo Salvini che pure è il suo principale alleato. Perché? La risposta è abbastanza semplice: perché se Berlusconi non potrà candidarsi, Salvini conta di essere lui il leader della coalizione di centro-destra. Miserie di una campagna elettorale sempre più squallida.  

Share

Commenta

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Global tokens will be replaced with their respective token values (e.g. [site:name] or [current-page:title]).
  • Twitter-style #hashtags are linked to search.twitter.com.
  • Twitter message links are opened in new windows and rel="nofollow" is added.
  • Twitter-style @usernames are linked to their Twitter account pages.
  • Replaces [VIDEO::http://www.youtube.com/watch?v=someVideoID::aVideoStyle] tags with embedded videos.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)