Domenica 20 Agosto 2017 - 7:53

Si faccia giustizia per la mia Napoli

Opinionista: 

Mimmo Falco

Egregio Direttore, nei nostri incontri ormai quotidiani sul lungomare di Napoli, parliamo della città dei suoi mille volti, degli infiniti problemi, delle potenzialità inespresse della sciatteria di chi comanda, di quello che la città dovrebbe essere e non è. Noi amiamo Napoli più di ogni altra cosa, ci dilunghiamo nel discutere spesso sulla incultura imperante, sulla mancanza di progetti e di prospettive per rendere Napoli Capitale del Mediterraneo. Discutiamo a tutto campo, senza preclusioni ideologiche o appartenenze partitiche. Vorremmo che i napoletani avessero lavoro, che le periferie fossero rese vivibili, che il Centro storico fosse valorizzato al massimo. Ebbene le nostre discussioni alcune volte, si soffermano sui grandi personaggi, quali Salvator Rosa, Vincenzo Gemito, Luca Giordano, ed ancora Benedetto Croce, Matilde Serao e via discorrendo. Ci rammarichiamo, quando altri trattano la città una schifezza e prendiamo anche atto della sotto cultura ormai imperante. Ricordiamo solo alcuni come Gianbattista Vico, Tommaso Campanella, Alessandro Dumas, Johann Wolfgang Ghoete che sono rimasti estasiati di Napoli. Per non parlare di poeti come Salvatore Di Giacomo, Libero Bovio, Ferdinando Russo che Napoli l’avevano nel cuore. O di attori e autori come Eduardo, Peppino De Filippo, Nino Taranto, Totò, e di cantanti come Sergio Bruni, Maria Paris, Franco Ricci, Giacomo Rondinella, Nunzio Gallo e tantissimi altri che Napoli la onoravano con la loro arte. Ebbene caro Direttore, attraverso le colonne dello storico e prestigioso giornale che dirigi, voglio essere tra i primi ad utilizzare lo strumento dell’Amministrazione comunale di Napoli “Difendi la città”, chiedendo che vengano individuati e perseguiti secondo la legge quanti hanno ridotto la città nello stato in cui si trova. Strade prive di illuminazione pubblica decente, manti stradali senza manutenzione alcuna, rifiuti abbandonati nelle strade principali della città, periferie ghettizzate, trasporto pubblico al collasso. Centro storico abbandonato a se stesso. E stendo un velo pietoso su Napoli-Est e Bagnoli. Insomma chiedo giustizia per Napoli. E non vorrei essere frainteso ma ricordo un antico detto napoletano: “Giacchino mettètte ’a legge e Giacchino fuje ’mpiso”.

Share

Commenta

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Full HTML

  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Global tokens will be replaced with their respective token values (e.g. [site:name] or [current-page:title]).
  • Twitter-style #hashtags are linked to search.twitter.com.
  • Twitter message links are opened in new windows and rel="nofollow" is added.
  • Twitter-style @usernames are linked to their Twitter account pages.
  • Replaces [VIDEO::http://www.youtube.com/watch?v=someVideoID::aVideoStyle] tags with embedded videos.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Rubriche

REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI DEL "ROMA"
di Mimmo Sica
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI DEL "ROMA"
di Mimmo Sica
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale