Martedì 26 Settembre 2017 - 18:21

Il “reverse charge” contro evasioni e frodi

Da alcuni anni, l’amministrazione finanziaria, tra i vari sistemi di lotta e contrasto all’evasione e frodi fiscali, ha introdotto il metodo del Reverse Charge cioè inversione contabile. Tale istituto, riguardava precedentemente solo: acquisti da soggetti passivi Iva “stabiliti” in altro Paese della UE; Reverse charge interno nel caso in cui sia il cedente / prestatore che il cessionario / committente non siano “stabiliti” in Italia; Acquisti intracomunitari di beni di cui all’art. 38 del D.L. n. 331/1993; Cessioni di immobili abitativi e strumentali a soggetti passivi IVA in caso di opzione, da parte del cedente; Subappalto in edilizia; alla luce delle modifiche apportate dalla legge di stabilità 2015, tale meccanismo contabile è stato introdotto anche per i seguenti settori: prestazioni di servizi di pulizia, di demolizione, di installazione di impianti e di completamento relative ad edifici; Trasferimenti di quote di emissioni di gas a effetto serra (lettera d bis): Trasferimenti di altre unità che possono essere utilizzate dai gestori e di certificati relativi al gas e all’energia elettrica (lettera d-ter) Cessioni di gas e di energia elettrica ad un soggetto passivo-rivenditori di cui all’art. 7-bis, comma 3, lettera a) del D.P.R. n. 633/1972 (lettera d-quater). Cessioni di beni, anche tramite commissionari, effettuate nei confronti di ipermercati, supermercati e discount alimentari (lettera d-quinquies). Cessioni di bancali di legno (pallet) recuperati ai cicli di utilizzo successivi al primo Pertanto chiunque effettuerà, a decorrere dal 01.01.2015 una delle prestazioni sopra indicate, a favore di un altro soggetto passivo d’imposta (esclusi i privati), dovrà emettere fattura senza applicazione dell’imposta, annotando sulla stessa che trattasi di inversione contabile con gli estremi della nuova norma: “fattura emessa ai sensi dell’art.17, sesto comma, lettera ater, del D.P.R. n. 26 ottobre 1972 n.633”. Come funziona il reverse charge: il fornitore emetta una fattura senza applicare alcuna imposta, con l’annotazione di cui sopra, l’acquirente integra la fattura ricevuta dal fornitore con l’indicazione dell’aliquota e della relativa imposta e la registra sia nel registro delle vendite che nel registro degli acquisti. La norma chiarisce sia le operazioni che i soggetti interessati a questo meccanismo. Per quanto riguarda l’oggettività della prestazione, vengono individuate le prestazioni di servizi di pulizia, di demolizione, di installazione di impianti e di completamento, sempre che si tratti di prestazioni relative ad edifici, pertanto per semplificare se le pulizie riguardano un macchinario o un altro bene mobile, non verrà applicato il metodo dell’inversione contabile. Il metodo dell’inversione contabile potrà esser applicato solo nei confronti di soggetti passivi d’imposta , cioè di coloro che detraggono l’iva sugli acquisti , pertanto in caso di prestazioni a favore di condomini o privati , il soggetto fornitore dovrà emettere fattura con aliquota iva corrispondente. Il meccanismo del reverse charge non trova applicazione alle prestazioni collegate e pertanto rese da soggetti che operano nel regime dei contribuenti minimi e che, quindi, fatturano le prestazioni senza Iva, indipendentemente dal soggetto ricevente la prestazione. Per semplificare quanto detto , poniamo il caso delle imprese di pulizie , le quali avranno tre diverse modalità di emissione delle fatture a seconda delle caratteristiche soggettive del proprio cliente. Fatture nei confronti di soggetti privati – il reverse charge non si applica se il cliente è un soggetto privo di partita Iva. Fatture nei confronti di condomini – Anche per i condomini nulla cambia, non si applica il meccanismo del reverse charge, e prestare attenzione all’inserimento in fattura della ritenuta d’acconto del 4%, in quanto i condomini sono sostituti d’imposta. Fatture verso soggetti passivi Iva – Se la fattura è emessa verso soggetti passivi Iva (imprese o professionisti), oltre a non applicare la ritenuta d’acconto, non deve essere esposta l’Iva in fattura, e va riportata la dicitura “reverse charge” ai sensi dell’articolo 17, comma 6 lettera a)-ter, DPR n. 633/72.

di Carmine Damiano

Commenta

Rubriche

LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI DEL "ROMA"
di Mimmo Sica
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici