Martedì 13 Novembre 2018 - 6:30

Buche a Roma, monnezza a Napoli e moda a Milano

E ci risiamo! Ancora una volta la gogna mediatica ha colpito la nostra stupenda città. Questa volta a tirarla in ballo, è stato il teleimbonitore Giorgio Mastrota (il maiuscolo non glielo diamo manco si c’accidene), laureato in scienze politiche; titolo che lo abilita a gonfiarci a dismisura, la “cosiddetta”, nel proporci l’acquisto di tielle, caccavelle, matarazzi e quant’altro, e ciò non è di certo denigratorio nei suoi confronti perchè, il lavoro, qualunque esso sia, è sempre dignitoso per l’uomo, non per niente il Luigino Di Maio, pur avendo frequentato le facoltà di ingegneria e legge, non ha esitato ad esercitare il mestiere di bibitaro, allo stadio San Paolo, per tirare a campare. Comunque veniamo al fatto: alcune settimane fa, ci siam dovuti occupare, ahinoi, e grazie allo spirito combattivo del prof. Gennaro De Crescenzo, presidente dei neoborbonici, della guida Feltrinelli “L’Italia del sud e le isole”, dove tra l’altro, il capolavoro vanvitelliano, cioè la reggia di Caserta, veniva definita “...una struttura monotona, qualche mobile in stile impero, moda importata dalla Francia... tra i ritratti quello del tarchiato Francesco I”, col risultato che la casa editrice l’ha ritirata dal commercio. Invece il Mastrota di cui sopra, nel pubblicizzare la nuova serie tv “Romolo+Giuly” che andrà in onda sul canale Fox, con la sua naturale enfasi nel parlarci di acciaio inox, padelle inossidabili e materassi con centinaia di molle, ha tenuto a precisare che Roma è la città delle buche, Napoli quella della spazzatura e Milano quella della moda. Al che, e non poteva essere diversamente, si è scatenata l’ira del web, così feroce che, la casa produttrice, ha tagliato dal promo la parte incriminata. Ma non è che possiamo fare sempre questo: rincorrere i denigratori della nostra terra. Al Mastrota vorremo far presente che Milano è si la capitale della moda ma, della moda del fottere soldi, come quelli dell’Expo, della Lega Nord ed altri “affarucci” del genere.; come? Non ricordi? E allora, travasando i versi del Giusti nella poesia Sant’Ambrogio, ti diciamo “Che fa il nesci giorgetto o non ci ascolti? Ah intendo, il tuo cervel, Dio lo riposi, a pentole e padelle è affaccendato, e all’expo e la lega... è sotterrato!”. Comunque caro (sic) mastrota, di una cosa vogliamo ringraziarti; eh si, perchè grazie alle tue caxxate, siamo certi che, non vedremo mai quella caga... pazzesca che si chiama “Romolo+Giuly”. Alla prossima.

di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)

Commenta


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici